Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 













MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web








  LOGIN


Username
 
Password
 
     
   


 
Notiziario Marketpress di Lunedý 14 Marzo 2005
 
   
  Pagina4  
  I BIOLOGI ASSOCIANO L'IMMUNIT└ DEGLI EUROPEI AL VIRUS DELL'HIV ALLE EPIDEMIE DIFFUSESI NEL MEDIO EVO  
   
  Bruxelles, 14 marzo 2005 - Alcuni biologi dell'UniversitÓ di Liverpool, nel Regno Unito, hanno pubblicato un nuovo studio dal quale risulta che, se il dieci per cento degli europei Ŕ immune al virus dell'Hiv, ci˛ Ŕ dovuto alle epidemie che si diffusero nel continente in epoche passate. Gli scienziati sanno da tempo che queste persone sono portatrici di una mutazione genetica (del gene chiamato Ccr5) che impedisce al virus dell'Hiv di penetrare nel loro sistema immunitario. A sconcertarli Ŕ stato il fatto che l'Hiv Ŕ comparso solo di recente e quindi non pu˛ aver fatto aumentare la frequenza della mutazione fino ai livelli elevati che si riscontrano oggi in alcune parti d'Europa. Tuttavia, un nuovo studio condotto da Christopher Duncan e Susan Scott attribuisce la grande diffusione della mutazione al fatto che essa previene il contagio anche da un'altra malattia virale mortale che ha devastato l'Europa in passato. Secondo il professor Duncan, "Il fatto che la [...] mutazione sia limitata all'Europa sta ad indicare che le epidemie del Medio Evo hanno svolto un ruolo fondamentale nell'aumento della frequenza della mutazione. Anche queste epidemie rimasero confinate all'Europa, si protrassero per oltre 300 anni ed ebbero un tasso di mortalitÓ del 100 per cento". Mentre alcuni storici hanno cercato di sostenere che le varie epidemie che si diffusero in Europa nelle epoche passate erano focolai di peste bubbonica, che Ŕ una malattia batterica, il professor Duncan e la dottoressa Scott hanno dimostrato che in realtÓ si trattava di epidemie di una febbre emorragica virale e letale che utilizzava il gene Ccr5 per penetrare nel sistema immunitario. Avvalendosi di modelli computerizzati, i due ricercatori hanno dimostrato come il manifestarsi di questa malattia nel corso della storia abbia fornito la pressione selettiva necessaria - offrendo semplicemente protezione da una morte altrimenti certa - a fare aumentare la frequenza di questa mutazione genetica da 1 caso su 20.000 all'epoca della "morte nera", nel 1347, ai valori odierni di 1 caso su 10. "L'epidemia emorragica non scomparve dopo la grande peste di Londra del 1665-66, ma continu˛ a dilagare in Svezia, a Copenaghen, in Russia, in Polonia e in Ungheria fino al 1800", ha concluso il professor Duncan. "Il perdurare dell'epidemia emorragica ha determinato il protrarsi della pressione selettiva sulla [mutazione genetica] ed Ŕ per questo che oggi essa si riscontra con la massima frequenza in Scandinavia e in Russia".  
     
  <<BACK