Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 







MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web




 


GIOVEDI

PAGINA 1 PAGINA 2 PAGINA 3 PAGINA 4 PAGINA 5 MODA E TENDENZE ALIMENTAZIONE
Notiziario Marketpress di Giovedì 06 Settembre 2007
OLTRE 130 PARLAMENTARI EUROPEI SOLLECITANO IL "MADE IN"  
 
 In una conferenza stampa tenutasi ieri 6 settembre al Parlamento europeo di Strasburgo i rappresentanti italiani dei principali gruppi On. Antonio Tajani, On. Gianni Pittella, On. Lapo Pistelli, On. Cristiana Muscardini, On. Monica Frassoni, On. Roberto Musacchio, On. Iles Braghetto hanno ribadito l´importanza cruciale, per i consumatori e per la competitività europea, dell´introduzione obbligatoria del Made In per alcune categorie di beni importati. Alla Conferenza e´ intervenuto il Ministro per lo Sviluppo Economico Pier Luigi Bersani, che in continuità con il Governo precedente, ha sostenuto l´importanza di far approvare al più presto la proposta della Commissione europea attualmente all´esame del Consiglio. Con il Made In obbligatorio si vorrebbe ottenere un marchio di origine per alcune categorie di merci (tessile-abbigliamaento, calzature-concia - cuoio, spazzole, ceramica, arredamento e gioielleria) importate da paesi terzi all´Unione europea. La situazione di stallo e´ essenzialmente dovuta all´opposizione di alcuni paesi del Nord Europa, che riflette l´orientamento di certa parte della distribuzione e dell´industria europea, incline a mantenere anonima l´origine di molti prodotti che i consumatori troveranno sul mercato. Una cordata formata da Itf, Assicor, Made InŠfor Transparency ha promosso una serie di azioni a sostegno del Made In, con il supporto della sede di Bruxelles di Unioncamere e con l´assistenza tecnica della multinazionale di comunicazione e lobby Apco Worldwide. In particolare ha promosso l´idea di una petizione degli euro-parlamentari favorevoli al Made in per sensibilizzare gli Stati membri ad approvare il regolamento. Tale iniziativa ha avuto tra i sostenitori iniziali Joseph Daul (Francia,) Presidente del Gruppo del Partito popolare europeo (Democratici-cristiani) e dei Democratici europei Presidente europei, Enrique Barón Crespo (Spagna) Gruppo Socialista, ex-Presidente del Parlamento europeo ed ex-Presidente della Commissione Commercio Internazionale, Graham Watson (Regno Unito) Presidente del Gruppo dell´Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l´Europa, Heide Rühle (Germania) coordinatrice sui temi del mercato interno e della protezione dei consumatori nel Gruppo Verde/alleanza libera europea ed Eugenius Maldeikis (Lituania) membro del Comitato per l´Industria e l´Energia nel gruppo Unione per l´Europa delle Nazioni. .  
   
   
MARZOTTO S.P.A. ESAMINA L’OFFERTA PUBBLICA DI ACQUISTO RESIDUALE DI AZIONI ORDINARIE DI MARZOTTO S.P.A., PROMOSSA DA WIZARD S.R.L.  
 
Marzotto rendo noto che il 5 settembre il Consiglio di Amministrazione di Marzotto Spa (“Marzotto”), presenti 6 Consiglieri su 9, nella persona dei signori Antonio Favrin – Presidente, Andrea Donà dalle Rose – Vice Presidente, Ferdinando Businaro, Sergio Erede, Vittorio Emanuele Marzotto, Roberto Notarbartolo di Villarosa, e i Sindaci Alberto Giacobbo (Presidente del Collegio Sindacale), Riccardo Garbagnati e Carlo Domenico Vanoni, ha approvato all’unanimità l’offerta pubblica di acquisto residuale avente ad oggetto le azioni ordinarie di Marzotto, promossa da Wizard S. R. L. E all’offerta pubblica di acquisto volontaria avente ad oggetto le azioni di risparmio convertibili di Marzotto, promossa da Wizard. Il Collegio Sindacale ha preso atto della deliberazione del Consiglio, senza formulare alcun rilievo. Il corrispettivo dell’Offerta Residuale sarà fissato dalla Consob A tal fine, Wizard ha reso noto di aver trasmesso alla Consob in data 27 agosto u. S la documentazione inerente alla determinazione del corrispettivo dell’offerta residuale, in misura pari al corrispettivo dell’offerta pubblica di acquisto obbligatoria conclusasi il 31 luglio u. S, ossia Euro 3,99 per ciascuna azione ordinaria Marzotto. Il corrispettivo dell’Offerta Volontaria offerto da Wizard è pari a Euro 3,99. In caso di determinazione del corrispettivo dell’Offerta Residuale da parte di Consob in misura pari a Euro 3,99, il corrispettivo dell’Offerta Volontaria sarà pari (i) al corrispettivo della Prima Offerta Volontaria, e (ii) al corrispettivo dell’Offerta Obbligatoria, entrambi ritenuti congrui in occasione del comunicato approvato dal Consiglio di Amministrazione dell’Emittente in data 29 giugno 2007. Il Consiglio di Amministrazione di Marzotto, alla luce sia delle motivazioni dell’Offerta Residuale, sia della revoca dalla quotazione delle azioni ordinarie Marzotto che conseguirà alla conclusione dell’Offerta Residuale, ha espresso parere favorevole all’Offerta Residuale. Il Consiglio di Amministrazione ha inoltre preso atto della volontà dell’Offerente di promuovere l’Offerta Volontaria sulle Azioni di Risparmio Convertibili di Marzotto, al fine di consentire ai titolari delle stesse un’ulteriore possibilità di dismettere il proprio investimento al medesimo prezzo al quale è stata promossa la Prima Offerta Volontaria. .  
   
   
GARAVAGLIA: ADDIO DI VALENTINO, UNO STILISTA UNICO CHE HA SCELTO ROMA PER IL COMMIATO DALLA MODA DICHIARAZIONE DELLA VICE SINDACO DI ROMA MARIAPIA GARAVAGLIA  
 
 “L’addio di Valentino alla moda è un evento che rattrista chiunque abbia a cuore le sorti del Made in Italy di cui il maestro Garavani è stati un mirabile interprete. La sua attività segna infatti in modo indelebile la storia della moda nel mondo e in Italia, al punto che sarà molto difficile se non impossibile rimpiazzare un artista della sua levatura e classe. Consola che Valentino, insieme al ritiro, abbia annunciato anche la volontà di dedicarsi alla formazione, un elemento cioè fondamentale per creare nuovi stilisti in grado di tenere alto il nome del nostro Paese. Come amministratrice della capitale, sono estremamente grata a Valentino per aver scelto Roma, con le celebrazioni in suo onore del luglio scorso, come sede del suo commiato, nel corso del quale, ancora una volta, ha mostrato al mondo la sua inimitabile arte”. . .  
   
   
VALENTINO FASHION GROUP: CONFERMA LA DECISIONE DI VALENTINO GARAVANI E RIORGANIZZA LA STRUTTURA CREATIVA DELL’AZIENDA  
 
 Valentino Fashion Group ha conferma il 5 settembre la decisione di Valentino di ritirarsi dal mondo della moda a Gennaio 2008, dopo le prossime sfilate del prêt à porter di Ottobre e dell’haute couture di Gennaio. Valentino ha fondato la sua casa di moda a Roma oltre 45 anni fa, trasformandola in uno dei marchi più conosciuti, apprezzati e prestigiosi del mondo. Durante la sua carriera è diventato egli stesso un’icona e non solamente uno dei più rispettati creatori di moda dei nostri tempi. Valentino ha giocato un ruolo fondamentale nell’evoluzione della moda ed è stata una delle figure più all’avanguardia del made in Italy. Rimarrà sempre un personaggio chiave nella storia del fashion, un sinonimo di eleganza e di stile. Valentino è un punto di riferimento che ha ridefinito il ruolo e la figura dello stilista, sia nel ventesimo secolo che nella prima parte di quello attuale. Valentino Fashion Group, in stretta collaborazione con Valentino stesso e Giancarlo Giammetti, presidente onorario della Valentino Spa, ha riorganizzato il proprio team creativo e annuncia oggi che Alessandra Facchinetti sarà il direttore creativo per tutte le collezioni donna. Maria Grazia Chiuri e Pier Paolo Piccioli, che già da diversi anni affiancano con successo Valentino negli accessori, continueranno nel loro compito con il ruolo di direttori creativi di queste linee di prodotto. Inoltre Valentino Fashion Group esprime la propria volontà di rafforzare nel breve termine il team stilistico delle collezioni uomo per valorizzarle in modo significativo. Stefano Sassi, Amministratore Delegato di Valentino Fashion Group, ha commentato: “Il genio creativo di Valentino ha saputo sviluppare valori e codici stilistici tali da creare un brand unico ed esclusivo, con un grande potenziale ancora da esplorare. L’eleganza, il glamour e l’unicità del marchio sono i punti di partenza per lo sviluppo e la crescita futuri. Alessandra Facchinetti è la stilista che può interpretare al meglio e dare continuità all’immagine che contraddistingue il marchio Valentino nel mondo. Siamo certi di poter contare sulla sua significativa esperienza e competenza acquisita in alcune tra le più importanti aziende di moda. Maria Grazia Chiuri e Pier Paolo Piccioli, i due designer delle linee accessori, hanno già dimostrato di poter contribuire in modo significativo a far crescere questa categoria di prodotto fondamentale per gli ambiziosi obiettivi di sviluppo di Valentino”. Alessandra Facchinetti ha dichiarato: “Sono onorata di far parte di questo nuovo progetto. Il Signor Valentino è sempre stato per me un punto di riferimento, un’icona per lo stile e l’eleganza. La mia ammirazione ed il mio rispetto per lui sono infiniti. Mi dedicherò a questa nuova avventura con grande passione ed entusiasmo, facendo tesoro di tutto quello che è stato fatto fino ad oggi, per essere pronta a presentare la mia prima collezione nel Marzo del 2008”. . .  
   
   
PROGETTO COMUNITARIO METTE A PUNTO NUOVI COLLANT DI SOSTEGNO «ELASTICI E CONTENITIVI»  
 
Un progetto finanziato dall´Ue ha ideato e modellato collant di supporto, destinati ai pazienti che soffrono di vene varicose, che segnano un importante miglioramento rispetto ai prodotti attualmente in commercio. Sono già state inoltrate le domande di brevetto relative alla ricerca e l´articolo dovrebbe essere introdotto sul mercato all´inizio del 2008. Le vene varicose sono una delle malattie croniche più diffuse in Europa; suscita pertanto non poca sorpresa il fatto che dall´invenzione delle calze a compressione graduata nel 1947 si sia fatto ben poco per alleviare i sintomi di tale patologia. Le vene varicose insorgono in seguito all´ingrossamento e alla deviazione dei vasi. Il termine fa solitamente riferimento alle vene delle gambe, benché tale malattia possa presentarsi anche in altre parti del corpo. Le vene sono dotate di valvole a fogliolina che impediscono al sangue di rifluire all´indietro. Quando le vene si ingrossano, le foglioline delle valvole non aderiscono più in maniera adeguata e le valvole smettono di funzionare. Il sangue si accumula nelle vene provocandone l´ingrossamento. I collant di sostegno si sono dimostrati relativamente utili per prevenire il peggioramento delle vene varicose, ma presentano comunque qualche problema. I destinatari principali di tale prodotto, ossia gli anziani, hanno difficoltà a utilizzarlo: l´indumento deve essere molto stretto per fornire un sostegno adeguato, ma deve essere indossato dal piede, che è più grosso della parte di gamba compresa tra la parte inferiore dello stinco e la caviglia. Il gruppo del progetto Looseandtight, finanziato dal Sesto programma quadro (6°Pq), ha esaminato il problema da una nuova prospettiva. Anziché utilizzare le fibre tessili per mantenere costanti i livelli di pressione necessari alle calze a compressione, i ricercatori hanno sperimentato l´inserimento di leghe superelastiche nella struttura del tessuto. L´esperimento ha dato i suoi frutti. L´équipe ha scoperto che l´inserimento nella calza di fili metallici superelastici piegati secondo una forma specifica garantisce l´elasticità della calza stessa che, una volta tesa, riassume poi la forma originaria. La forma particolare che devono assumere i fili metallici non è esente da problemi, ma l´équipe di Looseandtight ha già individuato una serie di soluzioni. Il Notiziario Cordis ha intervistato il coordinatore del progetto Dante Galli della società italiana di ingegneristica D´appolonia, che ha spiegato che far assumere a un filo di dimensioni così ridotte la forma di serpente, rivestirlo e inserirlo nelle fibre tessili si sono rivelate tutte sfide di difficile risoluzione. Il filo è realizzato abitualmente in lunghezze comprese tra i 2 000 e i 5 000 metri. L´industrializzazione del processo per la produzione del filo della forma e lunghezza specifiche ha costituito un primo ostacolo. Due altri partner del progetto nel campo della ricerca, Grado Zero Espace e l´Istituto di fisica dell´Università di Praga, si sono occupati del processo di produzione su scala sia industriale sia di laboratorio e alla fine hanno proposto il metodo Kdk (Knit-de-knit), già noto nel settore tessile ma mai utilizzato prima per i fili superelastici. Uno dei partner del progetto (Grado Zero Espace) è riuscito a realizzare diversi campioni di filo «a serpente» Nitinol fino a 2 000 metri di lunghezza utilizzando il metodo Kdk. «Un ottimo risultato», ha dichiarato Dante Galli. Una volta realizzato, il filo non può essere inserito nella calza privo di rivestimento. Tuttavia, rivestire un filo piegato a serpente non è molto semplice. La risposta, ha spiegato Dante Galli, è stata fornita dal termotrattamento. L´équipe ha scoperto che riscaldando i fili in un determinato modo era possibile sfruttarne la memoria per far riassumere loro la configurazione a serpente anche dopo un raddrizzamento temporaneo. I fili diritti vengono pertanto rivestiti e poi inseriti nella calza mediante una macchina da cucire. Una volta liberata la forza, i fili riassumono la loro forma a serpente, conferendo al collant la necessaria flessibilità. «Stiamo sfruttando la superelasticità del filo», ha affermato Dante Galli, che ha aggiunto che tale processo unico potrebbe avere anche altre applicazioni in situazioni in cui è richiesta un´estensibilità controllata, ad esempio nell´abbigliamento tecnico sportivo. Il prodotto finale è anche più leggero dei collant di sostegno tradizionali: chi soffre di vene varicose è attualmente costretto a indossare calze piuttosto pesanti, poco pratiche nella stagione calda. Il partner del progetto Tea srl ha già condotto sperimentazioni di maglieria. Combinazioni diverse di fibre tessili sono state mescolate sia con i fili superelastici Nitinol «nudi» sia con fili Nitinol rivestiti di fili complementari. Il risultato? «Esiti eccellenti dal punto di vista estetico e della comodità, la prova di fattibilità in termini di lavorabilità dei materiali con macchine da maglieria circolari standard è stata superata», afferma Dante Galli. Dante Galli si esprime in toni molto positivi sul progetto. Il gruppo è composto da nove partner, sei dei quali sono piccole o medie imprese (Pmi). Benché a volte possa essere difficile coinvolgere pienamente le Pmi in un progetto collaborativo, tutti i partner di Looseandtight si sono dimostrati molto impegnati e presenti. Dante Galli ha ottenuto tale risultato assicurandosi che tutti i partner concordassero sulla linea di conduzione del progetto in modo da non perdere interesse. Al momento l´équipe sta testando il processo di rivestimento dei fili e, se funzionerà, intende brevettarlo. Il processo di termotrattamento è anch´esso oggetto di una domanda di brevetto, analogamente al modello matematico che sarà in grado di calcolare il livello di compressione necessario quando verranno forniti i dettagli del materiale utilizzato. Nei prossimi mesi il gruppo di Looseandtight intende estendere i brevetti al resto dell´Europa, al Giappone e alla Cina. Come se questa non fosse già una buona ragione per essere ottimisti, Dante Galli è anche fiducioso nel fatto che i prototipi saranno disponibili entro l´anno e che il prodotto verrà introdotto sul mercato all´inizio del 2008. Prima di allora il modello deve essere raffrontato agli standard, ma il coordinatore del progetto non ha dubbi. Ad esempio, il gruppo sa già che l´utente non sarà in grado di percepire la presenza del metallo quando indosserà le calze. Il gruppo auspica di ottenere una proroga del progetto fino alla fine del 2007 per poter effettuare il collaudo finale. Per ulteriori informazioni consultare: http://www. Dappolonia-research. Com/loose&tight/ .  
   
   
BRACCIALINI, CONTROLLATA DI ANTICHI PELLETTIERI, ACQUISTA DADOROSA, LICENZIATARIO MONDIALE DEL RINOMATO MARCHIO ITALIANO GHERARDINI.  
 
Braccialini Srl, controllata da Antichi Pellettieri S. P. A. , divisone pelletteria di Mbfg quotata sul mercato Expandi di Borsa Italiana, lo scorso 12 luglio ha annunciato l’ acquisizione di Dadorosa S. R. L. , licenziatario mondiale del rinomato marchio Gherardini. Gherardini, griffe fiorentina creata nel 1885, è rinomata ed apprezzata a livello internazionale per il gusto particolare rispecchiato nelle collezioni innovative di borse, piccola pelletteria, scarpe ed accessori. Dadorosa S. R. L. Con sede a Firenze, principale distretto italiano della pelletteria, detiene la licenza mondiale per la produzione e distribuzione di tutte le categorie merceologiche del noto marchio Gherardini. La società gestisce anche 3 boutiques monomarca Gherardini a Milano, Firenze e Roma. Nel 2006, Dadorosa S. R. L. Ha fatturato €16. 8 milioni con un Ebitda di €1. 4 milioni che riflette un’incidenza sui ricavi del 8. 5%. Il fatturato generato nel mercato estero si è attestato al 61% dei ricavi totali, incluso 50% nell’ Estremo Oriente Braccialini ha acquisito il 90% di Dadorosa Srl da Addì Group Srl e provvederà all’acquisto del rimanente 10% da Misaki Shoji Co. Ltd. , uno dei distributori più noti nel settore del lusso giapponese Il prezzo concordato per l’acquisto del 100% di Dadorosa Srl è pari a €8. 9 milioni; prendendo in considerazione il debito della Dadorosa che al 30 aprile 2007 ammontava a €0. 7 milioni l’Enterprise Value (Ev) risulta essere pari a € 9. 6 milioni che rispecchia un multiplo Ev/ebitda di 6. 7x. Nell’esecuzione dell’operazione: Antichi Pellettieri è stata assistita dallo studio legale Simmons&simmons; Dadorosa S. R. L. È stata assistita come advisor dal Dott. Stefano Bartolini. Riccardo Braccialini presidente della Braccialini, controllata da Antichi Pellettieri, ha così commentato: “Siamo orgogliosi di avere ricevuto la fiducia di Misaki per la gestione a livello internazionale di questo storico marchio italiano. L’acquisizione è coerente con il nostro obiettivo di focalizzarci sui segmenti a più alta crescita come borse ed accessori e nei mercati emergenti tra cui l’Estremo Oriente dove il marchio Gherardini è particolarmente apprezzato. Inoltre, Dadorosa offre al nostro Gruppo ulteriori opportunità di sviluppo sia a livello di fatturato che a livello di sinergie operative”. .  
   
   
STEFANEL: NUANCE SI AGGIUDICA UNA NUOVA CONCESSIONE A SINGAPORE  
 
 Il Gruppo Nuance, attraverso la joint venture Nuance-watson, si è aggiudicato una nuova concessione per operare al Singapore Changi Airport. La nuova concessione, che sostituirà quella esistente a partire dal 9 gennaio 2008 e avrà una durata triennale, genererà complessivamente ricavi pari a oltre 480 milioni di Euro nell’intero periodo del contrtto. La nuova concessione si riferisce alla gestione di 22 stores Perfume & Cosmetics all´interno dell´aeroporto per un area commerciale pari a 5. 883 mq, superiore di 1. 459 mq rispetto a quelli sino a oggi gestiti. La concessione di Singapore - dopo quelle recentemente ottenute in Turchia e a Amsterdam - rappresenta per Nuance un nuovo importante passo verso la realizzazione del proprio piano di sviluppo. Singapore Changi Airport è infatti il principale aeroporto per giro d´affari in cui il Gruppo opera: con 80 compagnie aeree che collegano 180 città di oltre 50 paesi, è il principale Hub dell´area asiatica. Quando il Terminal 3 inizierà a operare (2008), l´aeroporto avrà un traffico annuo di oltre 64 milioni di passeggeri. .  
   
   
BASICNET: FORMALIZZATO L’ACQUISTO DEL MARCHIO SUPERGA. DEPOSITATO DOCUMENTO INFORMATIVO.  
 
Basicnet ha formalizzato lo scorso 24 luglio l’acquisto del marchio Superga dalla Curatela del fallimento Formula Sport Group S. R. L. , in liquidazione, dando esecuzione dell’accordo raggiunto nel trascorso mese di giugno. L’acquisto è avvenuto da parte della Superga Trademark S. A. , società di diritto lussemburghese, interamente controllata dal Gruppo Basicnet, al prezzo complessivo di 23 milioni di Euro, oltre agli oneri accessori correlati all’acquisizione. L’acquisizione è stata finanziariamente assistita per 19 milioni di Euro mediante prestito sindacato della durata di otto anni, avente come lead arrangers Unicredit Banca D’impresa ed Intesa San Paolo e, per la rimanente parte, da disponibilità di cassa della capogruppo Basicnet. All’operazione partecipano, in quote sostanzialmente paritetiche, Banca di Roma (Capitalia), Monte dei Paschi di Siena, Banca Antonveneta e Banca Nazionale del Lavoro Bnp. L’operazione si inquadra nella strategia di crescita del Gruppo Basic al fine di consolidare la propria posizione sul mercato dell’abbigliamento e delle calzature per lo sport ed il tempo libero. Sin dall’avvio della licenza nel 2004, il Gruppo Basicnet ha investito importanti risorse finanziarie volte al rilancio del marchio Superga ed al suo consolidamento, sostenendo altrettanto significativi investimenti nella produzione di nuove collezioni, nel rafforzamento della propria struttura operativa e dei propri organici e nel potenziamento delle attività di comunicazione e promozionali. La distribuzione dei prodotti a marchio Superga ha peraltro permesso al Gruppo Basicnet di diversificare ed accrescere il proprio portafoglio prodotti, nonché di fruire degli effetti sinergici sui costi generali di struttura, per effetto di porzioni aggiuntive di fatturato (sia per vendite dirette che per royalties e commissioni di sourcing), con redditività marginale aggiuntiva. .  
   
   
TESSITURA PONTELAMBRO S.P.A.: CONCLUSO CON SUCCESSO IL COLLOCAMENTO DELLE PRIMA SOCIETÀ AMMESSA AL MERCATO ALTERNATIVO DEI CAPITALI (MAC) CONTROVALORE DELL’OFFERTA PARI A 6 MILIONI DI EURO  
 
Si è conclusa 3 agosto l’Offerta di n. 1. 500. 000 azioni di Tessitura Pontelambro S. P. A. , società comasca, specializzata nella produzione di tessuti in lino e cotone per il settore dell’abbigliamento di fascia alta, rivolta ad Investitori Professionali italiani ed esteri, finalizzata all’ammissione alla negoziazione della società sul Mercato Alternativo del Capitale (Mac) organizzato e gestito da Borsa Italiana S. P. A. Il Prezzo di Offerta delle azioni è stato fissato in 4,00 Euro per azione corrispondente ad una valutazione pre money del 100% dell’Equity pari a 11,2 milioni di Euro. Nell’ambito del collocamento sono state sottoscritte n. 940. 000 azioni di nuova emissione (pari al 62,67% dell’offerta globale) per un controvalore pari a 3,76 milioni di Euro. Investimenti e Sviluppo S. P. A. , socio al 100% prima del collocamento, ha venduto n. 560. 000 (equivalente al 37,33% dell’offerta globale) per un controvalore pari a 2,24 milioni di Euro. Il flottante post quotazione è pari al 40,11% del capitale sociale. Pertanto, socio di maggioranza con il 59,89% del capitale sociale post money rimane Investimenti e Sviluppo S. P. A. , holding di partecipazioni, quotato sul Mta di Borsa Italiana. La plusvalenza registrata da Investimenti e Sviluppo S. P. A. Corrisponderà a 1,68 milioni di Euro. Tessitura Pontelambro S. P. A. È assistita da Centrobanca S. P. A (Gruppo Ubi Banca), in qualità di unico soggetto incaricato del collocamento sul Mercato Alternativo del Capitale, Sponsor e Specialist. La data di avvio delle negoziazioni sarà disposta da Borsa Italiana ed è prevista non prima del 17 settembre 2007, primo giorno di attività del Mac. L’ammistratore delegato di Investimenti e Sviluppo, Giovanni Natali, ha dichiarato:”siamo molto soddisfatti di aver concluso un’operazione così piccola con l’adesione di investitori italiani ed esteri. Ma, soprattutto, siamo onorati di esseri i primi ad inaugurare il Mac che, riteniamo essere una delle più importanti novità degli ultimi decenni in Italia per le piccole e media imprese” .  
   
   
GRUPPO LINIFICIO: SEMESTRALE AL 30.06.2007 RICAVI: 28.910 MIGLIAIA DI EURO (30.06.2006: 36.796; -21,4%) UTILE OPERATIVO: 161 MIGLIAIA DI EURO ( “ 1.151; -86,0%) UTILE NETTO: 3.540 MIGLIAIA DI EURO ( “ 674; +425%)  
 
Il Consiglio di Amministrazione del Linificio e Canapificio Nazionale S. P. A. , riunitosi in data 24 luglio, ha approvato la relazione sull’andamento della gestione del primo semestre 2007. Il consumo di filati di lino di produzione europea si è ridotto, nella prima parte dell’anno, di circa il 20% rispetto al primo semestre 2006 a causa della pressione competitiva dell’offerta cinese di filati, tessuti e confezionati di lino a prezzi bassi, che continua senza visibili cambiamenti e che rende difficile l’esistenza anche alle tessiture passate all’utilizzo di filati cinesi. Il Gruppo Linificio ha difeso il livello dei prezzi dei filati a scapito delle quantità, subendo una contrazione di fatturato e di mix, parzialmente compensata dall’incremento del fatturato di tessuti che ha portato la diminuzione complessiva del fatturato al 21,4%. A fronte di tale perdita di fatturato, il risultato della gestione caratteristica rimane positivo; per il contenimento dei costi della materia prima, per la sensibile riduzione del costo del lavoro, per l’effetto delle decisioni di riorganizzazione produttiva attuate a fine 2006. Il fatturato consolidato al 30 giugno 2007 è risultato pari a 28. 910 migliaia di Euro rispetto alle 36. 796 migliaia di Euro del corrispondente periodo del 2006, pari ad una diminuzione del 21,4%. L’utile operativo è risultato pari a 161 migliaia di Euro (0,6% del fatturato), in diminuzione dell’86,0% rispetto al 30. 06. 2006 (utile di 1. 151 migliaia di Euro). L’utile netto è positivo per 3. 540 migliaia di Euro, e si confronta con 674 migliaia di Euro al 30. 06. 2006. Il risultato beneficia della plusvalenza di 3. 592 migliaia di Euro realizzata sulla cessione della partecipazione nella controllata Adda Energi S. R. L. La situazione finanziaria presenta, al 30 giugno 2007, una liquidità pari a 9. 122 migliaia di Euro che si confronta con una liquidità di 3. 446 migliaia di Euro al 31. 03. 2007 e con 4. 786 migliaia di Euro al 30. 06. 2006. Previsioni per l’esercizio in corso. Si confermano le valutazioni negative sull’andamento del mercato nel 2007, già esposte nella relazione sul primo trimestre: - per la forza dell’Euro sul dollaro Usa, tenendo conto che gli Usa sono il principale consumatore di prodotti linieri al mondo; - per l’esistenza di stock lungo tutta la filiera (la Cina avrebbe acquistato dall’Ue circa il 20% in meno di materia prima rispetto al pari periodo 2006); - per l’effetto moda che privilegia i tessuti misti. La fase di riorganizzazione in atto è destinata a produrre i suoi effetti a partire dall’esercizio 2008. Il Consiglio di Amministrazione ha provveduto, alla nomina dell’Organo di Vigilanza previsto dal D. Lgs. Nr. 231/2001, per il triennio 2007-2008-2009, nelle persone dei Signori: Dott. Tommaso Palmieri, Preposto al Controllo Interno; Dott. Cesare Andrea Grifoni, Presidente del Collegio Sindacale; Dott. Pierluigi Amati, Professionista esterno. .  
   
   
L’UNIVERSITA’ DI BERGAMO E LE AZIENDE FASHION PER FORMARE GIOVANI TALENTI UN CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA TESSILE PER FORMARE FIGURE PROFESSIONALI INEDITE, CON UNA PROFONDA CONOSCENZA DEI PRODOTTI E DEI PROCESSI, CAPACI DI GESTIRE I RAPIDI MUTAMENTI TECNOLOGICI.  
 
Entrare nel mondo della Moda e del Lusso con competenze specifiche e un alto profilo professionale. E’ questo lo scopo del corso di laurea in Ingegneria tessile proposto dall’Università di Bergamo (www. Unibg. It) e rivolto ai giovani per formare una nuova figura richiesta dalla realtà economica industriale nazionale. Scopo del corso è proprio quello di formare nuovi professionisti che affianchino alla formazione classica di un ingegnere le conoscenze specifiche del campo Moda, attraverso corsi specializzati sulle tecnologie tessili, gli impianti e le macchine per l´industria tessile, i sistemi di produzione, ecc. I risultati parlano chiaro: il mondo della Moda cerca ingegneri: 85% occupati nel settore tessile, 5% occupati in altri settori merceologici. Il settore fashion, con processi produttivi e impianti sempre più avanzati, richiede delle figure professionali laureate che, mediante un´ampia visione strategica e una conoscenza delle più sofisticate e moderne tecnologie, sappiano gestire, monitorare e modificare tali processi. Vista la forte richiesta da parte del mercato, sono proprio le aziende ad essere coinvolte nella formazione dei giovani. Manifattura Riese e Dsdatafashion, partner sul mercato, sono partner anche su questo versante. Manifattura Riese spa (www. Riese-navigare. It) produttrice e distributrice del marchio Navigare, conosciuto e apprezzato a livello internazionale, quindi tra i leader del mercato sportswear, crede fortemente nello sviluppo di nuove figure professionali specifiche. Per questo che offre la sua competenza ed esperienza, supportando attività didattiche sul “campo” che consentano l’approfondimento delle tematiche esaminate nelle aule universitarie, organizzando stage e contribuendo con il proprio know how a ricerche per tesi di laurea. Manifattura Riese spa collabora da circa 6 anni con il mondo universitario e della formazione in generale, organizzando una media di 5 visite annuali presso la sede e gli stabilimenti dei propri fornitori al fine di illustrare l’intero il ciclo produttivo. Inoltre, in azienda sono presenti una media di 2 – 3 studenti aventi una formazione specifica nel comparto moda/tecnologia. Insieme a Riese, Dsdatafashion (www. Dsdatafashion. Com), azienda leader nell’offerta di software applicativi specifici per il settore Moda e Lusso, partecipa da qualche anno al corso di laurea in Ingegneria tessile con una lezione ad hoc sui sistemi informativi che aiutano a governare un’azienda fashion. Le competenze tecnologiche sono sempre più necessarie alle aziende del settore Moda per affrontare le sfide della globalizzazione dei mercati e della diversificazione dei canali distributivi. Il percorso formativo del corso prevede un iter completo, dallo studio delle materie prime fino al prodotto confezionato, passando attraverso i processi di filatura, tessitura, nobilitazione delle fibre e del tessuto. I neolaureati sono così in grado di affrontare problemi gestionali e logistici nell’ambito tessile e tintorio, di comprendere gli aspetti organizzativi e tecnologici dei processi produttivi tessili, di promuovere l’innovazione tecnologica e informatica. I manager ideali per le aziende di oggi e di domani, con un solido background tecnico scientifico e la flessibilità per gestire i mutamenti tecnologici e del mercato. Esattamente quello di cui le aziende dedicate al mondo della Moda hanno bisogno. .  
   
   
SINGAPORE: LA PORTA D’ORIENTE PER LA GIOIELLERIA ITALIANA SINGAPORE CROCEVIA PER I MERCATI DELL’EST ASIATICO.  
 
Si è appena conclusa la Terza Edizione del Singapore International Jewellery Show (22–26 agosto), l’importante manifestazione fieristica che coinvolge i principali operatori asiatici del settore della gioielleria e che ha visto la partecipazione di Assicor (l’Associazione delle Camere di Commercio per lo Sviluppo del settore dell’Oreficeria, Argenteria e Affini), Ice e Unioncamere, in rappresentanza del marcato orafo italiano. La decisione di partecipare all’evento deriva dall’enorme valore che il mercato singaporeano rappresenta per il comparto italiano, infatti fra i paesi Asean costituisce il principale mercato di sbocco per le esportazioni del nostro paese. La nazione asiatica è finanziariamente solida, caratterizzata da un efficiente organizzazione delle risorse, dispone di un reddito pro-capite tra i più elevati a livello mondiale ed è retta da una classe dirigente attiva nella promozione del comparto della gioielleria. Gli esponenti di Assicor e i rappresentanti dei distretti orafi italiani (Arezzo, Milano, Napoli/caserta, Valenza e Vicenza) hanno incontrato gli operatori e le autorità singaporeane in occasione del workshop tenuto nello strand istituzionale del Sistema Oro – Made in Italy la mattina del 24 agosto. Dal confronto è emersa la volontà di posizionare Singapore come “hub” per il settore della gioielleria asiatica, il punto di incontro tra gli operatori dei paesi limitrofi (Indonesia, Malesia, India e Cina) e quelli internazionali. Questo obiettivo potrà essere raggiunto attraverso la pianificazione di numerosi eventi fieristici e culturali che coinvolgeranno i principali attori presenti sul mercato orafo asiatico e saranno organizzati sul territorio singaporeano. “Il nuovo obiettivo di collocare Singapore come jewellery hub – dichiara Pietro Faralli, presidente Assicor e della Camera di Commercio di Arezzo – nasce dalla volontà di due enti locali: il Singapore Tourism Board (n. D. R. Ente locale per la promozione del turismo a Singapore) e l’International Enterprise (n. D. R. Ente omologo all’Ice attivo nella promozione del commercio delle piccole/medie imprese) ed Assicor, insieme alle Associazioni di categoria, rappresenta un interlocutore fondamentale per entrambe le istituzioni singaporeane. La scelta di avere un ruolo attivo nell’ambito di questo progetto internazionale è confortata dal peso delle importazioni italiane nel mercato gioielliero di Singapore. Solo nel 2006 su un totale di 88,4 milioni di dollari di gioielleria importata, la quota di prodotto italiano è pari a 12,2 milioni di dollari. Le cifre ci fanno intravedere la possibilità di conquistare ulteriori quote di mercato per i gioielli italiani, risultati che potranno essere raggiunti solo attraverso un’oculata strategia di promozione e collaborazione con gli operatori locali”. L’importanza strategica e la notevole dinamicità del mercato singaporeano è confermata dalla forte ripresa che interessa il settore della gioielleria, in linea col quadro positivo dell’economia in generale del paese. Il potere d’acquisto della popolazione è in forte crescita così come il numero dei turisti internazionali che scelgono Singapore come meta e che frequentano assiduamente i 680 punti vendita di gioielli presenti sul territorio. Si riportano di seguito alcuni dati statistici di import per il settore della gioielleria suddivisa per i vari comparti merceologici: Fonte dati: Ice/istat Articoli di gioielleria in argento placcati o non con altri metalli preziosi (v. D. 711311) Dati relativi al settore:
2004 2005 2006
Import Totale (mln €) 13,3 15,4 14,7
Import Dall´italia (mln €) 4,0 3,4 1,9
Quota Italiana Import 30,1% 21,9% 13,1%
Paesi concorrenti e quote di mercato
Paese 2004 2005 2006
Corea 0,03% 1,5% 35,0%
Hong Kong 27,9% 28,3% 16,9%
Francia 7,7% 9,0% 6,0%
Altri articoli ed accessori di gioielleria placcati o non con metalli preziosi (v. D. 711320) Dati relativi al settore:
2004 2005 2006
Import Totale (mln €) 11,4 21,3 14,0
Import Dall´italia (mln €) 0,5 0,2 0,2
Quota Italiana Import 4,0% 0,7% 1,2%
Paesi concorrenti e quote di mercato
Paese 2004 2005 2006
Hong Kong 70,6% 76,1% 70,4%
Indonesia 4,0% 6,0% 6,5%
Malesia 6,5% 6,0% 6,2%
Articoli di argento di base placcato o non con metalli preziosi (v. D. 711411) Dati relativi al settore:
2004 2005 2006
Import Totale (mln €) 2,0 2,6 3,4
Import Dall´italia (mln €) €) 0,64 0,71 0,73
Quota Italiana Import 32,1% 27,3% 21,8%
Paesi concorrenti e quote di mercato
Paese 2004 2005 2006
Hong Kong 26,9% 17,8% 36,0%
Australia 0,25% 6,6% 10,0%
Stati Uniti 20,1% 9,9% 9,7%
Articoli di gioielleria in oro placcati o non con metalli preziosi (v. D. 711419) Dati relativi al settore:
2004 2005 2006
Import Totale (mln €) 158,2 62,6 11,6
Import Dall´italia (mln €) 2,6 4,5 3,2
Quota Italiana Import 1,6% 7,2% 28,0%
Paesi concorrenti e quote di mercato
Paese 2003 2004 2005
Hong Kong 32,9% 4,2% 28,2%
Indonesia 69,7% 54,0% 22,1%
Fiji 0,03% 0,31% 5,9%
Valutazioni Di Settore/mercato Con la ripresa dell´economia negli ultimi due anni, l´importazione di gioielleria in generale è in crescita. L´italia sta perdendo la sua posizione di “market leader” principalmente per l´importazione di gioielleria in argento. Per quanto riguarda l´importazione di articoli in argento placcato e non (v. D. 711311), la quota italiana è scesa da 30,1 % nel 2004 a 13,1 % nel 2006. Anche altri articoli di gioielleria in argento (v. D. 711411) hanno visto un notevole calo nella quota italiana dal 32,1% nel 2004 al 21,8% nel 2006. I principali paesi fornitori per le suddette categorie sono Corea e Hong Kong che offrono prodotti di alta qualità ma a prezzi più convenienti. Per gioielleria di metalli preziosi (v. D. 711320), la quota italiana è scesa da 4,0% nel 2004 all´1,2% nel 2006. Ii principale paese fornitore anche per questo comparto è Hong Kong. L´unico comparto che vede un miglioramento della posizione italiana è quello di gioielleria in oro placcato o non (v. D. 711419) con una quota del 1,6% nel 2004 aumentando notevolmente a 28% nel 2006. La maggior parte di questa importazione sono prodotti di altissima qualità che vengono acquistati da un ristretto numero di clienti singaporeani, soprattutto dalle famiglie indonesiane che visitano la città stato periodicamente per trovare dei disegni particolari. .
 
   
   
CAPE L.I.V.E. S.P.A. EFFETTUA IL PRIMO INVESTIMENTO DIRETTO IN SAMIA SRL ACQUISITO IL 40% DELLA SOCIETÀ ATTIVA NEI PRODOTTI PER LA FINITURA DELLE PELLI  
 
E’ stato effettuato lo scorso 31 luglio a Vicenza il primo investimento di Cape Listed Investment Vehicle in Equity S. P. A. (Cape Live), l’investment company promossa da Cimino e Associati Private Equity S. P. A. (“Cape”) e quotata dal 19 luglio u. S. Sul segmento Mtf della Borsa di Milano. Insieme ad altri coinvestitori finanziari ed industriali è stato organizzato il buy-out di Samia Srl, società di Arzignano (Vi) fondata negli anni 70 ed operante nel settore della chimica fine per la produzione di pigmenti, coloranti, fissanti e altri prodotti per l’industria della finitura della pelle. Negli ultimi tre anni il fatturato si è attestato stabilmente sopra i € 30 Milioni, con un Ebitda superiore agli € 8 milioni. L’export 2006 è stato pari al 51% del fatturato, in crescita rispetto agli esercizi precedenti, rivolto principalmente ai paesi del Far East (Cina, Hong Kong e Taiwan su tutti). Le vendite italiane sono concentrate nei distretti conciari del Veneto e della Toscana. A vendere è la proprietà storica della società che cercava una soluzione di continuità per l’azienda e che non reinvestirà nell’operazione di buy-out. L’enterprise value della società è pari a € 20 Milioni, inclusivo dell’immobile di proprietà di 12. 000 mq situato ad Arzignano, storico distretto della concia italiana. Cape Live ha investito circa € 1. 46 milioni per il 40% dell’equity. Insieme a Cape Live hanno coinvestito per il 5% la Finross S. P. A. , società controllata dal consigliere di Cape Live Edoardo Rossetti con vasta esperienza nel settore delle vernici e dei coloranti, e per il 10% la Falea S. P. A. , società controllata dal sindaco di Cape Live Renato Fadini e amministrata dal fratello Lino Fadini, che ha presentato l’opportunità di investimento a Cape Live. Il restante 45% del capitale sarà detenuto da altre persone fisiche coinvolte nell’operazione a titolo manageriale e consulenziale. Marco Vismara, Presidente e Ad di Cape Live, ha dichiarato “Sono lieto di poter annunciare il primo investimento diretto di Cape Live a soli 12 giorni dalla nostra quotazione. Grazie alle specifiche competenze settoriali di Edoardo Rossetti, che abbiamo invitato a coinvestire con noi, abbiamo potuto valutare e completare tempestivamente questa operazione, che ci era stata presentata solo poco tempo fa, a seguito dell’interruzione delle trattative con un altro investitore finanziario. La struttura di Cape Live ha rappresentato un plus eccezionale, perchè per dimensione dell’investimento, struttura di azionariato e governance e soprattutto rapidità di intervento richiesta, l’operazione non si sarebbe potuta effettuare con il nostro fondo Cape Natixis Due”. K-finance, guidata dall’Ad Filippo Guicciardi, ha operato come advisor finanziario dell’operazione per conto degli acquirenti, coadiuvata dallo studio legale Chiavegatti di Verona per il contratto di acquisizione e dallo studio legale Mbl & Partners di Milano per il patto parasociale. I venditori sono stati assistiti dallo Studio Adacta di Vicenza e dallo studio legale Nctm, ufficio di Vicenza. L’operazione è stata supportata da una linea di debito fornita in pool dalla Banca Popolare di Vicenza e dal Mediocredito Trentino. .  
   
   
SHIRT AVENUE A ‘MILANO UNICA’ 11-14 SETTEMBRE 2007 FIERAMILANOCITY UN IMPERDIBILE APPUNTAMENTO DI MODA E TENDENZA  
 
La 17ª edizione di Shirt Avenue, una delle cinque manifestazioni promotrici di Milano Unica - il Salone Italiano del Tessile - vede la presenza di 42 aziende che rappresentano il tradizionale punto di incontro stagionale tra domanda e offerta di tessuti classici e d’avanguardia sempre di fascia alta. La 17ª edizione di Shirt Avenue, dedicata alle collezioni di tessuti per camiceria per l’Autunno/inverno 08 09, prende il via martedi 11 settembre per concludersi venerdi 14 nei padiglioni del Portello di Fieramilanocity, come parte costitutiva di Milano Unica. Unitamente alle altre quattro manifestazioni (Ideacomo, Ideabiella, Moda In, Prato Expo), che hanno voluto e sostenuto la realizzazione della prima fiera unitaria italiana del tessile di qualità, Shirt Avenue può dirsi soddisfatta dei risultati della quarta edizione di Milano Unica dello scorso febbraio che si è chiusa con 33. 000 presenze (+8%), contro le oltre 30. 600 della corrispondente edizione del Febbraio 2006. Dall’estero sono arrivati 10. 500 visitatori (+8%). Le aziende presenti, tutte di alto livello, sono state 18. 418, di cui 5. 652 estere (+11%). Le aziende provenienti da Paesi emergenti come Corea e India hanno riconfermato la loro presenza, mentre sono cresciute significativamente quelle di Hong Kong e Russia. E’ stata registrata una crescita di aziende e di buyers provenienti dal Giappone, mentre la presenza Usa ha riconfermato il ruolo di riferimento di quel mercato. Soprattutto c’è stato un notevole balzo in avanti della presenza europea, con in testa i buyers provenienti da Gran Bretagna (+25%), Francia (+16%), Spagna (+13%), Turchia (+34%), Grecia (+27%) e Portogallo (+10%). “Dopo essersi lasciato alle spalle un 2006 moderatamente positivo soprattutto nell’ultimo quadrimestre, aver segnato dei buoni risultati nel primo trimestre 2007 per rallentare nel secondo e riprendere a luglio – sostiene Aldo Ardemagni, vicepresidente di Shirt Avenue e di Milano Unica – il comparto europeo di camiceria, rappresentato ai massimi livelli a Shirt Avenue, si appresta a vivere una nuova stagione all’insegna di un ragionevole ottimismo nonostante il rallentamento dell’economia internazionale. Inoltre, è giusto e piacevole segnalare che molti clienti di fascia media sono ritornati al Made in Europe dopo esperienze tutt’altro che positive con fornitori asiatici. E’ un altro segnale che ci spinge a continuare sulle traiettorie più alte del mercato”. Le tendenze di camiceria per l’Autunno/inverno 08 09. La ricerca della sobrietà segnerà le collezioni di camiceria per l’Autunno/inverno 08 09, una cifra stilistica apparentemente semplice nella grammatica ma complessivamente raffinata nel linguaggio e nella dialettica. Collezioni di camiceria dagli aspetti tridimensionali con disegnature ton sut ton e sapienti ombreggiature che conferiscono profondità ai disegni impreziositi da effetti di chiaro/scuro, di lucido/opaco con combinazioni di armature per nuove fantasie e uniti. Le mani dei tessuti saranno soffici, morbide, dolci e calde come un abbraccio a ricordare quelle del cashmere. I colori contribuiranno al raffinato mood autunnale con gli opachi e i freddi nei toni medi e medio/scuri per una camicia protagonista ma mai chiassosa. Talvolta saranno il frutto di combinazioni tra il grigio e il colore per nouances eteree, impalpabili, quasi evaporate. Le disegnature saranno rigorosamente semplici: quadretti e righe su basi lisce spesso arricchite da piccoli dettagli in rilievo. I pesi dei tessuti andranno dai medi fino ai più leggeri ottenuti da filati finissimi e fondamentale sarà il gioco ottenuto con la Lycra. Nell’area di Shirt Avenue, come sempre, saranno presenti le aziende di riferimento nella produzione di tessuti per camiceria con tre nuovi importanti ingressi (Adalberto Estampados, Bottonificio Cannara e Textil Bch) per un totale di 42 espositori, di cui 12 stranieri, capaci di rappresentare al meglio l’offerta del comparto europeo. .  
   
   
PAULARO: ILLY VISITA ESPOSIZIONI ALL´´ISTITUTO "J. LINUSSIO"  
 
Paularo (Ud) - Anche l´alta moda riscopre la professionalità delle merlettaie e tessitrici del paese natale del grande imprenditore tessile Jacopo Linussio. Proprio su Paularo, infatti, ove esiste ancora una tradizione tramandata da alcune insegnanti alle giovani generazioni, si potrebbe infatti concretizzare l´interesse di Santo Versace, che visitando alcuni lavori a Illegio si era mostrato particolarmente entusiasta della possibilità di avviare delle collaborazioni per produrre tessitura di qualità da utilizzare per le linee di moda della celebre maison di famiglia. Un progetto che è stato incoraggiato 31 agosto dal presidente della Regione, Riccardo Illy, che si è recato in visita alla mostra dei lavori di merletto e tombolo realizzati dai corsisti dell´Università della Terza Età e dalle alunne dell´Istituto comprensivo "J. Linussio" di Paularo. Sono del resto numerose le attività artigianali che sono ancora attive nella vallata attraversata dal torrente Chiarsò e a Paularo in particolare, la cui popolazione conta circa tremila abitanti, residenti in otto frazioni. Oltre alla nota manifestazione "Mistirs a Paular", che il 25 e 26 agosto scorso ha raccolto nelle vie del paese la rievocazione storica dei mestieri tipici della vallata, Paularo è centro attivo di produzioni manuali anche grazie ai corsi che si tengono all´Istituto Linussio già dal 1998 con il "Progetto Montagna. Una scuola che lavora sul territorio". Accompagnato dal sindaco, Maurizio Vuerli, dal preside Pasquale D´avolio e dalla coordinatrice delle esposizioni, Dina Pellizotti, Illy ha visitato l´esposizione di abbigliamento e corredo nella vallata di Paularo dalla fine dell´800 agli inizi del ´900, la mostra di intaglio su legno con soggetti tipici del mobile carnico lavorati dai corsisti dell´Enaip, l´esposizione a cura dell´associazione Ravinis su costumi-scultura e leggende della Val D´incarojo. Infine, il presidente si è recato in visita, sempre nei locali dell´Istituto, alla mostra allestita dalla Croce Rossa sul primo soccorso durante la I guerra mondiale. Ad illustrare i reperti d´inizio secolo sono stati il capitano e collezionista Fabio Zuccari, il responsabile del gruppo volontari di soccorso di Paularo, Giovanni Dereani, il direttore regionale Adriana Frappi Carbonera e il consigliere Roberto Bile, in rappresentanza del presidente della Croce Rossa regionale, Fulvio Di Cosmo. .  
   
   
13°INTERTEXMILANO - INTERNATIONAL TEXTILE TRADE SHOW 11° READY TO SHOW - INTERNATIONAL CLOTHING SOURCING EXHIBITION MILANO, 11-13 SETTEMBRE 2007  
 
Gran ritorno al Palazzo delle Stelline per Intertexmilano e Readytoshow, dall´11 al 13 settembre 2007 13° edizione per Intertexmilano ed 11° edizione per Readytoshow a conferma della gran forma delle manifestazioni internazionali di contorno a Milano Unica. Non solo Parigi ma anche Milano ha la sua parte di internazionalità e di apertura ai partner produttivi al di là delle frontiere, filatori tessitori e, sempre di più, maglifici e confezionisti in grado di offrire un full package. La manifestazione si presenta su 2 piani al Palazzo delle Stelline con 120 stand e quasi 200 aziende presenti direttamente o rappresentate da diverse Associazioni cinesi, turche, indiane, tunisine, nepalesi. Per la prima volta in fiera l´Indonesia, la Lituania, Malta. Produttori per conto terzo ma anche con le proprie collezioni ed addirittura giovani stilisti emergenti interessati a contatti con l´industria ed il trade. Non mancano le società di servizi come quelli per il controllo qualità e gli agenti italiani in grado di offrire tutta una paletta di prodotti da fonti diversificate. Uno spazio tendenze è stato allestito in collaborazione con stilisti italiani e francesi. Permetterà il collegamento piacevole tra i 2 piani della fiera. L’edizione del febbraio scorso è stata visitata da più di 3000 visitatori: 80% italiani e 20% stranieri (Germania, Spagna, Francia, ma anche Grecia, Emirati Arabi, Russia…50 paesi in totale). Per questa edizione le numerose pre-registrazioni ricevute dai buyer, product managers e stilisti , favorite anche dall’incremento di espositori e dalla nuova sede, confermano il crescente interesse per la manifestazione e il concetto di global sourcing. Un´inaugurazione ufficiale della fiera con i rappresentanti dei Consolati interessati alla manifestazioni è prevista per il martedì 11 settembre. .  
   
   
SCUOLA NAZIONALE DI MERCERIA: CALENDARIO CORSI AUTUNNO 2007.  
 
L’autunno è alle porte e ancora non avete deciso a quale corso iscrivervi? Sul blog della Scuola Nazionale di Merceria trovate il calendario dei corsi per l’autunno 2007. I corsi sono pensati per tre diverse tipologie di pubblico: per i merciai o aspiranti tali, per le professioniste e appassionate del settore come le ricamatrici e infine per chi è alle prime armi ma è affascinato dalle antiche e nobili tradizioni delle arti femminili. Diverse le novità e le esclusive: Cecilia Piacitelli Roger con una formazione a l’Ecole Lesage di Parigi, punto di riferimento per tutta l’alta moda da Dior a Dolce e Gabbana presenta un corso di ‘Ricamo alta moda ad ago’ propedeutico al successivo corso di ‘Crochet di Lunéville’. In previsione del Natale Cristina Notore e Paola Paglierani hanno studiato e preparato dei prototipi in esclusiva per la Scuola Nazionale di Merceria utilizzando le tecniche del Macramè, del Silk Ribbon e del Pannolenci. Lidia Musetti ci inizierà all’antica tecnica giapponese del Kumihimo nata per produrre trecce di seta che venivano utilizzate nelle armature dei samurai o come cintura per fermare l’obi sopra il kimono. E infine un ospite internazionale come Isabelle Gagnebin autrice di ‘Alphabet Brodé mille fleur’ che farà sognare mamme e nonne mentre saranno intente a ricamare le iniziali dei loro bimbi e nipoti con mille piccoli fiori dalle forme e colori più svariati. Come potevamo fermarci qui? Stiamo definendo le date per i corsi di ‘Taglio e cucito’, ‘Scrapbooking’, Quilt, ‘Sfilato Siciliano’, ‘Ricamo a treccia della tradizione popolare romagnola’ e un percorso didattico per chi vuole aprire un negozio di merceria perciò seguite tutti gli aggiornamenti direttamente sul nostro blog www. Scuolanazionaledimerceria. It .  
   
   
TANTO DI CAPPELLO ALL’ARTE DI MONTAPPONE, ANZI CHAPEAU! I CAPPELLI PAZZI DI MONTAPPONE (MARCHE) VOLANO ALLA FIERA DEL PRêT-À-PORTER DI PARIGI, DAL 6 AL 9 SETTEMBRE 2007  
 
Chapeau! I cappelli di Montappone volano a Parigi per la Fiera del prêt-à-porter dal 6 al 9 settembre 2007, Porte de Versailles. Ospiti tra gli espositori di questa edizione, oltre alle numerose aziende del distretto marchigiano che da solo detiene la metà della produzione europea, c’è anche la bella mostra artistica “Il Cappellaio Pazzo”. Raccolta di pezzi unici dalla creatività di artisti e maestri cappellai che ogni anno viene inaugurata durante la manifestazione “Il cappello di paglia” (21 e 22 luglio quest’anno), la due giorni in cui il paese di Montappone fa rivivere l’antica tradizione della lavorazione della paglia di grano. La Fiera del prêt-à-porter a Parigi è chiaramente una vetrina straordinaria per Montappone, piccolo centro nell’entroterra marchigiano nella attuale provincia di Ascoli Piceno. Superlativa per la mostra di creazioni artistiche realizzate da artigiani locali, maestri cappellai, ma anche designer architetti e artisti nazionali che ogni anno chiedono di partecipare. Pensata per una realtà di 1800 abitanti, la mostra curata da Giuliano de Minicis oggi riceve un ulteriore notevole riconoscimento e si trova catapultata al centro della vitalità europea, nella ville lumiére capitale della moda, in una fiera frequentata da 200 mila persone. Idealmente, si tratta anche di un modo per restituire la visita dell’Atelier - Musèe du Chapeau di Chazelles-sur–lyon che quest’anno ha arricchito le iniziative di Montappone. Uno scambio Marche-francia che si dimostra fertile e che apre ufficialmente la nuova stagione degli scambi tra Montappone e il resto del mondo. Si inizia da Parigi. La mostra sarà allestita in uno spazio di 150 mq (hall 7 - niveau 3 - So chic), interamente dedicato alle creazioni de “Il Cappellaio Pazzo”, dove il personale della Fiera provvederà ad accogliere i visitatori e distribuire loro il materiale. Compresa una brochure promozionale appositamente realizzata, con la presentazione della mostra, la storia di Montappone e la favola che ha dato vita alla tradizione del cappello di paglia in loco. Indicazioni precise con il logo della mostra condurranno i visitatori attraverso lo spazio fieristico internazionale, fino all’area dei cappelli pazzi. La richiesta è stata espressamente quella di ricreare l’atmosfera della mostra che si respira a Montappone. A Parigi saranno presenti 40 pezzi che fino ad oggi si sono potuti ammirare in paese, e che torneranno in mostra dopo la fiera e vi resteranno fino al prossimo 4 novembre. Tra i cappelli pazzi che hanno preso il volo per la capitale francese, ci sono anche quelli di Leandro Memè “Le radici del cappello”, di Bernadette Ostani “Cappello fra le nuvole”, di Monica Rafaeli “Il cappello della memoria”, il cappello realizzato per l’occasione dal curatore della mostra De Minicis “Cappello da gioco e quello realizzato da Silvano Marini “Il paese sempre in testa”, diventato emblematico di Montappone visto che lo rappresenta. Questo di Parigi rappresenta un riconoscimento internazionale aspettato dall’Amministrazione Comunale di Montappone, guidata dal Sindaco Ferruccio Vecchi, che da oltre un anno ha avviato un intenso rapporto con l’Istituto per il Commercio Estero di Parigi e dalla Pro Loco di Montappone guidata da Mauro Ferranti che da sempre profonde grande impegno nel promuovere “Il Cappello di Montappone”. Il risultato è dunque sicuramente frutto di questo intenso lavoro di promozione che da anni l’amministrazione di Montappone, in collaborazione con la Pro Loco e con gli imprenditori del cappello di Montappone e Massa Fermana, stanno portando avanti. L’inaugurazione avverrà il 6 settembre alle 12 alla presenza di istituzioni locali marchigiane e francesi, tra cui vari ministri. Per la Regione Marche, presente l’assessore al turismo Luciano Agostini. Per L’istituto Italiano per il Commercio Estero a Parigi, Leonardo Radicati. Per il Comune di Montappone il sindaco Ferruccio Vecchi, per la Pro Loco di Montappone il presidente Mauro Ferranti e il vice Amerino Clementi, insieme al curatore Giuliano De Minicis. Intanto, la mostra “Il Cappellaio Pazzo” allestita a Montappone in via Roma nella Sala Esposizione Scuola dell’infanzia, si potrà tornare a visitare dal 15 settembre al 4 novembre (aperta sabato, domenica e festivi dalle 16 alle 20). La mostra è realizzata in collaborazione tra Comune di Montappone, Proloco di Montappone, con il patrocinio della Regione Marche e Provincia di Ascoli Piceno. Info e prenotazioni visite a richiesta, per gruppi e scuole: 333. 8258462. .  
   
   
TORNA BARLETTA MODA… …ASPETTANDO MILANO L’APPUNTAMENTO CHE APRE LA STAGIONE DELLE SFILATE IN PUGLIA SI TERRÀ IL 29 E 30 SETTEMBRE, ANCORA UNA VOLTA NEI GIARDINI DEL CASTELLO SVEVO DI BARLETTA IL CONTO ALLA ROVESCIA È COMINCIATO.  
 
Manca poco meno di un mese all’appuntamento che apre la stagione delle sfilate in Puglia. Il 29 e 30 settembre torna Barletta Moda, che ancora una volta si terrà nei giardini del Castello Svevo, davanti alla fortezza federiciana. Top secret la scenografia scelta per questa settimana edizione dall’agenzia Gio Cristallo, che organizza l’evento. Come sempre saranno due serate di moda e spettacolo, con personaggi di primo piano nello star system nazionale. Ad aprile, come si ricorderà, sulla passerella di Barletta Moda salì Simona Ventura. “A settembre non saremo da meno”, assicura l’esplosiva Giovina Cristallo, che da qualche mese sta lavorando ad un altro grande progetto: l’esportazione di Barletta Moda a Milano. “Con alcuni imprenditori locali e operatori moda meneghini stiamo organizzando una grande sfilata nella capitale italiana della moda”, anticipa Cristallo. “Il nostro obiettivo è sempre più quello di essere veicolo promozionale per le migliori produzioni del nostro territorio”. Un obiettivo già raggiunto attraverso l’evento barlettano, che anche per questa edizione avrà due vetrine eccezionali: entrambe le sfilate saranno infatti riprese dalle telecamere del canale satellitare Tv Moda, punto di riferimento per le migliori griffes nazionali, e quelle di Rete 4, che a Barletta Moda dedicherà uno speciale nell’ambito della rubrica Tv Moda. “Quella con Tv Moda è una partnership che ha dato importanti frutti alle nostre aziende”, spiega Giovina Cristallo. La formula dell’evento è sempre la stessa: la sfilata del sabato sarà interamente dedicata ai capi prodotti dalle aziende del territorio pugliese, mentre l’appuntamento glamour della domenica è ancora una volta riservato alle migliori espressioni commerciali della provincia di Barletta, Andria e Trani. Sarà uno spettacolo di grande fascino, da non perdere e non solo per chi ama la moda. Gli inviti come sempre saranno distribuiti dalle aziende partecipanti, di cui presto saranno diffusi i nomi. .  
   
   
AL FASHION FROM TUSCANY (FFT) PRESSO LA FIERA MODA MOSCOVITA LA MODA TOSCANA PROTAGONISTA ALL’ART ANGAR DI MOSCA PROTAGONISTE OTTO AZIENDE DEL TERRITORIO GRAZIE A TOSCANA PROMOZIONE  
 
La moda toscana in mostra all’Art Angar di Mosca. Dopo il successo dello scorso anno è tornato il 5 settembre “Fft – Fashion From Tuscany”, l’evento organizzato dall’Agenzia regionale di Promozione Economica “Toscana Promozione” e dall’Istituto nazionale per il Commercio Estero in occasione della partecipazione toscana all’edizione autunnale della fiera del settore moda Collection Premiere Moscow. Guidato da una giovane coppia di innamorati in sella alla loro Vespa, il pubblico presente all’Art Angar – circa 300 persone tra vip, operatori di settore e stampa specializzata – trasportato in un’atmosfera romantica “Anni ‘50” nella quale, sulle note di famose colonne sonore e di brani di musica italiana senza tempo, si sono mescolati alla moda, spettacolo ed emozioni. Se le sfilate delle 8 aziende toscane protagoniste dell’evento, infatti, sono state introdotte da video emozionali pensati per far scoprire agli ospiti la Toscana più intima e segreta, allo stesso tempo l’elegante passo delle modelle si sono intrecciate alle armoniose movenze di due ballerini del corpo di ballo della Rai mettendo in scena una perfetta fusione di moda e spettacolo ed esaltando al massimo la qualità e la modernità delle creazioni toscane firmate Gitor, Rossi Futuring, Cheby, Aquatempora, Gic Modyva, Victory, Linea Fontani e Linea Ranch Anfor. Uno spettacolo innovativo, basato sul continuo contrappunto tra presente e passato. Quel “passato” degli anni ’50 caratterizzato da una sorprendente creatività, ricco di entusiasmo e di voglia di fare, in cui lo stile italiano ha iniziato ad imporsi in tutto il mondo e durante il quale è cominciata anche la “carriera” della Toscana come terra d’eccellenza del Made in Italy. Basti pensare che proprio in questo periodo è nata qui la mitica Vespa, vero e proprio simbolo degli anni ’50 e, sul fronte della moda, si sono affermati marchi come Gucci, Ferragamo o Emilio Pucci. Quello narrato all’Art Angar di Mosca è quindi un racconto nel quale si sono intrecciate tradizione e innovazione, disegnando il profilo di una terra, la Toscana, da sempre proiettata verso il futuro e che ha saputo fare dell’amore per il bello e per la qualità il suo stile di vita. Le otto imprese protagoniste di Fashion From Tuscany sono: Gitor Srl di Minucciano (Lu), Rossi Futuring di San Miniato (Pi), Cheby Srl di Ponte a Elsa (Fi), Aquatempora di Empoli (Fi), Gic Modyva Spa di Empoli (Fi), Victory - Orfatti Confezioni di Limite sull’Arno (Fi), Linea Fontani Srl di Capraia Fiorentina (Fi) e Linea Ranch Anfor di Vinci (Fi) .  
   
   
SIGLATO ACCORDO TRA MAESTRI CALZATURIERI DEL BRENTA E LA CITTÀ DI CHENGDU (CINA  
 
) E’ partito a pieno regime il lavoro del neo-eletto Giuseppe Baiardo, presidente del Consorzio Maestri Calzaturieri del Brenta. Lo scorso 19 luglio 2007 infatti, Giuseppe Baiardo, ha siglato un importante accordo di collaborazione con la città di Chengdu, capoluogo della provincia cinese del Sichuan. Alla sigla dell’accordo era presente anche il vice presidente A. N. C. I. Franco Ballin. In seguito ad una politica del governo locale che mira a sviluppare il mercato calzaturiero, è stato creato a Chengdu un centro multifunzionale, il Lady Shoes Center of China, attrezzato per fornire servizi, anche di tipo commerciale, alle imprese locali ed estere. Alcuni esponenti del Centro, unitamente al presidente, Sign. Peng Jun, si sono recati nel distretto calzaturiero della Riviera del Brenta ed hanno visitato le aziende calzaturiere per presentare la loro fiera che si svolgerà ad ottobre. Grazie all’accordo siglato, il Lady Shoes Center of China ed il Consorzio Maestri Calzaturieri del Brenta promuoveranno le aziende venete per favorire la penetrazione della calzatura di lusso nel mercato della Cina centrale e sud-occidentale. .  
   
   
AQUAFIL INVESTE OLTRE 30 MILIONI DI € PER RAFFORZARE LA PROPRIA LEADERSHIP QUALITATIVA NEL FILO DEL TESSILE DI NYLON 6 & 66  
 
Aquafil S. P. A. Ha firmato ordini di acquisto con Barmag , Autefa ed altri primari fornitori europei di macchinari ed impianti per un valore complessivo di oltre 30 milioni di €. Il piano di investimenti consentirà di espandere la capacità produttiva di fili tessili (Poy & Fdy) di Poliammide 6 & 66 dello stabilimento di Lubiana (Slovenia), aggiungendo circa 10. 000 tons/anno di capacità alle 16. 000 tonnellate attualmente prodotte. Il sito Aquafil di Lubiana (Julon dd) è uno stabilimento integrato. Oltre alle filature tessili che verranno ampliate, ed alle relative attività di testurizzazione, anche 35. 000 tons/anno di polimeri e 15. 000 tons/anno di filo Bcf vengono prodotte nello stesso sito. Il piano di investimenti approvato, che è già nella sua fase esecutiva, prevede anche la completa automatizzazione delle attività di movimentazione ed imballo delle bobine prodotte nelle filature Poy & Fdy esistenti, ed un nuovo stabilimento per la orditura dei fili destinati ai settori indemagliabile e tessitura, necessario a sostenere la crescente quota di mercato che Aquafil prevede di acquisire in questi due settori. L’amministratore delegato, dr. Giulio Bonazzi, ha spiegato come l´Azienda di Arco di Trento, dopo avere interamente riposizionato le proprie attività industriali relative al filo tessile in Slovenia e Croazia, e dopo avere completato un drastico processo di riorganizzazione interna, si è concentrata sul raggiungimento e sul mantenimento degli standard qualitativi che sono indispensabili agli utilizzatori Europei più esigenti, e di maggiore successo. A ulteriore conferma dell’orientamento strategico “Italiano ed Europeo” di Aquafil nel filo tessile, alla domanda se parte di questa capacità addizionale fosse destinata ai mercati del Far East il Dott Bonazzi ha infatti risposto: “Assolutamente no. La strategia che ha consentito ad Aquafil di sviluppare un business che crea valore per i propri azionisti, in un mercato molto difficile, è stata quella di proporsi come partner alle poche ma straordinarie aziende tessili che producendo in Italia ed in Europa ancora difendono , ed in molti casi riescono anche ad espandere, la propria posizione. Questi investimenti sono la conferma della nostra strategia. Per difendere i propri successi questi straordinari operatori hanno bisogno di un fornitore che abbia una solida e profonda conoscenza della tecnologia dei polimeri e delle fibre, che produca su impianti modernissimi. E con il quale la collaborazione possa essere trasparente e quotidiana”. La capacità addizionale di Poy ed Fdy , e la nuova orditura, saranno a regime prima della fine del 2008. Aquafil è una Azienda Italiana , con sede ad Arco di Trento (Italia) e con oltre 1. 500 dipendenti che operano in 10 stabilimenti in Italia, Slovenia, Stati Uniti, Croazia e Tailandia. La attività delle tre Business Unit operative (Filo per tappeti, Filo tessile, Polimeri / Engineering Plastic) è fortemente integrata, ed è caratterizzata da un elevato livello di innovazione e di diversificazione dei prodotti. Per ulteriori informazioni: www. Aquafil. Com - www. Dryarn. Com - www. Aquafileng. Com .  
   
   
FACE À FACE PRESENTE PER LA PRIMA VOLTA AL PRÊT-À-PORTER DI PARIGI CON LE NUOVE COLLEZIONI DI OCCHIALI DA SOLE E GIOIELLI  
 
Dal 6 al 9 settembre Face à Face, creatore francese di accessori contemporanei ad alto contenuto di design - prodotti dall´azienda parigina Architectures, sarà presente al Prêt-à-porter di Parigi, all´interno del nuovo spazio espositivo The Box, il tempio dell´accessorio, allo stand Porte de Versailles, Hall 7/1, Stand M15. Presente in 50 Paesi con 18 rappresentanti esclusivi, Face à Face realizza un giro d’affari di 10 milioni di euro di cui l’80% realizzato all’estero. Da oltre 10 anni la società Architectures progetta, fabbrica e commercializza montature da vista e da sole con il marchio Face à Face. Nel 2005 la collezione Face à Face si è arricchita di un nuovo accessorio strettamente funzionale all’occhiale: una collezione di collier porta-occhiali che rispetta in pieno la filosofia del marchio parigino. A questi gioielli si è aggiunta la produzione di orecchini e bracciali in abbinamento. Infoweb: www. Faceaface-paris. Com .  
   
   
PIAVE MAITEX A INTERFILIERE DAL 1° AL 3 SETTEMBRE  
 
In occasione di Interfilière (1 – 3 settembre 2007) Piave Maitex lancerà la sua ultima innovazione: Green Line un nuovo tessuto che è un mix esclusivo di fibre altamente innovative: 90% Ingeo fiber e 10% Xla. Nello stand , situato nella Hall 4, H122, sarà possibile ammirare le ultime novità di Piave Maitex e dei suoi partners. .  
   
   
CPM – COLLECTION PREMIÈRE MOSCOW DAL 4 AL 7 SETTEMBRE  
 
Cpm – Collection Première Moscow rimane nell´orbita del successo. La più importante fiera della moda dell´Europa orientale continua a crescere garantendo agli operatori della Russia e dei paesi vicini un´ampia panoramica dei nuovi trend della stagione primavera / estate 2008. Dal 4 al 7 settembre nel comprensorio fieristico moscovita Krasnaya Presnaya Expocentr si presenteranno su 52. 000 m² oltre 1. 300 espositori provenienti da 37 paesi con le loro collezioni. Confrontando queste cifre con quelle dello scorso anno si nota nuovamente una crescita del 18 per cento. Per oltre 16. 900 operatori la Cpm – Collection Première Moscow è un efficientissimo mercato per gli affari B-2-b. Informazioni e ordini sono in primo piano durante i quattro giorni di apertura della manifestazione. Quindi per le griffe che desiderano approfittare dello sviluppo positivo del mercato russo dell´abbigliamento la Cpm è uno dei più importanti strumenti di marketing. «La Cpm segna nuovamente quasi esaurito», constata Frank Hartmann, amministratore delegato dell´Igedo Company, durante una conferenza stampa tenuta a Düsseldorf sul tema Cpm. «E nonostante il mercato russo della moda si trovi attualmente in un periodo di depressione congiunturale, il trend generale mostra ininterrottamente una curva ascendente. Le percentuali della crescita nel mercato sono ancora a due cifre e prevediamo che il mercato russo dell´abbigliamento continuerà la sua corsa in salita almeno fino al 2013. E anche in futuro la Cpm fornirà gli impulsi decisivi». Soprattutto la domanda di marchi premium aumenta attualmente più della media anche sul mercato russo. Con il lancio del nuovo segmento chiamato "Cpm Premium" l´Igedo Company risponde al desiderio di molte griffe premium di avere un proprio palcoscenico pregiato. Alla prima edizione del segmento Cpm Premium nel padiglione 8. 1 hanno già assicurato la loro partecipazione 80 espositori con le loro collezioni, tra di essi si trovano griffe come Barbara Schwarzer, Riani e Sonja Marhon provenienti dalla Germania, Nathalie Garcon dalla Francia, 2B dalla Grecia, Cristina Effe, Ferrari, Fornarina, Nolita e l´azienda Galletzia Carioni con i marchi Light Force, Mary Mode, Pretty Mode, Twin-set, Sonja Fortuna nonché l´azienda Tutti Frutti con le label Bejeweled, Faith Connexion, Faith Industry, Guilty Brotherhood, It, Money Clothing e Rock Revival dall´Italia, Ftc Cashmere dalla Svizzera, Ema Savahl dagli Usa oppure l´azienda U-ni-ty dall´Ucraina. Inoltre Cpm – Collection Première Moscow permette agli oltre 16. 900 operatori in visita una panoramica concentrata sulla moda per donna, uomo e bambino, intimo e moda mare, pellicce e abbigliamento in pelle, young fashion, moda da cerimonia e da sera e accessori. Anche la lista degli altri espositori di Cpm elenca, come di solito, molti rinomati marchi internazionali. Nel campo dell´abbigliamento femminile e maschile si trovano marchi e aziende di grande presenza e forza nei punti di vendita specializzati come Claire Group, Friis & Company, Godske Group, Guro, Ichi, Kaffe & Cream, Nümph, Pas, Park, Pelsnoer, Solid e Zazar dalla Danimarca, Finnkarelia e Ril’s dalla Finlandia, Bogner Jeans, Camel Active, Eduard Dressler, Kapalua, Luisa Cerano e Marc O’polo dalla Germania, ml woman, ml man, Fuego, Didier Parakian, Renato Nucci e Lauren Vidal dalla Francia, Caramelo, Dikton’s, Fuentecapala, Mirto, Olimpo e Redbeard dalla Spagna e molti altri. Nel settore Cpm Kids si riunirà il Who-is-who dell´abbigliamento per neonati e bambini come Claire dalla Danimarca, Pampolina dalla Germania, Kenzo e Sun City dalla Francia, Trussardi, Byblos Mini and Junior Club, Gf Ferrè by Mafrat, Laura Biagiotti Dolls, Mariella Burani le Giovani e Patrizia Pepe Girls dall´Italia nonché Losan, Mayoral e Tuc Tuc dalla Spagna. Nuovi alla Cpm – Collection Première Moscow sono Käthe Kruse dalla Germania, Levis e Arc en Ciel dalla Francia, Ollie dalla Gran Bretagna, Balducci, Juicy Couture nonché To be Too dall´Italia e Airfield Young Generation dall´Austria. Il segmento Young Fashion è il palcoscenico di marchi come Lee Cooper, von Dutch e Alpha Industries provenienti dagli Usa, che esporranno per la prima volta alla fiera, e le griffe Six Valves e Holanda Bendorff dalla Spagna nonché gli espositori Ddp dalla Francia e Pepe Jeans dalla Spagna, ecc. Tra le dodici partecipazioni collettive nazionali ci saranno per la prima volta a Cpm anche otto espositori brasiliani. Altri padiglioni nazionali rappresenteranno Austria, Bulgaria, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna e Turchia. Il vario programma integrativo di Cpm – Collection Première Moscow informerà sui più recenti trend e tendenze nel campo della moda. Le sfilate quotidiane come la Cpm Catwalk nella Hall of Design, padiglione 4, e la Cpm Kids Catwalk nel padiglione 3 della Cpm Kids sono ormai comprovati elementi di ispirazione. Nuovo è il Premium Fashion Show che si svolgerà pure nella Hall of Design, padiglione 4. Un richiamo per il pubblico e un´altra grande attrazione sono il fashion show "Children’s Fashion from Spain" e la sfilata del rinomato stilista russo Slava Zaitsev che si vedrà giovedì, 6 settembre 2007 alle ore 16. 00, nella Hall of Design, padiglione 4. Anche il programma di seminari nella Sala di Marmo promette qualcosa di interessante. Il russo Fashion Consulting Group sta programmando un seminario sui trend della primavera/estate 2008 e la rivista russa "Ya pokupayu" interverrà tra l´altro per parlare di "efficaci campagne pubblicitarie nell´industria della moda". Cpm Fashion Night si svolge tradizionalmente il primo giorno della fiera in uno degli hot spot moscoviti più in voga e invita ai colloqui con gli operatori del settore. A partire dal gennaio 2007 Cpm – Collection Première Moscow è presente in Internet con una propria piattaforma per il matchmaking. Questo validissimo strumento B-2-b, appositamente creato per il mercato russo della moda, offre tutto l´anno ai confezionisti e ai fornitori di abbigliamento nonché agli agenti del settore nel sito Internet www. Cpm-tradeservice. Com la possibilità di trovare i partner d´affari a loro adatti. Fino alla data odierna si sono registrate 300 persone e si nota una tendenza all´aumento. Inoltre Igedo Company ha potenziato nuovamente le azioni di marketing dedicate ai visitatori: oltre 20. 000 i contatti a cui vengono inviate le newsletter con le più importanti informazioni su Cpm. Inoltre ha organizzato, per informare la stampa specializzata, numerose tavole rotonde nelle principali città europee, come Milano, Londra, Anversa, Copenhagen, Mosca e Varsavia. Per il 2008 Igedo Company sta progettando di ingrandire nuovamente la superficie espositiva di Cpm – Collection Première Moscow, dimostrando in tal modo che il mercato del futuro chiamato Russia rimane al centro dell’attenzione dei paesi protagonisti del settore. La decima edizione della Cpm – Collection Première Moscow si svolgerà dal 26 al 29 febbraio 2008. Ulteriori informazioni sulla Cpm – Collection Premiere Moscow e su tutte le altre attività di Igedo Company su: www. Igedo. Com - www. Cpm-moscow. Com - www. Cpm-moscow. Ru .  
   
   
IL MUSEO DELL’OCCHIALE A PIEVE DI CADORE  
 
Inaugurazione del nuovo Museo dell’Occhiale: “Il piu’ importate al mondo si trasferisce accanto alla casa natale di Tiziano Vecellio” il Museo dell’Occhiale di Pieve di Cadore, il più importante al mondo per completezza e rarità delle collezioni, inaugura la nuova sede, trasferendosi all’interno dell’avvenieristico complesso denominato Cos. Mo (Centro Operativo Servizi Museo dell’Occhiale), nel cuore pulsante di Pieve di Cadore, città veneta della cultura 2004, e accanto alla casa natale di Tiziano Vecellio. Per l’inaugurazione il Cavaliere del Lavoro Vittorio Tabacchi, promotore e presidente della Fondazione Museo dell’Occhiale, ha previsto un programma originale e raffinato, con visita al nuovo Museo e, a seguire, sfilata storica caratterizzata da costumi e occhiali d’epoca concessi dal Museo a beneficio dello spettacolo. Vittorio Tabacchi ha dichiarato: “Siamo molto orgogliosi di inaugurare la nuova sede del Museo dell’Occhiale, proprio accanto alla casa di Tiziano. Con questo nuovo progetto, realizzato grazie all’impegno del settore dell’occhialeria e di tutta la comunità, il Cadore e la provincia di Belluno potranno finalmente dare adeguato risalto ad un prodotto che, nato nella nostra regione, rappresenta oggi una delle eccellenze italiane nel mondo. Il Museo, inoltre, diventerà il riferimento nazionale per la conservazione, lo studio e la valorizzazione di questo importante patrimonio, instaurando al tempo stesso una rete di collegamenti con il settore produttivo e con le scuole, specialmente quelle per ottici”. Da non dimenticare poi che, proprio Mido, la Mostra Internazionale di Ottica, Optometria e Oftalmologia più importante al mondo, durante 37° edizione appena conclusa, ha dedicato la prima serata, il 4 maggio, ad un evento magico dove modelli esclusivi di occhiali, tra i quali esemplari provenienti dal Museo dell’Occhiale, hanno ripercorso le tappe più significative di un cammino che continua tuttora, un percorso dove ricerca, innovazione e design si sposano sempre in soluzioni nuove e originali. Nella nuova sede il Museo dell’Occhiale trasferisce gli oltre 3. 000 pezzi che compongono le sue collezioni, provenienti da ogni angolo del mondo, dall’Europa all’America passando per la Cina e il fascinoso oriente. Pezzi rari e unici per epoca e completezza che rendono il Museo un luogo unico al mondo: occhiali di tutte le fatture, ex voto in argento e cera risalenti al ‘600, insegne dei primi negozi di ottica dell’800 e ancora portaprofumi, fassamani, necessaire, ventagli, bastoni da passeggio, binocoli e piccoli cannocchiali terrestri. Per l’occasione la collezione si è arricchita negli ultimi mesi anche dei pezzi più moderni, arrivando fino agli occhiali in metallo e plastica simbolo della moda valorizzata dalle grandi griffe, passando per i grandi occhiali degli anni ’50 – ’60 indossati dalle più famose attrici di Hollywood e Cinecittà. Il percorso espositivo si snoda su due piani dell’edificio: ad accogliere i visitatori al primo piano saranno i preziosi esempi di oreficeria e perizia tecnica del Museo dell’Occhiale mediante l’esposizione delle prestigiose collezioni Bodart, De Lotto e Weiss, con reperti che datano dal Xv al Xxi secolo e che illustreranno la storia, gli usi sociali, la funzione, l’evoluzione tecnica degli occhiali e di altri strumenti ottici. Il secondo piano è invece interamente dedicato allo sviluppo del Distretto industriale dell’occhiale più importante al mondo, quello bellunese che produce l’80% degli occhiali italiani, attraverso l’esposizione di macchinari, strumenti – provenienti soprattutto dalla collezione Del Favero - immagini e suoni. Il primo Museo dell’Occhiale è nato nel 1989 da un’idea di Vittorio Tabacchi, Presidente del Gruppo Safilo, appassionato collezionista e desideroso di realizzare, nel distretto industriale cadorino, una raccolta pubblica che avesse soprattutto un ruolo educativo e propedeutico nei confronti dei giovani. Il nuovo Museo dell’Occhiale, finanziato dalla Fondazione Museo dell’Occhiale, Assindustria Belluno, Anfao, Comune di Pieve di Cadore e Comunità Montana di Centro Cadore e con la collaborazione dell’Ulss n. 1 di Belluno, è stato progettato da un team di specialisti (Studio Mendini, Daniela Baldeschi, Daniela Perco, Iolanda Da Deppo) in collaborazione con la Fondazione Museo dell’Occhiale, in un edificio moderno, il centro Cos. Mo, progettato da Sgi Studio Galli Ingegneria Spa e dall’arch. Marco Oliviero di Hanami Progetti srl. Il Centro Cos. Mo. Nel centro storico delle Dolomiti più belle del mondo spicca un’opera che fonde in armonia materiali tradizionali e moderni: il complesso si sposa molto bene con l’esigenza di dare un volto nuovo al Museo dell’Occhiale più importante al mondo, recuperando materiali della tradizione edilizia bellunese e dolomitica, come il legno a lamelle, e valorizzandoli attraverso il connubio con il vetro che li veste, il cemento che li struttura e l’acciaio corten che sostiene il vano scale come un cordone ombelicale fra i piani. La tradizione e la modernità delle collezioni del Museo dell’Occhiale sono accompagnate da una stessa filosofia che permea la componente architettonica dell’edificio e dell’esposizione. .  
   
   
NUOVA LICENZA EYEWEAR: STUDIO POLLINI SI AFFIDA AD ELITE GROUP  
 
Pollini Spa, società del Gruppo Aeffe, ed Elite Group, hanno siglato un accordo di licenza per la durata di 10 anni per la produzione e distribuzione della nuova linea occhiali Studio Pollini. Questo nuovo accordo si aggiunge al contratto già esistente per la prima linea Pollini Eyewear. La collezione sole e vista primavera/estate 2008 verrà presentata in anteprima in occasione del Silmo di Parigi. Il debutto della linea Studio Pollini Eyewear è caratterizzato da uno spirito innovativo e tecnologico esclusivo, sviluppato in una collezione unisex composta da 23 modelli vista e 5 modelli sole. L’occhiale “tattoo”, uno dei modelli più significativi della collezione, presenta delle aste prodotte con una nuova tecnica studiata per ricavare i due colori della lastra di acetato senza dover scavare a laser o con una fresa. Le aste quindi, realizzate in due o più colori, risultano lisce al tatto e senza segni di discontinuità. Prezzo al pubblico Italia Studio Pollini Eyewear a partire da 120/150 Euro, disponibile nei migliori negozi di ottica. .  
   
   
LO STUDIO MAKE DI LONDRA VINCE LA GARA INDETTA DA ESPRIT  
 
Nell’aprile 2007 Esprit Europe Gmbh ha lanciato una gara per la realizzazione della nuova sede di edc che verrà costruita proprio di fronte alla sede di Esprit a Ratingen-schwarzbach. L’edificio, che sarà dotato di showroom, uffici e sale open space, occuperà una superficie utile di oltre 20. 000 m². Il trasferimento del team edc nei nuovi locali è previsto per la fine del 2009. Agli architetti è stato chiesto di creare un ambiente di lavoro aperto che faciliti il lavoro di gruppo e stimoli la creatività, con un’ambientazione simile ad un campus universitario. L’edificio inoltre deve comunicare la futura indipendenza del marchio edc e trasmettere i suoi valori: “giovane, funky, internazionale”. La gara era a concorso limitato, conformemente alle norme Raw 2004. La giuria, composta da esperti di grande levatura, era presieduta da Kaspar Kraemer, Presidente della Bda (Federazione degli Architetti Tedeschi). I giudici si sono riuniti il 5 luglio 2007 e hanno deciso di premiare i seguenti candidati: 1° posto (30. 000 euro): make architects, Londra 2° posto (20. 000 euro): Sauerbruch Hutton Architekten, Berlino 3° posto (10. 000 euro): J. Mayer H. , Berlino Inoltre Esprit ha pagato a tutti i partecipanti i compensi di lavorazione. La giuria ha apprezzato particolarmente l’idea proposta dallo studio make di realizzare lo showroom come elemento centrale di collegamento tra i singoli livelli operativi, con con una fluida transizione verso le zone riservate ai dipendenti e ai clienti. L’ambiente di lavoro aperto e trasparente rivelerà in questo modo le energie creative dei dipendenti. Attraverso il tema “create a culture”, i metodi di lavoro e i prodotti del brand saranno presenti in tutti i livelli. Make è uno dei più importanti studi di architettura della Gran Bretagna, con sedi a Londra, Birmingham ed Edimburgo. Realizza edifici d’impatto, straordinari e innovativi, che si distinguono inoltre per economia e sostenibilità. Altri studi che hanno partecipato al concorso: Conix Architekten (Anversa), David Adjaye Associates (Londra), Hpp (Düsseldorf), kadawittfeldarchitektur (Aquisgrana), querkraft Architekten (Vienna), Ropertz + Partner (Duisburg). Tutti gli studi di architettura europei selezionati si sono qualificati per il loro stile architettonico giovane, all’altezza del marchio edc. La giuria ha esaminato un’ampia gamma di progetti che hanno presentato concetti interessanti e locali adatti per i dipendenti e i clienti edc. .  
   
   
VIST A MILANO ALL’ ELEVEN STORE IN VIA TOCQUEVILLE,11  
 
A partire dai primi di ottobre, Vist sarà presente al Temporary Shop ³Eleven Store² a due passi da C. So Como per presentare le ultime novità, risultato di 10 anni di successi e d¹attività. Vist azienda leader nel settore dell´attrezzatura, dell´abbigliamento sportivo e da sempre impegnata nella valorizzazione dello ³sport², si riconferma protagonista sia sulle piste innevate con sci, piastre ed attacchi innovativi e d¹ultima generazione, sia attraverso le originali ed esclusive collezioni nell¹area dell¹abbigliamento fashion/sport. Diversificando le proposte com¹è nello stile Vist, in questo spazio prestigioso saranno presentate le novità della stagione A/i 2007-2008 ed i progetti in ³Special Edition² quali: l¹esclusiva ed elegante ³linea Aurum² e l¹originale ed estrosa ³Snow Leopard ³. ³Aurum² l´obiettivo di questo progetto è l¹unicità della proposta : essere la prima azienda nel mondo dell¹abbigliamento e dell¹attrezzatura sportiva ad utilizzare l¹oro puro, infatti, i capi sono impreziositi da inserti, scritte ed interni realizzati con l¹esclusivo tessuto ³Aurum 24k by Vist², creato in collaborazione con esperti nel settore tessile. Nello spazio Vist il Cliente potrà vivere un¹inebriante esperienza multisensoriale ammirando la fantastica ed unica collezione Aurum impreziosita dall´oro 24k, degustando il particolare vino passito Aurum della Cantina Happacherhof e sentendo il profumo seducente dell´esclusivo sapone Aurum creato apposta per Vist da Nesti Dante. ³Snow Leopard³ è un¹originale, singolare ed estrosa linea d¹abbigliamento, sci/attacchi dedicata alla giovane promessa dello sci africano: il ghanese Kwame Acheampong chiamato "Leopardo delle nevi". La collezione consentirà di raccogliere fondi per supportare lo sport ghanese, in particolare i giovani che vogliono dedicarsi allo sci. Inoltre, parte dei ricavati della collezione andrà a favore di un¹associazione ambientalista che lotta contro l¹estinzione del leopardo delle nevi, di cui Kwame è testimonial. .  
   
   
NUOVO OPENING A SETTEMBRE PER MAURO GRIFONI A TREVISO  
 
Mauro Grifoni ha scelto Treviso, Rivale Castelvecchio 7/9, per l’apertura del suo quinto store dove saranno presenti le collezioni donna, uomo e bambino. Sette vetrine con vetri bruniti affacciate su strada di un importante palazzo medioevale del centro storico. Elegante, lineare e funzionale, il negozio di 250 metri quadri si distingue per la predominanza di cemento per pavimenti mentre per le pareti si è scelto oltre al cemento anche l’alternanza di parti di intonaco materico nei toni caldi. Sul fronte materiali spiccano i legni laccati e i legni naturali oltre agli ottoni acidati e ai ferri ossidati. Si privilegiano materiali naturali con l’inserimento di parti più materiche costituite da ricercati oggetti art déco. L’ampio spazio è giocato su essenzialità, decoro e leggerezza dove la scelta cromatica punta su colori caldi (i grigi del cemento, i marroni dei legni recuperati effetto patchwork, i bruniti dei vetri e degli specchi) in modo da dare ampio risalto ai capi e agli accessori esposti. La sobrietà contraddistingue anche il mix dei materiali d’arredo dove il cemento e il ferro ossidato sono il trait d’union. L’ambiente è diviso in più sale in modo da accogliere al meglio le diverse esigenze delle varie collezioni pur adattandosi in modo perfetto alla tipologia e all’architettura del vecchio palazzo. Prossime aperture Milano, Londra e Parigi. Il programma retail dell’azienda vicentina stima di aggiungere monomarca in Italia nel prossimo anno. .  
   
   
LO’ BY LOVABLE APRE A MILANO  
 
Da settembre in Corso Buenos Aires Da settembre le fedeli consumatrici Lovable (e non solo) avranno un nuovo punto di riferimento per gli “acquisti del cuore”. Verrà inaugurato infatti, con corollario di festeggiamenti tutti improntati al tema simbolo della catena, il cuore rosso, il nuovo punto vendita Lo’ by Lovable a Milano, in Corso Buenos Aires 65. Preceduto da iniziative teaser nei giorni precedenti, l’8 settembre si apriranno le porte di quello che si propone come un “centro di consulenza della bellezza” a tutte le donne che cercano un intimo che esalti la loro femminilità senza rinunciare al comfort. Vetrina della filosofia del marchio, il nuovo punto vendita è un luogo caldo e accogliente che vede la consumatrice protagonista. Il caldo colore delle pareti sulle quali campeggia a grandi lettere il claim dell’insegna “Ogni curva ha il suo cuore”, gli elementi di arredo che richiamano il cuore rosso, l’esposizione chiara e dinamica, i camerini studiati per garantire il comfort dei clienti, contribuiscono a rendere lo shopping nel negozio Lo’ un’esperienza molto piacevole. Tutte le donne che desiderano un intimo sensuale e seducente di gusto raffinato e anche i loro partner che cercano un intimo comodo e di qualità troveranno nel negozio Lo’ il miglior assortimento di intimo e pigiameria, beachwear e homewear con i marchi Lovable e Fila underwear. .  
   
   
DIANA GALLESI ILLUMINA LA NOTTE DI PALERMO  
 
Mettete insieme una esclusiva sfilata di moda nel parco di una antica dimora palermitana: Villa Chiaramonte Bordonaro ai Colli; aggiungete una delle più belle attrici italiane, icona di indiscussa bellezza: Maria Grazia Cucinotta; poi aggiungete l’esibizione di Mario Biondi, l’artista jazz più quotato del momento; infine aggiungeteci pure uno stuolo di bellissime modelle, ed ecco servito un cocktail a dir poco esplosivo: la presentazione della collezione Diana Gallesi per la primavera-estate 2008. Sembra quasi l’opera di uno scrittore sulle orme del più celebre Giuseppe Tomasi di Lampedusa, che riscrive le gesta del “Gattopardo” riadattandolo ai giorni nostri, invece è pura realtà, per una sera Palermo si è trasformata nella capitale italiana della moda, ospitando in una delle sue ville più celebri la sfilata di una storica casa di moda italiana: Diana Gallesi. Il brand, in tema di rievocazioni storiche, ha scelto proprio il capoluogo siciliano per rilanciare la sua nuova immagine. La collezione ha tutto il sapore dell’estate, grazie soprattutto ai colori tipici della stagione calda: bianco, giallo, rosso, ma anche glicine e verde pistacchio. La donna immaginata da Diana Gallesi sa essere divertente e sportiva quando indossa coloratissimi top abbinati a pantaloni tre quarti e jeans, ironica quando gioca con lo stile navy, che sa tanto di estate, fatto di blu e bianco con qualche accenno verde acido. Ma sa essere anche elegante e sofisticata quando sul calar della sera indossa elegantissimi abiti che rubano il bagliore delle stelle e della luna. Le gonne sono ampie e arricchite da applicazioni come le paillettes. Sono molti i richiami agli anni ’60, in particolare guardando i capi della collezione ritornano in mente gli anni spensierati dei primi vacanzieri americani, nell’Italia del boom economico, che affollavano località di villeggiatura come la piazzetta di Capri e il Corso Umberto di Taormina, dove affascinanti turiste americane, non passavano per niente inosservate mentre sfoggiavano con grande disinvoltura ampi cappelli di paglia, senz’altro uno dei must della collezione Diana Gallesi. Tra le modelle che hanno calcato la passerella anche Maria Grazia Cucinotta, testimonial Diana Gallesi e madrina dell’esclusivo evento che per l’occasione ha sfoggiato un elegantissimo abito da sera creato appositamente per lei, che ha messo in risalto la sua mediterranea femminilità. Un capo che sarà prodotto in edizione limitata, una parte dei proventi che saranno ricavati dalla sua vendita saranno devoluti all’associazione “il cavallo bianco”, che si occupa di garantire un futuro sereno ai bambini meno fortunati. La serata di moda è stata illuminata da un evento inatteso. Una vera e propria sorpresa, un fuori programma che i 250 invitati ricorderanno per lungo tempo: il concerto di Mario Biondi. Il musicista, di origine catanese, ha riscaldato gli animi dei presenti con la sua voce calda e possente, proponendo i classici del suo repertorio come la celebre “This is what you are” vero tormentone dell’estate 2007. Il musicista, famoso anche per essere schivo e riservato, ha stupito tutti lasciandosi andare ad inattese confessioni che riguardano la sua vita privata: <<La vita fa giri davvero strani, - ha detto dal palco Mario Biondi - neanche a farlo apposta, mi ritrovo ad esibirmi per il gruppo Miroglio. Lo stesso gruppo che produceva i vestiti che mio padre vendeva in giro per la Sicilia, spesso, infatti, mi capitava di accompagnalo durante i suoi viaggi di lavoro>>. All’evento hanno partecipato tanti volti noti del jet set siciliano, non è mancata la rappresentativa politica, sempre presente in queste occasioni. In particolare tra gli ospiti anche il sindaco di Palermo Diego Cammarata, accompagnato dal figlio che ha visto la propria consorte sfilare in passerella. .  
   
   
MICHELE MIGLIONICO OSPITE D’ONORE AL FASHION WEEK DI QINGDAO (CINA)  
 
Il 1° settembre 2007 Michele Miglionico a Qingdao (città cinese situata sulle rive del Mar Giallo dove si svolgeranno i prossimi giochi acquatici delle Olimpiadi 2008) durante il “Qingdao Fashion Week” nel lussuoso Shangri-la Hotel, lo stilista ha sfilato la sua ultima collezione di alta moda autunno-inverno 2007/2008. La collezione di Michele Miglionico è ispirata alla fine degli anni “50, attraverso creazioni di magistrale abilità sartoriale tra i quali spiccavano eleganti tailleur bianco e nero, in cashmire double con inserti di lana tricottata, giacche corte in boucler con bordi in bouillonné in doppio satin, gonne ballon in broccato oro, abiti da sera neri, rossi e oro in taffettas impreziositi da ricami, incrostati di jais, pietre swarovski, intarsi e drappeggi. Durante il “Qingdao Fashion Week” erano presenti 19 disegnatori: Michele Miglionico ha rappresentato la cultura della moda europea, c’erano stilisti della Corea e di Taiwan e inoltre gli stilisti cinesi Zhang Weiguo, Shi Jie, Jang Lin, Zeng Fengfei, Liu Yong, Li Xiaoyan. L’evento era organizzato dalla Associazione Cinese della moda e dal Governo Municipale di Qingdao. Alla serata erano presenti selezionatissimi ospiti: rappresentanti delle Istituzioni cinesi, Vip del mondo cinese, operatori economici cinesi, giornalisti e rappresentati dei media. .  
   
   
A ANNA MOLINARI IL MASSIMO RICONOSCIMENTO ROTARIANO  
 
Anna Molinari, ospite presso il Club Marina di Massa Riviera Apuana del Centenario, ha ricevuto il prestigioso riconoscimento Paul Harris Fellow da parte della Rotary Foundation per i successi conseguiti come stilista italiana di livello internazionale e per avere contribuito, attraverso la sua professione e la sua testimonianza, alla diffusione dei valori rotariani. Il premio ha rappresentato un segno di apprezzamento e riconoscenza nei confronti della stilista per il suo tangibile e significativo apporto nel promuovere la miglior comprensione reciproca ed amichevoli relazioni fra i popoli di tutto il mondo. La stilista è stata accolta con grande calore da parte dei membri del consiglio direttivo, dal Presidente avv. Cordiano Romano, da tutti i soci del club di Massa Riviera Apuana del Centenario in una serata esclusiva, svoltasi a Forte dei Marmi, che ha visto un allestimento scenografico di rose e candele e la proiezione delle immagini più suggestive delle sfilate e delle campagne pubblicitarie Blumarine. Presenti anche il Questore di Massa Carrara, dr. Paul Albert Filiberto Nash e l’ing. Biagiotti, del Rotary Viareggio Versilia ed assistente del Governatore del Distretto 2070 ed il dr. Gastone Lazzoni, del Club Codroipo Villa Manin. .  
   
   
MARELLA FERRERA A “LA NOTTE DELLE SIRENE”  
 
La stilista siciliana Marella Ferrera ha presentato la sua ultima collezione Beachwear a "La Notte delle Sirene", il 28 luglio su Raidue in prima serata, dall´Arena dello Stretto di Reggio Calabria. Dalle vacanze taorminesi di Lady Chatterley un intrigante mix tra romanticismo siciliano e dandismo inglese per un "Beach-couture" fatto di rafia, coralli, spago e fili di seta, ma anche di preziosissimi cristalli swarovski. Testimonial della Ferrera il trio di soprano Appassionante che ha cantato un brano composto per la speciale occasione, chiamato "Maestrali", che ha fatto da colonna sonora alla sfilata stessa. Condotto da Monica Leofreddi, si sono alternati importanti ospiti come Michele Placido, Gigi D´alessio, Anna Tatangelo, Giampiero Mughini. Un appuntamento da non perdere dunque per i fedelissimi della Moda Mare. .  
   
   
LA CREATIVITÀ NARACAMICIE PREMIATA A "CATANAIA, TALENTI & DINTORNI" PREMIO NAZIONALE - GALA DELLA MODA  
 
E’ ormai la vetrina del mondo fashion in Sicilia il Premio “Catania, Talenti & Dintorni”, abbinato al Gala della Moda, giunto all’ottava edizione. Un evento ormai conosciuto oltre i confini nazionali, anche quest’anno ha accolto importanti case di moda e prestigiosi ospiti sul palcoscenico di piazza Università, a Catania, dove si è svolto il Gala la sera del 21 luglio 2007. Insieme ad alcune delle più importanti griffes del design italiano e dei volti noti del mondo della moda e dello spettacolo, un ampio spazio è stato dedicato ad un capo sempre alla moda “la camicia”, ben rappresentata dalla fantasia di Mario Pellegrino, fashion designer e mente creativa del marchio Naracamicie. Lo stilista, il cui dna al pari di quello della manifestazione affonda le sue radici nella sicilianità, è stato premiato con l’elefantino d’oro, simbolo della città di Catania ed ulteriore conferma dell’importanza di una realtà stilistica e commerciale come Naracamicie, ormai nota e diffusa in tutto il mondo con i suoi oltre 370 punti vendita. A presentare la ricca serata, un volto noto di Canale 5 e voce storica di Rds: Marco Liorni. Con lui la giornalista de “La 7” Cinzia Malvini, ormai da anni madrina della manifestazione. I Premiati dell’edizione 2007 sono stati selezionati dalla competente giuria composta da giornalisti, pr, autori tv, manager e imprenditori . .  
   
   
CHIARA D´ESTE INVENTA UNA DONNA TUTTA DA AMARE, UNA DONNA SEXY, UNA DONNA ALLA RISCOPERTA DEL FASCINO NASCOSTO  
 
Per la primavera estate 2008 un tourbillon di idee emozionanti, abiti passepartout e proposte no sense per un etno chic eccentrico dal gusto neo folk che mixa colori a forme nuove. Abiti fluidi coordinati tra loro e tanti accessori per creare un vero e proprio total look. .  
   
   
DEL SIENA, RINOMATO BRAND NOTO PER LA PRODUZIONE DI CAMICIE SARTORIALI, HA RINNOVATO L’IMPORTANTE ACCORDO CON LA FITETREC-ANTE  
 
Federazione Italiana Turismo Equestre Trec – Ante, associata Coni e Fite, Federazione Internazionale Turismo Equestre e referente europeo per alcune discipline equestri agonistiche vestirà i campioni della disciplina equestre più tecnica e spettacolare con i capi Del Siena. Eleganti camicie Oxford dalle foggie curate nei dettagli rigorosamente hand made saranno realizzate quali divise per tutti i fantini che raggiungeranno le finali delle manifestazioni nazionali nella disciplina della Monta da Lavoro – Gimkana. L’eleganza che contraddistingue il brand toscano contribuirà a garantire un valore aggiunto ai campioni della Coppa Italia 2007 che si contenderanno il titolo nazionale presso la Mostra del Cavallo di Città di Castello ed a Verona per i Campionati Italiani all’interno di Fieracavalli. Le gare equestri presentate lo scorso anno e riprese dai maggiori media nazionali non potevano che offrire un’immagine di sè migliore con le divise ufficiali Del Siena. .  
   
   
LORIS E INGRID CAPIROSSI IMPERSONANO PERFETTAMENTE I CAPI D’ABBIGLIAMENTO DELLA LINEA BOLD DI PEIRO GUIDI: GRINTA E PASSIONE, TRADOTTI IN ESPRESSIONE STILISTICA CON UNA NUOVA LINEA DALLE IMPORTANTI CONNOTAZIONI TECNICHE E SPORTIVE  
 
“Ho incontrato un angelo”, questo è il claim della nuova campagna pubblicitaria Autunno/inverno 2007/2008 e Primavera/estate 2008, che ha come protagonista Loris Capirossi e il suo angelo custode, la moglie Ingrid, che si aggiungono alla galleria di personaggi “Angeli del Nostro Tempo” ed esprimono la filosofia di amore legata al marchio. Loris Capirossi, personaggio dalla grinta inconfondibile, che ha fatto della velocità e della determinazione il proprio stile di vita è il nuovo testimonial della Maison Piero Guidi. Identificare e trasferire gli elementi costitutivi dell’essenza e della filosofia di un brand in una tangibile e concreta manifestazione di concetti e di idee. Giacomo Guidi, direttore artistico della Piero Guidi, ideatore e fotografo delle campagne pubblicitarie “Angeli del Nostro Tempo”, ha scelto sempre personaggi carismatici, nomi autorevoli perfetti per il concetto di Angelo Contemporaneo. Personaggi di spessore come Enrica e Michelangelo Antonioni, Lonnie e Muhammad Ali, Mario Schifano e suo figlio Marco, Yolanda e Bernice King, figlie di Martin Luther King, Margherita Hack e Maria Schneider, Stefania Rocca, Regina Nemni e… Loris e Ingrid Capirossi impersonano perfettamente i capi d’abbigliamento della Linea Bold…grinta, passione, velocità, forza e determinazione nel raggiungere sempre i propri traguardi! Tutto ciò si traduce in espressione stilistica con una nuova linea dalle importanti connotazioni tecniche e sportive, che unisce stile e potenza allo stesso tempo. Nasce così l’idea della nuovissima Moto Jacket, indossata da Loris, con la sua immancabile “targa” personalizzabile. Le immagini di “Angeli del Nostro Tempo” sono state presenti alla Triennale di Milano illustrando un “cammino concettuale” in una mostra culturale aperta anche al pubblico. Un percorso che attraverso gigantografie dei testimonial più importanti e significativi vuole comunicare il profondo legame tra i volti dei personaggi protagonisti e il prodotto Piero Guidi. .  
   
   
“SENSUAL” IN USCITA LA NUOVA CAMPAGNA LORIBLU FIRMATA MAP  
 
E’ on air su alcuni settimanali femminili “Sensual”, la nuova campagna pubblicitaria Autunno/inverno Loriblu. Pianificata e realizzata da Map, è stata fotografata da Sandro Brant con la direzione creativa di Antonella Mazzarella, e si declinerà in vari soggetti sia per il target donna che per il target uomo. La campagna si inserisce nella strategia di comunicazione dell’azienda, che mira a rafforzare il posizionamento del brand nel segmento alto del mercato delle calzature e degli accessori moda. Da settembre gli annunci verranno pianificati anche su mensili moda e testate maschili. Dalla prossima stagione Autunno/inverno infatti, l’azienda guidata da Graziano Cuccù e Annarita Pilotti sarà presente nei punti vendita più prestigiosi anche con la linea Uomo, lanciata con successo all’ultima edizione del Micam. La campagna, dal mood etereo e glamour, vede le calzature Loriblu come delle “dive” alle quali è impossibile resistere: i soggetti saranno quattro, sia per l’Italia che per l’Estero, “Sensual”, “Red Temptation”, “My Obsession”, “My Fixed Point”. Loriblu sarà presente alla prossima edizione del Micam, e inoltre presenterà a media e top client le prossime collezioni Autunno/inverno in un apposito evento a Milano nel mese di settembre. .  
   
   
TRA ARTE, MODA E DESIGN : APRE A MILANO IL GIGLI CAFÈ  
 
Un contenitore aperto ad artisti, intellettuali, appassionati d’arte e a chiunque apprezzi un ambiente culturalmente stimolante. Il Gigli Cafe’ all’interno dello spazio di Via Fumagalli 6 a Milano lega alla perfezione moda e arte, spaziando tra presentazioni, eventi culturali, iniziative benefiche e nuove idee. Al suo interno, una nuova ed esclusiva libreria della moda, riflesso di un gusto raffinato e concettuale. Nel corner, gestito dalla Biblioteca della Moda di Milano, si potranno trovare rarissimi libri e pubblicazioni di moda, o collezioni di riviste dagli anni 20 ad oggi. In più una raffinata gamma di iniziative extra settore che la griffe ospiterà di volta in volta nel nuovo spazio; concorsi per giovani artisti, esposizioni di opere d’arte contemporanea e design fino a rassegne di musica indipendente, il tutto sotto la verve creativa di Gentucca Bini. "Il Cafè Gigli sarà un contenitore aperto e dinamico in continua evoluzione. Un luogo di confronto tra la moda e le altre discipline culturali e sociali" Arredato dal concept design di Driade, il nuovo spazio Romeo Gigli, che sarà inaugurato a Settembre, presenterà così già nell’aspetto, un lato tecnologico e contemporaneo. Tutte le iniziative infatti saranno veicolate dal nuovo website romeogigli. It, on line per la clientela internazionale della griffe. .  
   
   
OVIESSE ED ELIO FIORUCCI PER LA NUOVA COLLEZIONE A/I BABY ANGEL  
 
Baby Angel è una linea completa che interpreta al meglio i trend della moda italiana ed internazionale e strizza l’occhio alle giovanissime, ma in generale a tutte le donne che amano la moda. La nuova collezione A/i 07 comprende capi casual per tutti i giorni e un abbigliamento più glamour per le serate in festa. Per lo stile da giorno, i capi di evocazione british abbinano sapientemente pezzi trendy come i leggings e le long t-shirt a capi sempreverdi come i jeans e le ballerine, per essere sempre comode senza rinunciare alla moda. Colore, praticità e freschezza sono gli elementi che caratterizzano la parte casual della collezione. Per la sera, il tono si fa più chic e romantico con abitini anni ’60, gilet e cappottini dai toni scuri. Voile leggerissimo, paillettes scintillanti e morbido satin permettono di esprimere al meglio femminilità e glamour nelle serate invernali. Nella collezione non mancano gli accessori: borse in vinile abbinate a portafogli e stivaletti bassi a stiletto, sneakers con lacci in raso e ballerine gold. Il tutto abbinato a collant con fili dorati, ricamati o a righe, che permettono di interpretare mood sempre diversi. Immancabile il porta-Ipod, nei colori più trendy da abbinare al look, i gadget per il cellulare, borsine e trousse ricoperte di stelle. Baby Angel designed by Elio Fiorucci è la linea nata da chi ama la moda per chi ama essere sempre alla moda ed è una collezione disponibile solo nei negozi Oviesse. .  
   
   
VERDE VERONICA A LYON MODE CITY  
 
Intima Moda Spa ha presentato a Lyon Mode City le nuove collezioni Primavera-estate 2008 dei marchi Margherita Mazzei Cult, Verde Veronica, Verdissima e Papeete by Verdissima. . .  
   
   
BLUMARINE PER JERRY HALL  
 
In occasione dell’evento Montblanc Haute Joaillerie a Salisburgo, l’attrice Jerry Hall ha indossato un abito in seta stampa animalier impreziosito da cristalli jais della nuova collezione Blumarine Autunno-inverno 2007. .  
   
   
APRE A ROMA IL NUOVO KIPLING STORE, BRAND COOL, FRESCO E GIOVANE NEL PANORAMA DELL’ACCESSORIO MODA  
 
Presso il centro commerciale Porta di Roma apre il primo Kipling Store della Capitale, il secondo in Italia dopo il flagship store di via Dogana 1 a Milano. Kipling infatti gode da diverse stagioni del favore di un pubblico che continua a trovare nei suoi accessori freschezza e novità e che, una volta acquistatone uno, desidera stare al passo con i nuovi colori e le nuove forme e soprattutto con le nuove linee che di stagione in stagione si rinnovano. “Accessori pensati per un pubblico di giovani donne consapevoli, concrete, positive che fanno propri i valori del marchio: originalità, generosità, onestà, freschezza, ottimismo, divertimento…. ” Ma torniamo allo Store. Il negozio si trova nel nuovissimo centro commerciale Porta di Roma in zona Bufalotta. Il centro, molto grande per dimensioni, annovera circa 250 negozi fra monomarca e multibrand, punti vendita selezionatissimi per un’offerta ricercata e di gusto, brand Moda che hanno saputo cogliere l’occasione di posizionarsi in un spazio commerciale in grado di coniugare la funzionalità e la comodità, propri di un centro commerciale, alla raffinatezza e selezione delle proprie proposte. Lo spazio è in una bella posizione d´angolo, 40 mq, side by side con un Bric´s Store. I mobili bianchi retroilluminati consentono di presentare al meglio le nuove linee di Kipling, Hip, Club e City, dall’appeal decisamente fashion, insieme alle note linee Basic, If e Vintage, e alla collezione creata per il 20° anniversario del brand un’eccezionale linea in Edizione Limitata raffinata, alla moda, eppure accessibile a tutti: borse e portafogli, originali e preziose, ispirate alla linea Club. Sicuramente questa apertura, oltre ad essere un evento importante per il brand, sarà il prosieguo di un successo che sembra non aver fine per Kipling. Kipling - distributore Bric’s: Via Michelangelo 21, 22070 Olgiate Comasco (Co) tel. 031 994119. Per ulteriori informazioni www. Kipling. Com .  
   
   
PANAREA, ULTIMA TAPPA DEL TOUR SHYNO 2007  
 
Dal 30 luglio al 4 agosto la provincia di Messina patrocina la settimana patrocinata dalla provincia di Messina, Elena Santarelli , testimonial Shyno, ha giocato al fashion dating. Uno sportswear dinamico all’ insegna di un gioco che si è trasformato nel tormentone dell’estate 2007: questa la miscela esplosiva di Shyno, neomarchio di abbigliamento, nato dall’ intuizione del giovane imprenditore Simone Giancola, che ha lanciato il primo tour fashion/multimediale. Dieci le tappe, che da Milano hanno toccato le località balneari italiane più trendy, culminate a fine luglio a Panarea quando, per un’intera settimana, l’isola più hot del Mediterraneo si è trasformata nel microcosmo del fashion dating siglato Shyno. Ogni giorno le Shyno Girls, dalle 11 alle 17, hanno girato in barca distribuendo cappellini e t-shirt a tutti i natanti incontrati, promuovendo la partecipazione al gioco. Gli stessi isolani, per tutta la settimana hanno indossato capi Shyno realizzati appositamente. Alle 18, ora dell’aperitivo, nei tre Lounge Bar dell’isola hanno continuato la distribuzione di capi capi Shyno. Mentre il Raja ogni sera si trasformava nel punto di ritrovo per chi voleva partecipare al Fashion Dating. Ciascuna di queste iniziative ha contribuito alla creazione di una special list per il grande evento finale. La sera del 4 agosto, infatti, il tour si incluso è con una serata sulla terrazza del Bar Banacali, il locale recentemente inaugurato presso l’hotel Liscabianca, poisizionato proprio sul molo di Panarea. Maxischermi proietteranno lo spot Shyno con Elena Santarelli che spiega il format del gioco e incita alla partecipazione! Il meccanismo che ha trasformato il Fashion Dating nel Gioco dell’Estate è semplicissimo: ogni capo Shyno è provvisto di codice composto da un nome unito a una progressione numerica da 0 a 999. Ogni codice corrisponde ad un numero di telefono registrato al momento dell’ acquisto sul server centrale Shyno, che poi smista i messaggi ai destinatari finali: per entrare in contatto con lui/lei basterà comporre il codice ed inviarlo al numero 48200. Ironico, irriverente, dedicato a chi sa osare, Shyno vara nuove consuetudini, destinate ad abbattere le barriere ed a incidere sul costume ordinario della comunicazione. Leisurewear pensato con un occhio di riguardo per una comunità giovane ed in costante movimento, Shyno trascende i canoni della moda tout court per un tuffo nelle pieghe dei trend sociali cui deve l’ ispirazione. E per capire la portata del fenomeno basta pensare agli oltre 10. 000 messaggi generati durante ciascuna delle tappa del tour! Tanti i personaggi noti sull’isola che hanno partecipato all’eterno gioco della seduzione come fosse una battuta di caccia, proprio come insegna Elena Santarelli. Unica arma: un telefonino. Il luogo: una discoteca, una barca, la spiaggia, un lounge bar, la strada, un mezzo pubblico… La “preda” da colpire era chiunque indossasse un capo di abbigliamento Shyno con il codice identificativo a cui spedire un sms. .  
   
   
NUOVO MARCHIO TENDENCE NO LIMITS  
 
Una storia di successi quella del marchio No Limits, nato nel 1988 e divenuto da subito sinonimo di un mondo incredibile, sempre alla ricerca di nuovi traguardi da raggiungere. No Limits è il Cavaliere Filippo Giardiello, discendente di una famiglia napoletana da sempre legata con successo al mondo dell’orologeria; è lui che nel 1980 mette a segno uno dei successi imprenditoriali italiani più significativi, ovvero lancia il marchio “Sector” che in breve tempo diventa l´orologio più venduto e diffuso in Italia aprendo filiali in tutto il mondo. Nel 1991 nasce la rivista ´No Limits World´, che attira atleti fantastici da tutto il mondo, dando ad essi la possibilità di realizzare i loro sogni che li vede protagonisti di epiche ed eccezionali imprese. Dimostrando che spesso i limiti sono solo nella nostra mente. No Limits diventa sinonimo di continua ricerca, di collaudi sempre all´avanguardia di nuovi materiali per dare origine ai prodotti più vari: occhiali, abbigliamento, orologi, zaini, ecc. Dopo due anni di ricerca e progettazione oggi nasce un nuovo marchio: Tendence No Limits per avvicinarsi ad una fascia di target più trendy e giovane. Tre linee di orologi aggressivi e seducenti al di sopra di ogni moda: Lilliput 25 mm di fascino, colore e design, Gulliver, il suo opposto in dimensioni, ma uguale nelle prestazioni e Bubbole, pura tecnologia brevettata che grazie all’impiego di silicone liquido può resistere fino a 30 atmosfere in soli 50 grammi di peso. Ed è solo l´inizio, perché Tendence in futuro sarà sinonimo di tecnologia, design e divertente provocazione anche per altri settori merceologici. Tendence opta per la tendenza anche nella comunicazione. Il mondo Tendence No Limits è tecnologia all’avanguardia, design di precisione provocazione e ironica sensualità. Per il lancio del marchio si sono scelti canali divertenti ed insoliti. La campagna tv prevede uno spot televisivo ironico e provocatorio, dove il protagonista sarà uno dei tre orologi che accompagnato da un ritmo di musica decisamente incalzante mima e simula ironicamente scene di sesso. Sarà possibile entrare nel mondo di Tendence No Limits anche attraverso la cibernetica realtà di Second Life, un’isola a forma di orologio dentro la quale si potrà acquistare realmente e virtualmente, partecipare a concorsi e ad incontri/eventi o anche solo mantenersi sempre aggiornati su tutte le novità del marchio. Una comunicazione dettata dalla necessità sempre crescente di avvicinare target difficili da conquistare, come quello giovane e di tendenza. Anche lo sport, da sempre vicino alla filosofia del marchio, è protagonista nella comunicazione, grazie alla scelta di sponsorizzare una delle scuderie impegnate nel nuovo ed emergente Campionato di Formula Master, per loro non solo posizionamento del marchio, ma anche studio e realizzazione delle divise tecniche sia per i piloti sia per i meccanici ai box. .  
   
   
DALLE COPIE IMPERFETTE DI BORSE ICONA AL GRUPPO BURANI: IL NUOVO CORSO DEL MARCHIO CHE PRENDE CON SPIRITO LA MODA  
 
Il marchio Sécret Pon Pon è tra i più promettenti sul mercato degli accessori fashion. La società che lo ha acquisito, Jaya s. R. L. , è la costola di uno dei gruppi più profittevoli sullo scenario internazionale, Mariella Burani Fashion Group. Da settembre la società partecipata al 65% dal gruppo Burani nonché titolare della produzione e distribuzione dei brand in licenza quali Ungaro Fuchsia e Alviero Martini abbigliamento, gestirà lo sviluppo produttivo e commerciale di Sécret Pon Pon. Un’etichetta nata per gioco da un’idea della sua artefice, Chiara Montanari, appassionata di borse che due anni fa riprodusse i grandi classici del lusso, utilizzando vecchi jeans sdruciti. Qualche modello proposto nelle vetrine del negozio della madre di Chiara nel centro di Riccione, ed è subito successo. Luca Bertolini, fondatore di Jaya, titolare del 35% della società,punta all’obiettivo dei 12 milioni di euro di ricavi nel 2009. “Non si tratta del tipico prodotto di pelletteria –conferma Bertolini, imprenditore dal 97 quando acquistò un’azienda di abbigliamento con un buon know how di prodotto, ponendo le basi per la creazione di Jaya avvenuta l’anno successivo grazie all’incontro con Giovanni Burani. “Sécret Pon Pon è un prodotto eclettico, basato su materiali, forme e soluzioni creative che sconfinano dal tradizionale. Chiara Montanari inventa e noi industrializziamo il suo estro”. L’acquisizione si poggia su ottime basi di partenza: sin dall’inizio Sécret Pon Pon ha catturato l’attenzione dei migliori negozi italiani e internazionali, come l’Eclaireur di Parigi. “Gli stessi negozi che sono nostri interlocutori per altri marchi -continua Bertolini – Jaya ha circa 400 clienti di altissimo livello nel mondo”. Altresì, con questa acquisizione la società emiliana, 20 milioni di fatturato per 200 mila capi annui prodotti e distribuiti, entra nel mondo dell’accessorio per la prima volta: “Sécret Pon Pon ha una prerogativa peculiare, sino a oggi è stato distribuito solo in negozi di abbigliamento- spiega il manager, motivando il perché della scelta che si discosta dalla strategia della società, orientata sino a oggi solo sull’abbigliamento. “Lo abbiamo individuato oltre un anno fa, in un’ottica di scouting orientato a realtà dal forte potenziale e bisognose del giusto supporto per fiorire. Ora, per affrontare la sfida, abbiamo a disposizione tutta l’expertise pellettiera del gruppo Burani, fruendo di un apparato commerciale e di canali di vendita già strutturati”. L’impatto della nuova gestione su Sécret Pon Pon è già visibile nel restyling della collezione invernale 2007-08: l’allure è quella di una proposta completa, con materiali più ricercati pur mantenendo il sapore giocoso che rappresenta il suo atout principale. Che la formula sia vincente è confermato già dall’andamento delle vendite (le prima all’interno del Gruppo) che hanno visto raddoppiare gli ordinativi. “Ci rivolgiamo a un pubblico che già possiede accessori delle griffe più prestigiose e che è disposto a spendere per un oggetto speciale offertogli dalla boutique” –chiosa Bertolini. La fase di lancio prevede, per il primo biennio, un forte investimento in comunicazione, pari all’11-12% dei ricavi, che porti la marca anche al grande pubblico. Inoltre, tra gli obiettivi prioritari vi è la ricerca di una location per un flagship milanese che possa esprimere appieno il mondo Sécret Pon Pon: tra le finalità a medio termine vi è anche una strategia di brand extension rivolta al segmento abbigliamento. Sin da bambina Chiara Montanari aveva la passione delle borse, coltivata crescendo e dedicando la propria vita all’accessorio, vissuto come professione e come sogno da coltivare attraverso i 250 modelli più esclusivi che Chiara ha raccolto nel proprio armadio nel corso degli anni. Ma accanto alla passione si accende la verve creativa che porta la giovane riccionese ad una svolta importante. A Pasqua 2004, l’intreccio tra casualità e destino: Chiara confeziona con le sue mani le sue prime borse in jeans, cloni imperfetti di riconoscibilissime icone di stile. L’idea del falso macroscopico ma vissuto con ironia piace, le borse vanno a ruba in pochi minuti. Il marchio, Secret Pon Pon, viene attinto dalla memoria dell’etichetta apposta su un paio di mutandine. Di lì, l’escalation: durante una rassegna fieristica milanese i più grossi buyer manifestano interesse per il prodotto. Dal jeans, Chiara passa al maculato, alle pelli, sfornando bauletti, baguette, borse a manico di ispirazione griffata ma dallo spirito frizzante. I mercati si aprono: Secret Pon Pon entra in Giappone, Russia, Corea, Emirati Arabi, persino negli Usa. Persino Rinascente sigla un contratto per vendere il marchio nel settore lusso dei suoi department store. Un colosso come Zara è costretto a ritirare alcuni modelli rei di plagio nei confronti della piccola griffe romagnola. Ora, la strada è tutta in ascesa. .  
   
   
ATMOSFERE NIPPO-CHIC PER LA NUOVA ADVERTISING CAMPAIGN GUESS BY MARCIANO A/I 2007  
 
La campagna pubblicitaria Guess by Marciano Fall/winter 2007-08 segna il ritorno di un’eleganza chic, moderna e sofisticata che combina uno stile senza tempo con la più nuova e poetica tra le destinazioni fashion: il Giappone. Le immagini di May, Liu e Lee raffigurano un trio elegante e raffinato avvolto in una candida coltre di neve appena fuori dalla città di Tokyo. I modelli sono avvolti in un’atmosfera di grande suggestione, fantasia e desiderio dove la natura predomina nei delicati toni invernali e dove gli aceri rossi contrastano il luminoso cielo. La palette soffice e delicata predilige i toni naturali dei bambù e dei pini contribuendo alla raffinata immobilità di un’atmosfera rarefatta di grande pace. Meraviglioso e onirico, il Giappone si è rivelato la location perfetta per l’ultima campagna di Guess by Marciano, ideale seguito delle romantiche e sognanti immagini in riva al lago della passata stagione estiva. “La maggior parte delle persone non si rende conto che il Giappone è per lo più caratterizzato da una natura ancora selvaggia. Montagne, colline e foreste ricoprono più di due terzi del paese, laddove i centri urbani occupano solo il restante dieci per cento. Questo mi pare affascinante perchè le persone identificano il Giappone con le grandi metropoli moderne,” ha commentato Paul Marciano, Ceo di Guess?, Inc. “Volevo catturare questa bellezza selvaggia e ancora intatta e, allo stesso tempo, integrarla nelle immagini con il naturale gusto fashion di questo Paese. ” Caldi e lussuosi, i cappotti iper femminili grigi in tweed sono accompagnati da tocchi di rosa e di rosso e arricchiti dalla pelliccia. Le stampe tradizionali Giapponesi sono riproposte in chiave moderna da tagli a mini abito che evidenziano la silhouette o da inserti su maglie over super sexy da abbinare a leggings ultra coprenti. L’aroma del tè giapponese avvolge e sprigiona una sensualità evidenziata persino da un cappotto nero in stile militare indossato su un semplice mini abito. La maglia tricottata diventa un’originale mantella con collo a scialle e chiusura a zip. L’abbigliamento maschile segue lo stile sensuale e avventuroso e scopre un uomo elegante e naturale. Il maglione invernale si trasforma in un cardigan a doppio petto e si abbina al classico trench nero senza tempo e ai pantaloni fittati. I cappotti e i piumini tengono un aspetto moderno senza perdere di vista il lusso dei materiali, delle rifiniture, della pelliccia. Sotto la direzione creativa di Paul Marciano, gli scatti del noto fotografo Yu Tsai catturano la bellezza e l’incanto della natura fissandola con la raffinata eleganza e il sensuale glamour della collezione Guess by Marciano autunno inverno 2007. Le immagini risultano così aggraziate, appassionate ed eterne, come la collezione in sé. Cerca queste immagini Guess by Marciano sui prossimi numeri delle riviste di moda e lifestyle più importanti a livello internazionale, nei negozi monomarca Guess e Guess by Marciano, nel catalogo e sul sito www. Guessby marciano. It. Guess?, Inc. Si è sviluppato in uno dei più importanti e riconosciuti marchi nel mondo. Fondato nel 1981 come produttore di abbigliamento jeans, Guess? disegna, produce e distribuisce le collezioni uomo, donna, bambino e accessori. Negli anni Guess? si è distinta per campagne pubblicitarie di grande impatto, originalità e carattere innovativo che hanno reso il marchio altamente riconoscibile in tutto il mondo. Guess? è distribuito negli Stati Uniti e in Canada e dispone di licenziatari e distributori in Sud America, Europa, Asia, Africa e Australia and Middle East. I capi Guess? sono disponibili nei negozi monomarca, presso i più importanti department stores, nei corners e negli shop-in-shop dedicati. Sul sito www. Guess. Com oltre allo shopping on line, le ultimissime notizie sul mondo Guess?, gli eventi, le campagne pubblicitarie, le modelle, i consigli di moda e la possibilità di trovare il punto vendita Guess? più vicino. .  
   
   
GOLAY LANCIA LE NUOVE PERLE BAROCCHE  
 
Vere e proprie “chicche”, imperdibili per il 2007, sono le perle barocche: il loro fascino atipico sembra attirare sempre più consumatori, incantati dall’effetto iridescente della luce bianca sulla superficie irregolare e sensibili alle qualità di un prodotto che evoca immediatamente qualcosa di intatto e naturale. Stupende le nuovissime collane multicolori con grandi perle barocche cinesi d’acqua dolce di color rosa pastello e porpora, perle di Tahiti grigio argento e scuro e perle dei Mari del Sud bianche, gialle e oro. .  
   
   
SCATTANO LE LANCETTE PER T-WATCH  
 
T-watch amplia la sua gamma di modelli e presenta Adventure, la prima linea di orologi e cronografi analogici. Fedeli allo spirito sportivo che da sempre caratterizza il marchio, i modelli della collezione Adventure vantano un’aggressiva cassa in acciaio impermeabile fino a 200 metri. Sul quadrante, proposto in tre varianti di colore - nero con contatore e lancetta dei secondi rossi, blu con lancetta dei secondi giallo e bianco con contatore e lancetta dei secondi blu - spiccano indici e lancette luminescenti che accentuano il carattere grintoso della collezione. Il cinturino in poliuretano con chiusura in acciaio, disponibile nero o arancione, conferisce un aspetto audace e deciso. Anche il prezzo è accattivante: 49 euro per il solotempo, 79 euro per il cronografo. Distributore esclusivo per l’Italia: Interwatch spa Via Melchiorre Gioia, 168 - 20125 Milano Tel. 02/66. 98. 24. 14 fax 02/66. 98. 24. 16 interwatch@interwatch. It www. Interwatch. It .  
   
   
GLAMOUR E SICUREZZA SU DUE RUOTE PER DIMENSIONE DANZA  
 
Dimensione Danza è da sempre tra i marchi preferiti dalle giovani ‘sport-chic’e oggi pensa a loro con un nuovo accessorio dinamico, divertente, e allo stesso tempo utilissimo: arriva il casco Dimensione Danza. Progettato per rispettare tutte le normative riguardo alla sicurezza di chi lo indossa, il casco ha un tocco ‘glam’ che solo Dimensione Danza poteva dare: il fondo lilla della calotta in Resina Kynalit Anti-aging, sul quale campeggia un maxi logo viola scuro, è reso luccicante dall’inserimento di milioni di micro glitter color argento. Oltre al look sbarazzino e accattivante, il casco Dimensione Danza possiede anche delle importanti caratteristiche tecniche, che lo rendono ancora più appealing a chi vuole essere trendy e dinamico, ma sempre nella massima sicurezza. L’interno della calotta è imbottito ad assorbimento differenziato e rivestito in una microfibra anallergica d’avanguardia, che permette al casco di rimanere fresco anche quando viene indossato per tempi prolungati. Altra caratteristica distintiva, in questo caso sul fronte della sicurezza, è lo sticker “Salvavita”, una novità assoluta. Si tratta di un adesivo, da applicare sul lato della calotta, su cui è possibile indicare nome, cognome e gruppo sanguigno di chi lo indossa. Un particolare, quello del “Salvavita”, che indica il forte impegno di Dimensione Danza nel creare sempre e solamente prodotti di altissima qualità e massima sicurezza. .  
   
   
ROSSO COME LA PASSIONE, REGALE COME L´ARTE  
 
Catia Tonini e Claudia Di Manzano sono l’anima di Rosso Regale, azienda fiorentina fatta soprattutto da donne, che crea e distribuisce complementi d’arredo e accessori. La filosofia di design è: “la forma segue l’idea, l’idea unisce le forme”. Ogni pezzo Rosso Regale ha una storia che null’altro è che l’idea da cui nasce, l’anima del prodotto, che poi vive in famiglie-collezioni basate su temi diversi: il Viaggio, l’Amicizia e via dicendo. Una volta pensato, l’oggetto viene poi realizzato da artisti-artigiani che non hanno perso l’amore per il bel fare. Così le porcellane saranno cinesi perché solo in Cina esiste una tradizione millenaria che insegna quest’arte e le sete ricamate di babbucce e pashmine verranno invece dall’India, terra maestra di preziosità. Borse e beauty saranno invece rigorosamente di toscana fattura poiché è proprio lì che fiorisce, oggi come nel passato, l’abilità di lavorare il cuoio. E così via, in un crescendo di scoperte che riaccendono i desideri e la voglia di soddisfarli. Vasi a oggetti da collezione, décor da tavola e articoli di gioielleria “costruiscono” ogni anno quattro o cinque nuove collezioni ispirate a temi diversi per ogni stagione. Dalla From the world ispirata al tema del viaggio con campane dipinte a mano, cappelliere, borsine ripiegabili, cartoline d’auguri, borse in pelle dipinte a mano alla Friends of the heart che racconta l’amicizia con tazze di ceramica, cornici, set per colazione e Dreams are wishes con una serie di talismani, il tema malva, un’intera collezione a tema color malva, i decori di Natale. Il “made in the world” di Ross o Regalesi inscrive in un contesto di recupero delle tradizioni, dei valori veri fagocitati dalla frenesia del quotidiano. Il risultato è in una serie di elementi che diano piacere agli occhi : le campane bonheur evocano il Paese di appartenenza, le shopper emulano il concetto stesso del viaggio, i vasi diventano contenitori dell’anima… A custodire tutti questi “appunti di viaggio” sono scatole meravigliose, di ogni foggia e dimensione, nate per racchiudere il mondo in un pugno. .  
   
   
SNOBBY SHEEP:UNA NUOVA TRADIZIONE CHE DÀ LETTURA AL CORPO ESALTANDONE SENSIBILITÀ E GLAMOUR  
 
Snobby Sheep, la quintessenza della moda autunno/inverno 2007/2008. La nuova figura femminile, per rimanere indenne al freddo invernale, veste solo Snobby Sheep. Maglie leggere realizzate con preziosi filati dall’eleganza estrema e dall’allure unica saranno il vero protagonista dell’armadio femminile. Capi comodi, confortevoli da indossare o da ripiegare in borsetta per sopravvivere anche al freddo più rigido delle giornate invernali. Maglie e cappottini di altissima qualità e preziosità che giocano sui materiali che si abbinano a metodi di lavorazione innovativi. Snobby Sheep è un nuovo modo di concepire il cachemire. I capi di qualità, frutto di ricerca e stile, hanno le caratteristiche intrinseche del prodotto: fili impalpabili di cachemire prodotto nelle regioni della Mongolia, utilizzato puro o misto alla seta più pregiata, lavorati con originalità e maestria artigiana. Protagonista assoluta della collezione Snobby Sheep è la leggerezza. Cappottini bordati di pelle, lunghi cardigan asimmetrici, sottogiacca dai volumi importanti e femminili per le maniche, dolcevita e V Neck con giochi di trecce reinterpretate, tagli ad impero per le maglie, passando attraverso abiti annodati o miniabiti che diventano maxipull, oggetti da portare come una seconda pelle, soffici e impalpabili e, allo stesso tempo, caldi e avvolgenti. Una sobrietà che non tradisce la femminilità e si riflette sia sull’accuratezza dei dettagli che sulla scelta del colore: preponderanza del bianco e del nero, oppure nelle tonalità forti e fredde del blu notte, del viola imperiale, fino alle gradazioni del grigio antracite e del luminoso color perla. La donna Snobby Sheep parteggia per la seduzione intelligente. Simbolo per eccellenza di un’eleganza allegra e raffinata che esprime intelligenza e indipendenza in un eterno gioco di specchi tra presente e passato. Classe e sensualità sono insite in lei e la sua personalità traspare dalle morbide trame dei filati e dall’accurato design dei capi che indossa. Un modo di vestire pulito, lineare e funzionale, capi di lusso, portabili tutti i giorni, piacevoli e interessanti per chiunque voglia vivere in completa libertà senza rinunciare all’esclusività. A favore dell’ambiente… Una nuova collezione per donne dalla coscienza ecologica E, se l’evoluzione del sistema sta inquinando il pianeta, Snobby Sheep ha pensato alla sua collezione come fosse un prodotto biologico tanto che, per l’autunno inverno 2007/2008, propone una serie speciale di capi realizzati in materiali eco sostenibili, un must have per tutte le donne che, oltre ad apparire, vogliono dare una mano per salvaguardare la terra. Una delle più brillanti testimonianze della valenza del brand il continuo allargarsi della rete di negozi che, a fianco delle griffe “più griffate”, espongono in bella mostra i pullover del nuovissimo brand. .  
   
   
URBAN GLAMOUR STYLE PER LA NUOVA CAMPAGNA SEGUE... AUTUNNO INVERNO 2007 - 2008 MELISSA E THAIS ANCORA UNA VOLTA TESTIMONIAL DEL MARCHIO  
 
Le atmosfere urbane e il design provocatorio di un albergo milanese fanno da sfondo ai soggetti che compongono la campagna di lancio della nuova collezione di borse, valigie ed accessori Segue. Per l’Autunno/inverno 2007/2008. Il marchio fiorentino che da alcuni anni si è affermato con successo sul mercato italiano ed internazionale degli accessori moda, lascia quindi i classici sfondi monocromatici, che da sempre contraddistinguono le sue campagne, per entrare nella vita reale. “Una scelta – spiegano Andrea e Nicola Zini, ideatori e proprietari di Segue. – dettata dalla naturale evoluzione del marchio: non più solo borse e valigie, ma un vero e proprio mondo di proposte, pensate non solo per soddisfare un semplice bisogno, ma in grado di esaudire un desiderio, quello di essere alla moda in ogni occasione. Segue. È un marchio in continuo movimento, per questo abbiamo voluto una campagna estremamente dinamica ”. Melissa Satta e Thais Souza Wiggers, per la seconda stagione testimonial di Segue. , più sexy e provocanti che mai sono immortalate nello scenario di un grande e moderno albergo milanese, quasi si tratti di scatti rubati alla loro vita quotidiana sempre in compagnia delle inseparabili borse Segue. Una campagna eclettica e multisoggetto quella dell’autunno/inverno Segue… in cui ogni scatto è interpretato da un concept creativo del tutto nuovo che dà risalto ai dettagli e ne evidenzia il movimento. Una campagna firmata da un grande nome della fotografia italiana e internazionale, il noto ritrattista e reporter Toni Thorimbert, mentre la creatività della campagna è affidata all’agenzia The Adstore Italia con la quale il marchio fiorentino collabora da alcuni anni. “Rispetto al 2006 – sottolinea l’azienda – il budget pubblicitario è stato incrementato, puntando ad una diversificazione del media mix. Per tutto il secondo semestre del 2007, prevediamo inoltre un importante impegno nello sviluppo del below the line e una ripresa delle affissioni su tutto il territorio nazionale”. .  
   
   
ELEGANZA, GRINTA E STILE NATURALE DELLE CREAZIONI KOQUETTE  
 
La donna Koquette è bella, ironica e scherzosa, ma anche dinamica, frenetica e sempre in movimento, una donna che non è disposta a sottomettersi alle regole se non a quelle della moda. E’ a questo tipo di questa donna che Koquette dedica la collezione della prossima fredda stagione, una collezione preziosa, fatta di pochi pezzi d’effetto da indossare di giorno come di sera, magari con il cambio di un solo dettaglio. Lo zoccolo Kamaleont rimane il must del brand. La mascherina intercambiabile e la base di due altezze: tacco da 9 e da 7 centimetri. Il coccodrillo nelle declinazioni dell’arcobaleno viene abbinato a “pesanti” stoffe che reinterpretano le atmosfere dei salotti francesi, dei fasti di Versailles. Gli imbottiti creano un effetto grande freddo. I colori: verde muschio, tabacco, fucsia, rosso vivo, blu e lilla. I classici neri. I tessuti: velluti, imbottiti. Le pelli pregiate: cocco, struzzo, lucertola. La produzione si differenzia e al brevetto che caratterizza il brand, la tomaia intercambiabile, si affianca lo zoccolo basic nelle tonalità moda. In più gli stivali, i kocboot vera eleganza da giorno come da sera. Sinonimo di raffinatezza e eleganza estrema, hanno tacco basso, gambale lineare rigido e diritto da “amazzone da città” in pelli preziose e dall’allure imponente. Tacco 4 centimetri di altezza e gambale in cocco opaco nelle tonalità tabacco e nero con un tocco di sobrietà per renderlo particolare. Il modello Kocboot2 in camoscio e velluto tacco 7 centimetri. .  
   
   
COAST + WEBER + AHAUS COLLEZIONE DONNA PRIMAVERA-ESTATE 2008: FEMMINILE, SICURA E SOFISTICATA CON RICHIAMI AL CLASSICO  
 
Primavera-estate 2008. Viaggio a ritroso nella storia dell’eleganza. Epoche, stili e atmosfere, da un punto di vista nuovo e insolito. Linee semplici e un abbigliamento a layer, tutto da giocare con sovrapposizioni e strati fra camicie, abitini e cardigan. Ironici effetti tromp d’oeil come la finta lingerie che si intravede dagli short, la gonna con doppia vita e i pull con illusorie camicie incorporate. Coast + Weber + Ahaus spazia fra quattro diversi temi. Dai Tropici dei film hollywoodiani, al tennis anni ’30 e ‘60, dai piani alti di Wall Street, fino ad una colorata esplosione patchwork. Una collezione femminile, sicura e sofisticata con richiami al classico. Come sempre unica e contemporanea. Nei Mari del Sud come attrici di Hollywood L’esotismo e la passione dei vecchi film americani anni ’40 e ’50 ambientati nei Mari del Sud. L’eleganza fresca e sportiva, con un tocco di sensualità, delle dive di Hollywood. Gli abiti a fiori, diritti, piuttosto corti, sono in chiffon di seta con stampe in rosso, azzurro e bluette. Stile marina per le classiche giacche doppiopetto bianche con bottoni d’oro e per i pratici ed eleganti pantaloni in lino chambray. Molti bermuda e pantaloncini da abbinare alle T-shirt con stampe hawaiiane. Nostalgie al Tennis Club Fascino anni ’30 e verve anni ’60 sui campi da tennis, in un intreccio dinamico e contemporaneo di stili e suggestioni. Abitini e gonnelline dalle linee pulite e semplici, ma con tante lavorazioni e decori. Pizzi, pieghe, ricami e applicazioni in vetro, madreperla e legno con motivi a fiori di ispirazione sixties. Grande protagonista il bianco, in tutte le sue nuances, affiancato dai beige ed ecrù e dal grigio. Un sapore naturale e retrò esaltato dai cotoni e dai lini organici. E, per contrasto, tessuti tecnici come reti in nylon. Motivi e stampe grafiche a bande decorano i fianchi di gonne e pantaloni con giochi bicolor nero su bianco. A Wall Street, regine dégagé Il mondo algido, frenetico e spietato dell’alta finanza. Tonalità grigio scuro, linee impeccabili e fit preciso, ma sempre con una nota degagé. Una mescolanza raffinatissima di rigore e femminilità. Le giacche doppiopetto in Tasmania hanno le applicazioni patch e i pantaloni misto lana sono volutamente larghi. Particolarmente approfondita la ricerca sulle camicie, tutte di taglio maschile, ma sciancrate e in tessuti stretch con dettagli preziosi come le perle applicate. Eclettismi patchwork Puro eclettismo e apparente casualità nell’accostare stampe, motivi grafici e colori a contrasto. Estrosi mixage tra fiori, righe, cerchi, piccoli check, onde declinati in un’esplosione di tonalità. Fucsia, rosso, rosa, tabacco, verde in tutte le sue tonalità, da quelle più accese alle più tenui per tessuti di grande femminilità come voile, jersey e viscosa di seta. Un’allure vera e autentica, fantasia su fantasia, colore su colore, abbinando liberamente camicie, gonne, pantaloni, polo e T-shirt. .  
   
   
N32: L’UNICO DEMI-JET TARGATO MOTOGP  
 
Ogni Motogp conta ormai quasi 7 milioni di spettatori con uno share che supera il 46%, una vera e propria passione che infiamma i cuori degli appassionati, ma non solo. Un successo che Nolan Group ha voluto interpretare realizzando un demi-jet con l’esclusiva grafica Motogp. Nolangroup è infatti l’unico marchio che può fregiarsi dell’esclusiva licenza concessa da Dorna. Dal design ricercato e innovativo N32 è un demi-jet che adotta una calotta in policarbonato Lexan Exl di General Electric e che racchiude in sé tutte le elevate caratteristiche dei prodotti Nolan. Prima fra tutte, l’inedito sistema di ventilazione. L’aria viene, infatti, convogliata uniformemente in tutto il casco dalla presa d’aria frontale e rimossa direttamente dall’estrattore posteriore, che favorisce l’uscita dell’aria calda e viziata, assicurando un costante ricircolo. L’imbottitura interna, di ultima generazione, è di tipo Clima Comfort è amovibile e lavabile ed è realizzata con un innovativo tessuto, trattato Sanitized dalle caratteristiche ergonomiche superiori, in grado di offrire un’elevata freschezza e il massimo comfort in ogni stagione e condizione di guida. L’n32, inoltre, è predisposto per essere equipaggiato con il sistema di comunicazione N-com, che consente al motociclista di essere sempre collegato al proprio telefono cellulare, di potere comunicare con il passeggero, con altri motociclisti o di ascoltare musica. Sistema di ritenzione Microlock, paranuca amovibile, colorazione blu chiaro della visiera e schermo parasole Vision Protection System (Vps) sono ulteriori ed immancabili elementi distintivi di questo demi-jet. Grafica unica, rappresentante tutti i tracciati percorsi dai piloti Motogp, ed alta tecnologia: il connubio perfetto per chi cerca un casco capace di fare la differenza. Prezzo: a partire da € 119,00. .  
   
   
MATILDE CANO: UNA STELLA BRILLA NELL’ESTATE ITALIANA  
 
Si è chiuso il sipario sulla Xvi edizione di Portici d’Estate, l’evento moda più importante del Centro-sud, che per la sua terza volta ha visto l’incantevole Piazza Maria Immacolata di Taranto palcoscenico di due grandi serate dedicate alla moda. La manifestazione, che anche quest’anno ha rinnovato il suo impegno benefico per il Burkina Faso, ha visto la presenza di oltre 10. 000 persone, che nella prima serata hanno apprezzato in tutto il loro splendore le nuove creazioni primavera/estate 2008 di Matilde Cano. All’evento, presentato da Eleonora Brigliadori e Tiberio Timperi, erano presenti numerosi artisti e personaggi del mondo dello spettacolo e della politica, che hanno ammirato in tutta la loro bellezza le creazioni della stilista spagnola seguirsi sulla passerella in un alternanza di musiche e colori che hanno reso la serata indimenticabile. Marisa, stilista e figlia di Matilde Cano, ospite d’onore della serata, ha fatto il suo ingresso sullo splendido palco-passerella immersa in due ali di scroscianti applausi, tributatigli da tutti gli ospiti presenti per l’incantevole spettacolo offerto dalla sfilata dei sui preziosi capi d’alta moda. Dopo il grande successo ottenuto nella “Paserela Gaudì Novias” dello scorso maggio a Barcellona, Portici d’Estate ha dato di nuovo conferma del grande consenso che la Maison cordovese sta ottenendo in Italia, e nel mondo, da diversi anni. .  
   
   
CAMOMILLA COLLECTION: LINEA VELVET BUSTIER  
 
La seduzione è donna. La portabilità è di moda. Il velluto a costine si sposa con nastri, pizzo e strass, materiali che rendono ogni modello iper-femminile. Una linea composta da diversi modelli in due varianti colore (Velvet Black e Passion Purple) che si adattano alla perfezione alle diverse occasioni che ogni donna vive: dalla serata in discoteca alla giornata in ufficio, dalla cena a lume di candela, all´ora della palestra. La linea si completa di 4 parure in perle metalliche ricoperte di pizzo in 2 differenti colori (rosa e nero) in nuance con le borse. La linea Velvet Bustier è perfetta per l´ultima moda lanciata da Camomilla: accessoriare l´accessorio! Tante spille e collane di pizzo con cui personalizzare ogni borsa con classe ed originalità. .  
   
   
COMO SHAMBHALA LANCIA LA COLLEZIONE AUTUNNO/INVERNO NEW ACTIVE LIVING 2007  
 
Como Shambhala, parte del gruppo Como Hotels And Resorts, lancia una nuova "Active Living Collection" per l’autunno/inverno 2007 – la prima linea essenziale – per la distribuzione mondiale. La nuova collezione include capi che possono essere abbinati con la massima comodità e femminilità in modo chic e casual. Il risultato è una linea morbida, che abbina la tradizione all’innovazione. Tagli morbidi a tratti più aderenti per l’abbigliamento yoga, stoffe lisce che accarezzano il corpo e stoffe dai dettagli ricamati. Concepita con un senso dello stile unico, la collezione include toni neutri (bianco, corda, carbone e nero) dei più grandi Centri benessere, incluso il Como Shambhala Estate di Begawan Giri a Bali. La collezione è stata disegnata da Amy Roberts, capo del settore femminile al Mylberry, precedentemente di John Galliano e Ghost. E’ studiata per avere un taglio che distende il corpo. Nella collezione vengono impiegate stoffe funzionali che possono essere lavate facilmente, come cotone 100% naturale, a volte misto Lycra, maglia, voile, batista di cotone, tela (per le scarpe e le borse) e cachemire. Viene inoltre utilizzata la seta. Elementi semplici da abbinare, che includono sopramaglie comode in cotone, felpe con cappuccio, maglia a maniche lunghe, maglia con maniche a sbuffo, un pareo con orchidee stampate e tinte di rosso, uno scialle ricamato in cachemire con guarnizioni di cotone, una minigonna con coulisse, un pantaloncino con coulisse, un abito senza maniche con la schiena scoperta. Tra gli abiti più sportivi ci sono una canottiera, un top con spalline incrociate, un top senza maniche, un pantaloncino con cuciture a spirale, pantaloncini a pinocchietto e fuseaux a vita alta. I dettagli sono delicati, una caratteristica chiave dello spirito di Como Shambhala – per esempio il logo è discretamente ricamato a mano su ogni capo. Così, la canottiera presenterà un disegno circolare che avvolge il corpo, ispirato al simbolo del Como Shambhala Estate, mentre il copri maglia in voile di cotone bianco, espone un delicato ricamo floreale. A completare la collezione, il Como Shambhala lancia come accessorio una borsa di tela color corda, con finiture di pelle naturale (spallina e manici) – un oggetto imperdibile della serie Como Shambhala – e delle ballerine con cinghietta elastica e suola rialzata. I prezzi vanno da £45 per la canottiera o il top a £129 per il vestito di maglia. La collezione è disponibile da Agosto nei negozi delle proprietà Como: Parrot Cay nelle isole Turks e Caicos, Cocoa Island alle Maldive, Uma Paro in Bhutan, Uma Ubud a Bali, Como Shambhala Estate a Bali e nei Metropolitan Hotel di Londra e Bangkok. .  
   
   
AEROSOLES´ FASHIONABLE COMFORT  
 
Modello baby con cinturino per la sensuale zeppa che Aerosoles propone per questo A/i 2007-2008. In pellame borbidissimo e nei colori di tendenza: bronzo, nero e caffè, è una scarpa che si distingue per il design originale e per l´appeal sofisticato. La zeppa in gomma e la suola a forma di diamante, caratteristica unica e distintiva di tutte le scarpe Aerosoles che dona alle calaztura un comfort senza uguali, fanno di questo esemplare un ottimo passepartout ideale per tutti i momenti della giornata: in ufficio come in giro per la città, per un appuntamento di lavoro come per una cena romantica. Aerosoles è distribuito, in Italia, da Studio Tollini srl. Infoline: Numero Verde: 800015805 - www. Studiotollini. Com; www. Aerosoles. Eu .  
   
   
TI AMO TE QUIERO, STILE ITALIANO E GLAMOUR INTERNAZIONALE  
 
Una croce irregolare e preziosa, con all´interno incastonato un cuore, una sorta di antica reliquia è il simbolo del nuovo progetto di moda Made in Italy, Ti Amo Te Quiero, in arrivo nelle migliori boutique italiane e internazionali a partire dalla primavera 2008. Ti Amo è la parte femminile, romantica e passionale del brand, Te Quiero è quella maschile, forte e decisa. Tutte le creazioni Ti Amo Te Quiero sono disegnate e prodotte in Italia con garanzia di standard qualitativi elevati. Un total-look uomo e donna con dettagli e applicazioni importanti : strass e punti luce, grafiche che ne sottolineano i particolari, applicazioni in lamina oro e argento, tessuti e materiali di qualità che modellano i corpi con stile. L’emblema dello stile Ti Amo Te Quiero è il Glamour Metropolitano da indossare in ogni occasione: la Club Night Collection creata per vivere il mondo della notte indossando materiali estremamente confortevoli e luccicanti, la Fashion Day Collection per vestire durante il giorno un look intenso e sofisticato senza mai prescindere dall’eleganza e dallo stile. Ti Amo Te Quiero, un inconfondibile stile tutto italiano, nelle migliori boutique a partire dalla primavera 2008. Www. Tiamotequiero. It .  
   
   
THE NORTH FACE PRESENTA ARNUVA 50 BOA, LA SCARPA PROGETTATA PER DEAN KARNAZES L’ULTRAMARATONETA AMERICANO HA LAVORATO A STRETTO CONTATTO CON IL TEAM DI DESIGNER THE NORTH FACE PER CREARE LA SCARPA IDEALE DELL’ENDURANCE RUNNER  
 
Dean Karnazes, durante le sue imprese, indossa i prodotti outdoor più innovativi della linea The North Face Endurance 50. Di primaria importanza, per un atleta del suo calibro, è senza dubbio la scelta delle scarpe da corsa. Dean ha scelto The North Face Arnuva 50 Boa dotate dell’esclusivo sistema di allacciatura Boa che consente di effettuare regolazioni minime con la massima rapidità. Tra le caratteristiche principali delle nuove endurance figurano anche mesh traspirante nella tomaia, canali per il ricircolo dell’aria nel puntale e linguetta traspirante. Questo prodotto è ideale per affrontare diversi tipi di terreno e di condizioni climatiche, sia su strada che fuori strada. Dean, che ha lavorato a stretto contatto con il team di designer The North Face per creare questo tipo di scarpa, ritiene che la nuova collezione Endurance rispecchi completamente lo spirito che lo spinge a compiere le sue straordinarie imprese: testare i limiti del corpo umano e alimentare il desiderio della scoperta. Scheda tecnica Arnuva 50 Boa La scarpa Arnuva 50 Boa, studiata per l’ultramaratoneta che corre su sentiero, percorsi sconnessi o perfino su strada, è provvista dell’innovativo sistema di allacciatura Boa, per una calzata sempre ferma e precisa, ai limiti della personalizzazione. Realizzata in pelle/nubuck sintetico ultraresistente e antiabrasione, con tomaia protettiva in sandwich mesh, Arnuva è una scarpa altamente traspirante: una qualità indispensabile sulla lunga distanza. L’inserto mediale in Tpu iniettato offre ottima stabilità e supporto, al centro e sui lati. L’inserto interno in Sure Grip che riveste la zona tallone impedisce al piede di scivolare, riducendo al minimo gli sfregamenti che provocano la formazione di vesciche. Il plantare ergonomico Northotic è provvisto di inserti in Poron sull’avampiede e sul tallone e di trattamento antimicrobico Agion. L’intersuola leggera in Eva stampata a compressione, insieme a X-2, un composto polimerico ammortizzante, offre assorbimento degli impatti e sostegno straordinari. Una di gabbia di contenimento nella parte posteriore del piede offre un ausilio meccanico all’intersuola e presenta il Roll Control, che funge da dispositivo antipronazione. La suola The North Face con rivestimento in gomma Tenacious Grip, coperta da brevetto, offre eccezionale trazione sia su asfalto che su sterrato, stabilità e resistenza in tutte le condizioni climatiche. . .