Dati Editore | Chi Siamo | Redazione | Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 







MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web




 


VENERDI

PAGINA 1 PAGINA 2 PAGINA 3 PAGINA 4 PAGINA 5 PAGINA 6
Notiziario Marketpress di Venerdì 30 Settembre 2011
MORBEGNO: MOSTRA DEL BITTO: I SAPORI DELLA TRADIZIONE, UNA DELIZIA PER IL PALATO  
 
Conoscere, assaggiare e anche acquistare: tre tempi per lasciarsi ammaliare dai sapori della tradizione. La Mostra del Bitto di Morbegno, alle porte della Valtellina, offre un terzo tempo gustoso agli appassionati del buon mangiare e del buon bere che oltre a vedere le lavorazioni delle eccellenze agroalimentari, a conoscerne le tecniche di produzione, ad assaporarle lentamente per scoprirne la bontà, potranno anche acquistarle negli stand delle aziende che proporranno le loro migliori produzioni. È passato più di un secolo, ma il tempo sembra essersi fermato. La Mostra del Bitto, in passato sbocco commerciale dei pastori che scendevano a valle dopo una lunga e faticosa stagione in alpeggio, è diventata un appuntamento imperdibile dove ritrovare i sapori di un tempo preservati nei prodotti della tradizione che rivelano bontà e genuinità. I formaggi dop Bitto e Valtellina Casera, il Valtellina Superiore e lo Sforzato docg, la bresaola igp, le mele igp, e ancora il miele e i pizzoccheri. E tutt’attorno altre prelibatezze che conquistano i palati: dai salumi alle conserve alimentari, dai dolci alle confetture, ai funghi e alle grappe. Bontà, tipicità e naturalità garantiti dal Distretto Agroalimentare di Qualità della Valtellina riconosciuto dalla Regione Lombardia. Tre giorni da vivere intensamente, da venerdì 14 a domenica 16 ottobre, visitando l’ampia area espositiva di 1300 metri quadrati, assistendo alle lavorazioni in diretta e, soprattutto, partecipando alle degustazioni guidate per scoprire i prodotti, conoscerli da vicino e assaggiarli sotto la guida di esperti. Con “Il nostro Bitto preferito” i visitatori diventeranno protagonisti degustando le forme di Bitto e di Valtellina Casera iscritte al tradizionale concorso per compilare una scheda e definire la speciale classifica di gradimento del pubblico che si aggiungerà a quella degli esperti assaggiatori del concorso ufficiale. Per i più piccoli l’intrattenimento con i laboratori didattici e l’emozione degli incontri ravvicinati con gli animali. Una manifestazione apprezzata dai visitatori che da questa edizione ha ottenuto il riconoscimento ufficiale del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali che ha concesso il patrocinio. La Valtellina, insieme alla Mostra del Bitto, regalerà gli spettacolari scenari naturalistici colorati d’autunno: l’opportunità di scoprire un piccolo mondo antico che rivela tutto il suo fascino. Info: 104à Mostra del Bitto – 14, 15, 16 ottobre 2011 - Morbegno (Sondrio), Polo Fieristico Provinciale - Orari di apertura al pubblico: Venerdì 14 ottobre: 10 - 23 / Sabato 15 ottobre: 9 - 23 / Domenica 16 Ottobre: 9 - 20  
   
   
STRASSOLDO (CASTELLO DI SOPRA): IN AUTUNNO, FRUTTI, ACQUE, CASTELLI – 22/23 OTTOBRE 2011  
 
Ritorna il 22 e 23 ottobre 2011 l’incantevole manifestazione “In Autunno: Frutti, Acque e Castelli” proposta dalle proprietarie dei castelli di Strassoldo di Sopra e di Sotto allo scopo di rendere visitabili i manieri in un magico intreccio tra storia, fantasia, creatività ed ambiente naturale. L’evento si rivolge soprattutto agli animi romantici e agli appassionati di atmosfere antiche,, che desiderano passare qualche ora lontana dalla vita frenetica moderna. Per l’occasione saranno aperti gli interni dei due castelli, della cancelleria, del foledôr, della pileria del riso e della vicinìa e nei medesimi saranno presenti le nuove collezioni autunnali di artigiani, antiquari, decoratori ed artisti d’eccellenza, tra addobbi sfarzosi e sottofondi di musica antica. Siccome l’autunno è il momento ideale per pensare alla piantumazione, nelle aree verdi del castello di Sopra ci sarà un piccolo ma ottimo gruppo di vivaisti con piante insolite, perenni, erbacee, succulente, tropicali, rose antiche, inglesi e nostalgiche, agrumi di Sicilia ed antiche specie da frutto. Non mancherà nemmeno una vasta scelta di romantici mobili da giardino. Si tratta di un momento ideale per fare acquisti natalizi di qualità e difficilmente reperibili, senza per questo spendere cifre esose. Il week-end propone anche visite guidate al parco del castello di Sotto ed al borgo castrense, mini concerti di musica antica, visite a siti limitrofi, conferenze di giardinaggio, angoli enogastronomici curati e la possibilità di passare momenti rilassanti nei parchi a contatto con una natura affascinante. L’atmosfera dei castelli d’acqua, così chiamati perché localizzati sulla linea delle risorgive, tra il Tagliamento e l’Isonzo, dà luogo ad una magia quasi surreale: un invito a vivere “un magico intreccio tra storia, fantasia, creatività ed ambiente naturale”, assaporando la splendida natura del luogo, dove pare ancora di sentire un tintinnio di spade e gli echi delle vicende storiche che qui si sono susseguite a partire dall’epoca romana. L’entrata alla manifestazione è a pagamento: biglietto unico di € 10 per entrare negli interni dei due castelli, nel Foledôr, nella Cancelleria, nella Pileria e nel brolo/area vivaisti/parco castello di Sopra (il parco del castello di Sotto non é compreso). Bimbi fino a 5 anni gratis / 6-12 anni = € 4. Riduzioni per gruppi di almeno 25 pax. Nota: per le persone interessate solamente alle piante è previsto anche un biglietto per la sola zona brolo/area vivaisti – prezzo: Euro 4 adulti ed Euro 2 bimbi. Parcheggio consigliato: quello del Palmanova Outlet Village di Aiello, cittadella dello shopping con 90 spacci aziendali di marca, che metterà gentilmente a disposizione anche un bus navetta che collegherà l’Outlet (ingresso principale) con Strassoldo (per Joannis) sabato e domenica dalle 08.30 alle 19.00. Per trovare meno pubblico si consiglia di privilegiare la giornata del sabato o la mattina della domenica. Altre attrattive della zona da inserire nella gita a Strassoldo: Aquileia (antica colonia romana), Grado (antica cittadina costiera), Palmanova (fortezza rinascimentale), Villa Manin (dimora ultimo doge di Venezia) ed molte altre. Per consigli scrivere ad: info@castellodistrassoldo.It. L’evento si terrà anche in caso di pioggia in quanto organizzato negli interni Ristoranti locali: -Trattoria “Al Cavallino”, Strassoldo, t.0431-93100 - - Agriturismo “San Gallo” *, Strassoldo, t.0431-93039 - ”Rainbow-sapori alla piastra”, Strassoldo, t.3395753886 - Agriturismo “Casabianca” *, Ss Cervignano-palmanova, t.0432-924723 - Ristorante “Forum Julii” *, Strassoldo, t.0431-93397/8 - Ristorante “La Rotonda” *, Cervignano d.Fr., t.0431-30751 - Pizzeria “Chichibio”, Cervignano d.Fr, t.0431-32704 - Ristorante “Cina” *, Strassoldo, t.0431-93354 - Trattoria “Il Quadrifoglio”, Privano, t.0432-928591 - "Dok dall´Ava", Palmanova Outlet Village, t. 0432-836488 Organizzato dall’Associazione Europea Valorizzazione Castelli, Palazzi e Giardini Storici. Info: info@castellodistrassoldo.It  - www.Castellodistrassoldo.it  
   
   
GENOVA: DA FARE E DA VEDERE DURANTE IL SALONE NAUTICO  
 
Molte le iniziative presenti a Genova, oltre agli eventi fuori salone “Genovainblu”, nei nove giorni del 51° Salone Nautico Internazionale, in svolgimento da sabato 1 a domenica 9 ottobre. Al Galata Museo del Mare la cultura e la storia della navigazione aspettano il pubblico del Salone, che può sperimentare in prima persona la vita a bordo di un sommergibile visitando il Nazario Sauro, ormeggiato davanti al museo. Il visitatore inizia l’immersione scendendo nella pancia del sommergibile munito di casco per la sicurezza e di audio guida interattiva, che si attiva automaticamente in alcuni punti strategici lungo il percorso per raccontare la vita di bordo. Ad integrare e preparare la visita al sommergibile, la sezione preshow allestita al terzo piano del Museo che consente di interagire con alcune delle strumentazioni che a bordo non sono accessibili, poiché in spazi troppo ristretti e per motivi di sicurezza. L’esperienza di viaggio prosegue sempre al terzo piano con la grande traversata oceanica dei migranti italiani a bordo dei piroscafi verso l’ America e con prossima apertura (19 ottobre) verso il Brasile e l’Argentina, con uno sguardo sull’emigrazione/immigrazione contemporanea. Yachts Portraits – La Collezione Beppe Croce Da segnalare all’interno del Museo la sezione “Yachts Portraits – La Collezione Beppe Croce”, che riproduce l’ambiente di uno yacht club inglese di fine ‘800 e la donazione da parte della famiglia di Ambrogio Fogar della zattera sulla quale, il navigatore e il giornalista della Nazione Mauro Mancini, nel 1978 hanno trascorso 74 giorni in Atlantico dopo il naufragio del Surprise. Vita e segreti del mare dall’impressione alla scomposizione visiva Dal 6 ottobre al 6 novembre, presso la saletta dell’Arte del Museo, sarà visibile la personale del pittore cremonese Roberto Comelli “Vita e segreti del mare dall’impressione alla scomposizione visiva”: quaranta opere per illustrare il percorso artistico e umano dell’artista, a partire dagli anni Settanta. Info: Il Galata Museo del Mare riserva uno speciale sconto di 3 € a quanti possiedono la tessera di espositore del Salone Nautico (adulti e ragazzi 4-12 anni) e uno sconto di 2 € a quanti presentano il biglietto della manifestazione (adulti e ragazzi 4-12 anni). La promozione è valida sia per il biglietto solo Galata sia per il Galata + sommergibile. Www.galatamuseodelmare.it  Acquario di Genova · Race. Alla conquista del Polo Sud Durante il Salone Nautico, quanti saranno interessati a vivere un’esperienza legata ai temi della natura e del mare, potranno visitare l’Acquario di Genova dove ad attenderli troveranno gli ospiti delle 70 vasche espositive: 80.000 animali appartenenti a 400 specie tra pesci, mammiferi marini, rettili, anfibi e uccelli. Protagonista indiscusso il cucciolo di Pinguino Magellano, nato lo scorso 23 giugno nella vasca subantartica. Quest’anno particolare attenzione viene dedicata alle vasche espositive antartiche, uniche in Europa, adatte ad ospitare organismi provenienti dal “deserto di ghiaccio”. Lo stesso continente che fu palcoscenico della sfida tra Scott e Amundsen sarà oggetto della mostra ”Race. Alla conquista del Polo Sud”, organizzata da Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura in sinergia con Costa Edutainment e Codice Idee per la Cultura, e visibile nel sottoporticato di Palazzo Ducale dal 15 ottobre al 18 marzo 2012. Per l’intero periodo di allestimento di “Race. Alla conquista del Polo Sud”, Costa Edutainment offre l’opportunità a tutti coloro che acquisteranno il biglietto Acquario di Genova o Acquariovillage di visitare la mostra gratuitamente. 7 Mosse per l’Italia Sabato 3 ottobre, ore 19.00, l’Auditorium dell’Acquario di Genova ospiterà la presentazione dell’iniziativa / Mosse per l’Italia, la traversata da Genova a New York che ha visto il velista Giovanni Soldini impegnato insieme a Oscar Farinetti (fondatore di Eataly) e un team di scrittori, intellettuali e chef, in un laboratorio navigante di idee per migliorare il nostro Paese. Info: L’acquario di Genova riserva uno speciale sconto di 3 € a quanti possiedono la tessera di espositore del Salone Nautico (adulti e ragazzi 4-12 anni) e uno sconto di 2 € a quanti presentano il biglietto della manifestazione (adulti e ragazzi 4-12 anni). Www.acquariodigenova.it La città dei bambini e dei ragazzi Dopo un periodo di chiusura per manutenzione, la struttura riaprirà martedì 4 ottobre 2011. Vita da Stagno “Vita da Stagno” è l’animazione per bambini di 6-12 anni per scoprire giocando caratteristiche, abitudini e curiosità delle tartarughe e rettili non sempre rispettati come si dovrebbe e che, in alcuni casi, rischiano di estinguersi. Info: Orari: sabato e domenica, ore 15.00 e ore 17.00. Nel Sottobosco Dedicato ai più piccoli – 3/5 anni – “Nel sottobosco” è l’appuntamento per riconoscere gli abitanti di questo mondo silenzioso che, nella stagione autunnale, nasconde meraviglie da guardare, raccogliere e assaggiare: chi si chiude nel suo guscio di spine, chi spunta dopo una giornata di pioggia e cresce in fetta. Info: Orari: sabato e domenica, ore 12.00 e ore 16.00. I visitatori e gli espositori, adulti e ragazzi, del Salone avranno diritto ad uno sconto di 1 € sul biglietto d’ingresso, presentando biglietto Salone o tessera espositore alla biglietteria della struttura. Www.cittadeibambini.net  Acquariovillage Promozione Speciale Salone Nautico Per consentire al pubblico della Fiera di scoprire il mondo Acquariovillage, Costa Edutainment riserva una speciale promozione sul biglietto Acquariovillage: 1 € per i visitatori e 2 € per gli espositori. Il biglietto Acquariovillage, valido un anno dalla prima visita, consente di vivere il mondo di Costa Edutainment non solo durante il Salone Nautico ma nel corso dei 12 mesi successivi in base alla disponibilità di tempo e agli interessi dei singoli visitatori ed espositori. Info: www.Acquariovillage.it  Ascensore Panoramico Bigo Promozione Speciale Salone Nautico L’ascensore panoramico Bigo riserva uno speciale sconto di 1 € a quanti possiedono la tessera di espositore e a quanti presentano il biglietto della manifestazione (adulti e ragazzi 4-12 anni). Nello stesso periodo, il Bigo osserverà orari d’apertura straordinari. Infine la Biosfera riserva uno speciale sconto di 1 € a quanti possiedono la tessera di espositore e a quanti presentano il biglietto della manifestazione (adulti e ragazzi 4-12 anni). Info: www.Acquariovillage.it  Musei Civici di Genova Promozione - Tariffe agevolate per il Salone Nautico dal 27 settembre all’11 ottobre 2011 In occasione del Salone Nautico, i Musei Civici riconoscono il biglietto ridotto ai possessori di ogni titolo di accesso al Nautico (tessere espositori, biglietti interi o ridotti) nel periodo dal 27 settembre all’ 11 ottobre, a partire quindi da 4 giorni prima dell’apertura del Salone e fino a 2 giorni successivi alla chiusura, nei seguenti Musei: Musei di Strada Nuova, Museo Sant´agostino, Museo d´Arte Orientale "E. Chiossone", Museo d´ Arte Contemporanea di Villa Croce, Museo di Storia Naturale "G. Doria", Museo del Risorgimento, Mu.ma Museo Navale di Pegli, Museo di Archeologia Ligure, Museo di Storia e Cultura Contadina, Museo Luxoro, Raccolte Frugone, Mu.ma Museo Teatro della Commenda di Prè, Castello D’albertis, Gam, Wolfsoniana. Teatro Carlo Felice Concerto – Strauss Martedì 4 ottobre, ore 19.00 Nell’insolita cornice di Galleria Mazzini il Maestro Fabrizio Ventura dirige l’Orchestra del Carlo Felice, che suonerà quattro celebri brani di Strauss: l’ouverture del Die Fledermaus (Il Pipistrello), seguita da tre valzer. Concerto – Rudolf Buchbinder Sabato 8 ottobre, ore 20.30 L’opportunità che offre il 51° Salone nautico internazionale di Genova di ampliare ad un pubblico internazionale l’offerta musicale suggerisce l’apertura della stagione sinfonica con il concerto per pianoforte e orchestra diretto da Rudolf Buchbinder (direttore e pianista solista). Gala Lirico Domenica 9 ottobre, ore 16.00 Gala Lirico diretto dal Maestro Fabrizio Ventura, con la partecipazione del soprano Desirée Rancatore, del baritono Rolando Panerai e dell’Ensemble Opera Studio. Info: www.Carlofelice.it  Musei di Strada Nuova - Palazzo Rosso Mostra – Galee, navi e vascelli nei disegni di grandi artisti e moderni progettisti fino al 9 ottobre 2011 (inserito nel calendario di Genovainblu) La mostra si propone di esporre - in una prima sezione - una quindicina di disegni di imbarcazioni di grandi artisti del Xvii, Xviii e Xix secolo del Gabinetto Disegni e Stampe di Palazzo Rosso: progetti per la decorazione a intaglio di galee e vascelli di età barocca, vedute con navi in burrasca, disegni a tema biblico nei quali sia rilevante in tema della navigazione, fino a ottocenteschi fondali teatrali schizzati a matita per grandi scenari di opere e balletti. Accanto a questi antichi fogli, di grande fascino, verranno presentati - in una seconda sezione - altrettanti disegni di moderni architetti e designer che definiscono le nuove linee della contemporanea progettazione di lussuose imbarcazioni e decorazione di interno di grandi yacht. Questi ultimi, non di pertinenza del Gabinetto Disegni e Stampe di Palazzo Rosso, dialogano con le opere antiche costituendo insieme a queste una piacevolissima rassegna di ‘progetti per la nautica’ di alta qualità, tra passato e presente. Mostra – Le stanze della Duchessa dal 5 aprile 2011 Esposizione dedicata a dipinti e arredi provenienti dalla dimora parigina della Duchessa – il celebre Hôtel de Matignon, oggi residenza del Primo Ministro della Repubblica francese – e dalla stessa destinati a Palazzo Rosso. Si tratta dell’arredo pressoché completo della camera da letto, opera dell’ebanista Jean-jacques Werner (1791-1849) e di una serie di mobili e arredi adatti a dare un’idea degli spazi di rappresentanza, ovvero un esempio di salotto, con pezzi dei più celebri artisti del tempo, fornitori di corte e dell’alta società parigina. Oltre a questi arredi, nell’ambiente figureranno monumentali vasi orientali di alta epoca e, sulle cui pareti, i quadri che la Duchessa aveva acquistato a Parigi – maestri olandesi e spagnoli del Seicento – accanto a quelli che aveva portato da Genova. Info: www.Museidigenova.it  tel.+39 010.542285 Castello D’albertis Mostra – Occhi sull´Asia (e non solo) fino al 16 ottobre 2011 La mostra è un´antologica dei lavori che Maria Rebecca Ballestra ha realizzato in Asia e in vari paesi europei dal 2005 al 2010, in occasione della sua partecipazione ad alcuni programmi di residenza e a rassegne espositive internazionali. Opere fotografiche, video e installazioni, dove il ricorrere del tema del doppio diventa emblema della circolarità dello sguardo utilizzato dall´artista per sfuggire alla prospettiva eurocentrica nell´incontro con le altre culture, saranno inserite nel percorso espositivo, in dialogo con i reperti archeologici, gli oggetti etnografici e gli arredi della collezione permanente. Info: www.Castellodalbertis.museidigenova.it  Museo d’Arte Orientale “E. Chiossone” Mostra – Fiori d’Oriente, Arte e Poesia. Metafore e simboli nella cultura artistica e letteraria del Giappone fino al 16 ottobre 2011 Questa mostra delle collezioni del Museo Chiossone è dedicata al modo giapponese di guardare ai fiori e al mondo vegetale, un modo particolarmente poetico e soave. In esposizione stampe policrome raffiguranti “uccelli e fiori” (kachōga), dovute a Hiroshige e a altri artisti dei secoli Xviii e Xix, vasi in bronzo e porcellana per le composizioni floreali ikebana e altre suppellettili decorative - tutte opere che documentano il profondo legame emotivo ed estetico della civiltà giapponese con i fiori e con i loro significati metaforici e simbolici. Info: www.Museidigenova.it tel.+39 010.542285. Orari: da martedì a venerdì, ore 9.00 – 19.00; sabato e domenica, ore 10.00 – 19.00. Lunedì chiuso. Mostra – Zuiganji. La vita dei monaci Zen Fino al 6 novembre 2011 Mostra fotografica di Fabio Massimo Fioravanti. La rassegna consiste di una serie di fotografie che documentano la vita e i rituali dei monaci Zen della scuola Rinzai nel monastero Zuiganji. Fondato nell’828 dal monaco Jigaku Daishi e ricostruito nella forma attuale durante il periodo Momoyama (1573 - 1603), il complesso templare dello Zuiganji è stato designato Tesoro Nazionale. Si trova a Matsushima, incantevole località costiera nella Prefettura di Miyagi, affacciata su una baia disseminata di oltre 260 isolotti ricoperti di vegetazione e alberi di pino, annoverata tra i Nihon sankei, i tre paesaggi più belli del Giappone. La tradizione spirituale del tempio Zuiganji e il meraviglioso paesaggio marino della Baia di Matsushima hanno contribuito da oltre un millennio a fare di questi luoghi un’importante meta di pellegrinaggio religioso e, più recentemente, anche di turismo. Info: www.Museidigenova.it  tel.+39 010.542285 Palazzo Ducale Mostra – Un Dibbuk per l’Europa: la cultura ebraico-polacca attraverso l’opera artistica di Andrzej Wajda dal 10 settembre al 15 ottobre 2011 L´opera di uno dei grandi artisti europei contemporanei, sotto il punto di vista del rapporto fra la cultura polacca e quella ebraica, per suggerire importanti riflessioni sul futuro multiculturale dell´Europa, proprio nell´anno in cui la Polonia assume per la prima volta la Presidenza del Consiglio dell´Unione Europea. Info: orario di apertura dalle 15.00 alle 19.00, chiuso il lunedì. Ingresso 5 € – ridotto 4 €. Per maggiori dettagli e prenotazioni gruppi tel. +39 010 5574064/65; e-mail biglietteria@palazzoducale.Genova.it  Mostra fotografica – A Palazzo Dal 4 al 16 ottobre 2011 Organizzata dalla Art Commission e allestita nel loggiato minore di Palazzo Ducale, la mostra ospita un gruppo di fotografi professionisti che tracceranno un percorso visivo-spaziale, attraverso gli ambienti dell´antica residenza dei Dogi, scenario e al tempo stesso protagonisti della mostra. Il percorso sarà arricchito dalla presenza di modelle, che interagiranno con gli spazi storici restituendo una visione artistica contemporanea. Alle 17.30 seguirà “Dollworld – Fuoco Freddo”, installazione e performance dell’artista Angela Mambelli (Duplex Ride) Info: tel. +39 347 9300692 e-mail: artcommission.Genova@gmail.com  Visita Guidata – La Torre Grimaldina aperta tutto l’anno La Torre Grimaldina è stata utilizzata fin dal Trecento come prigione. Sulle sue pareti ancora oggi sono conservate antiche pitture, disperate suppliche e commoventi dichiarazioni d’innocenza. In occasione del Salone Nautico la Torre e le antiche Carceri saranno eccezionalmente aperte fino alle ore 20.00. Info: orario di apertura dalle 10.00 alle 18.00 (proroga fino alle ore 20.00 nel periodo del Salone Nautico), chiuso il lunedì. Ingresso 5 € – ridotto 4 €. Incontro - Benedetta cultura. Il sapere di un paese per il bene comune. 1° ottobre 2011, ore 17.30 - Sala del Maggior Consiglio La cultura, antica ricchezza d’Italia, da sempre ci identifica nel resto del mondo. E’ tradizione e nello stesso tempo possibile spazio di innovazione, è il paesaggio di monumenti, è il sapere – i saperi – delle nostre università e delle diverse competenze, è la conoscenza come valore e come necessità per crescere. Benedetta dunque la cultura. Eppure quanto poco la cultura vale nella considerazione dei governi e dei media, e spesso perfino di chi per ruolo dovrebbe promuoverla. Ideazione e cura di Anna Longo. Info: tel. +39 010.5574012-826-071. Incontro – Postmetropoli e architettura 03 ottobre, ore 17.45 - Salone del Maggior Consiglio Interviene Vittorio Gregotti. Architetto di fama internazionale, Gregotti ha realizzato opere in molti paesi europei, in Cina e Nord Africa. Scrittore di libri di teoria dell´architettura, ha diretto le riviste "Casabella", "Rassegna" e "Edilizia moderna". La sua ultima pubblicazione è"L´ultimo hutong. Lavorare in architettura nella nuova Cina", ed. Skirà,. In uscita a novembre - edito da Einaudi - il volume"Postmetropoli e architettura". Info: tel. +39 010.5574012-826-071. Ciclo di incontri - Le città in evoluzione: nuovi paesaggi, socialità, sostenibilità da ottobre a dicembre Un ciclo di incontri per discutere su stato e destino della città contemporanea con la partecipazione di architetti, sociologi, psicologi di fama internazionale. Un progetto di Palazzo Ducale Fondazione Cultura e Legambiente, a cura dell’architetto Giovanni Spalla. Info: tel. +39 010.5574012-826-071. Museo di Sant’agostino Mostra - Bestiario: mitologia del contemporaneo fino al 7 ottobre 2011 I galleristi genovesi aderenti al progetto Start “invadono” gli spazi del Museo, che propone così ancora una contaminazione fra contemporaneo e “classico”. Info: www.Museidigenova.it  tel.+39 010.542285 Museo d’Arte Contemporanea di Villa Croce Mostra – Sonorità del Sud. Un viaggio attraverso suoni, parole, musica fino al 29 dicembre 2011 Progetto organizzato in collaborazione con gli Istituti Goethe di Genova, Barcellona e Lisbona e i rispettivi Conservatori e con l’apporto del Macba di Barcellona e il Museo de Caxo di Lisbona, che esplorerà negli spazi del museo il tema del Viaggio verso il Sud attraverso opere visive e musicali. Info: www.Museidigenova.it  tel.+39 010.542285 Museo Del Risorgimento Mostra – Il Giuramento per l´Italia. Da Manzoni a Mazzini fino al 15 ottobre 2011 Il tema e i simboli del giuramento per la patria nell’Italia risorgimentale, partendo dalla lettera autografa di Giuseppe Mazzini a Giuseppe Giglioli, con il testo del giuramento della Giovine Italia. Una rievocazione attraverso oggetti, stampe, documenti originali e dipinti. Info: www.Museidigenova.it  tel.+39 010.542285 Museo Luzzati Mostra – Mordillo dal 7 luglio 2011 all’8 gennaio 2012 Al Museo Luzzati ,nel Porto Antico di Genova, è stata allestita per la prima volta in Italia una grande mostra dedicata alle opere del celebre cartoonist argentino Guillermo Mordillo. I disegni e le strisce di Mordillo sono stati riprodotti su libri e giornali in tutto il mondo, ma anche su quaderni, diari scolastici, biglietti d’auguri, magliette, tazze e ogni possibile gadget, tanto che il suo cognome è diventato ormai un marchio. Nato a Buenos Aires nel 1932 in una famiglia di emigrati dalla Spagna, ha sempre disegnato fin dall’infanzia. Ha vissuto in Argentina dove disegnava per il giornalino delle elementari; poi a Lima (Perù) dove ha lavorato per la pubblicità; quindi a New York come animatore di Braccio di Ferro e infine a Parigi. In Francia ha maturato il suo stile personalissimo: disegni senza parole con i quali riesce a comunicare con tutti e ovunque. Ma l’universalità di Mordillo non sta solo nel fatto che i suoi lavori scavalcano i problemi linguistici, universali sono anche le ambientazioni e i temi dei suoi disegni: il rapporto tra l’uomo e la donna, il mondo degli animali, l’anonimato delle città, le situazioni dello sport, specialmente calcio e golf. Il suo è un umorismo profondamente umano e tocca corde comuni a tutti gli uomini e a tutte le culture. Durante mostra sono previsti incontri con l’artista e laboratori sulla sua particolare tecnica del colore. Info: orario di apertura, da martedì a domenica dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00. Chiuso il lunedì. In occasione del Salone verrà effettuato un orario di apertura straordinario: da lunedì a venerdì, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 20.00; sabato dalle 10.00 alle 23.00 e domenica dalle 10.00 alle 20.00. Ingresso 5 € – bambini gratis fino a 6 anni, dai 7 ai 18 2 €, 4 € sopra i 65 anni; ai possessori del biglietto del Salone Nautico sarà riservata una speciale tariffa di ingresso a 3 €. Per maggiori informazioni: tel. +39 010.2530328 info@museoluzzati.It  www.Museoluzzati.it  Villa del Principe Visita guidata & Concerto Domenica 2 ottobre, dalle 10.00 alle 17.00 In occasione del 51° Salone Nautico, Villa del Principe apre i suoi splendidi giardini all’italiana e gli appartamenti della famiglia Doria domenica 2 ottobre dalle h 10 alle h 17. In via straordinaria i visitatori potranno assistere alle h 11,30 al concerto per flauto dolce e clavicembalo con musiche di Scarlatti, Bach e Telemann che l’associazione musicale “Il Cerchio Ornato” eseguirà nei locali della dimora storica. Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti. Villa del Principe è la più vasta e sontuosa dimora nobiliare di Genova, il Palazzo dell’unico “Principe” che la città abbia avuto. Oggi la Villa del Principe è un luogo monumentale pieno di tesori nascosti come si scopre percorrendo le sue stanze, ammirando i suoi affreschi ed arazzi o passeggiando tra le fontane del giardino cinquecentesco. La residenza appartiene ancora ai discendenti del fondatore, i principi Doria Pamphilj. L’allestimento del percorso museale rispetta il carattere di dimora aristocratica che ha connotato il palazzo dalle origini ai nostri giorni in modo da consentire ai visitatori di immergersi in una fiabesca atmosfera e di sperimentare un contatto diretto con la Storia. Info: orario di apertura di domenica 2 ottobre, dalle 10.00 alle 17.00 (la villa è aperta anche tutto l’anno su prenotazione); per maggiori dettagli: tel. +39 010.255509 didattica.Ge@dopart.it  www.Dopart.it  Abbazia di San Fruttuoso (Camogli) Mostra – Storie di navi e di relitti del promontorio di Portofino Fino al 16 ottobre 2011 La Sala Capitolare dell’Abbazia di San Fruttuoso e la Torre Doria ospitano la mostra “Storie di navi e relitti del Promontorio di Portofino”. Il percorso di visita si sviluppa per nuclei tematici con l’esposizione di fotografie, reperti originali, dipinti d’epoca, modelli navali, ex-voto marinari, documenti e impianti didascalici in grado di facilitare la comprensione del pubblico. Tra le tante storie “in mostra” anche quella commovente della pirofregata inglese “Croesus” che, salpata da Genova per la Crimea carica di soldati piemontesi nel 1855, si arenò in fiamme davanti a San Fruttuoso. Info: orari di apertura: tutti i giorni dalle 10.00 alle 15.45; ingresso 7,50 €; bambini (4 – 12 anni) 4,50 €; iscritti Fai – soci National Trust e residenti del Comune di Camogli 2 €; scolaresche 3,50 € cad. Per maggiori informazioni: tel. +39 0185.64396 www.Omniaeventi.com  Itinera Visite guidate - Percorsi Narrativi dal 1 al 9 ottobre 2011 Itinera accompagna le persone alla scoperta del patrimonio autentico e impenetrabile di Genova attraverso dei veri percorsi narrativi, nei quali chiunque può viaggiare nel tempo e nella storia della città. Ogni percorso narrativo è costruito su un tema che ne rappresenta il "fil rouge" ed è arricchito da curiosità, aneddoti, miti, leggende, personaggi minori, storie perse nel tempo che solitamente non vengono raccontate. Le Case Chiuse (sabato 1° ottobre, ore 19.00) Le ‘graziose’ e le “Bocca di Rosa” cantate da De Andrè, le ‘Signorine’ e le ‘Maitresse’ che nei secoli hanno riso e pianto nell’ombra cupa dei vicoli, riappaiono d’incanto narrando le loro storie, talvolta tristi, spesso piccanti e ironiche. Una grande carrellata di figure femminili ‘minori’ che offre un punto di vista assolutamente inedito sulla grande storia, dal medioevo al passato più recente. Per scoprire, nel fascino di vicoli avvolti nell’ambiguità delle tenebre, un volto di Genova inesplorato e storie inusuali, che lasciano stupefatti, divertiti e, forse, un po’ più ricchi dentro. Genova Nascosta (domenica 2 ottobre, ore 15.30) Genova ammantata di mistero, che di carruggio in carruggio, di palazzo in palazzo, rivelerà la sua essenza più intima. Un percorso magico e coinvolgente attraverso il tempo e lo spazio. I Misteri di Genova (sabato 8 ottobre, ore 15.30) Viaggio nel cuore più segreto di Genova. Verranno rivelate storie e leggende, velate dalla patina arcana del tempo, ma ancora pulsanti di vita. Carceri soffocanti, storie drammatiche o romantiche, uomini coraggiosi e astuti malviventi, per scoprire antichi episodi di cronaca nera, fatti storici inquietanti e insospettati. Cose Mai Viste (domenica 9 ottobre, ore 15.30) Anche chi già conosce Genova benissimo vedrà svelarsi, mano a mano, piccoli segreti accuratamente celati nei grandi monumenti e aspetti assolutamente inediti della città vecchia. Si scoprirà come a fianco della grande storia ufficiale della Superba si celino numerose storie, seducenti e insolite. Info: durata media di ogni percorso: due ore; durata del percorso Case Chiuse: 1 ora e 30 minuti circa. Per ogni percorso in calendario il costo è di 15 € a persona. Sconto di 3 € a persona per i possessori del biglietto d’ingresso al Salone Nautico. Per ulteriori dettagli: tel. +39 010. 6091603 – info@itineraliguria.It  – www.Itineraliguria.it  Porto Antico Mostra – Jeep Urban Movement Dal 30 settembre al 2 ottobre Una struttura innovativa sarà il contenitore dei nuovi valori Jeep, espressi non solo attraverso il posizionamento delle auto, ma soprattutto grazie all’abbinamento con opere d’arte realizzate “ad hoc” per Jeep dalla compagnia inglese Mutoid Waste Company. Due piani di installazione per rappresentare i valori di Jeep: Freedom, Unique, Adventure, Passion, Authenticity. Le opere d’arte, post moderne ed urbane, sono realizzate dagli artisti con materiali di recupero, ferrosi e non, di provenienza industriale, urbana e meccanica. Le auto e le opere si fonderanno, amalgamando due distinte forme d’arte. Info: tel. +39 010.2485776 www.Portoantico.it  The Space Cinema Porto Antico Film –Multisala Dal 1° al 9 ottobre 2011 In occasione del Salone nautico la multisala The Space Porto Antico effettuerà una riduzione sul biglietto d’ingresso a tutti i visitatori ed espositori della manifestazione, previa esibizione del biglietto/tessera. Gli sconti saranno validi anche durante il fine settimana e, per gli espositori, la riduzione si estenderà anche sui film proiettati in 3D. Info: www.Thespacecinema.it  - multicinema.Genova@thespacecinema.it    
   
   
COMBAI: 67ESIMA MOSTRA DEI MARRONI -7/30 OTTOBRE 2011  
 
Al via la 67esima Festa dei Marroni di Combai, tra artigianato, sport, cultura e gastronomia Nello splendido borgo tra le colline del Prosecco torna la manifestazione dedicata al marrone Igp locale: tre settimane di festa all´insegna dei prodotti tipici e della passione per il territorio Combai di Miane (Tv) | 7-30 ottobre 2011 La manifestazione legata al prodotto locale Igp si terrà dal 7 al 30 ottobre 2011 e chiama a raccolta ogni anni circa 60.000 visitatori  
   
   
ARQUÀ POLESINE: AD CASEUS VENETI - I VERI SAPORI NASCONO DA LAVORO AGRICOLO E QUALITÀ - 1 E 2 OTTOBRE  
 
Sarà ospitata nel Castello di Arquà Polesine, in provincia di Rovigo, sabato 1 e domenica 2 ottobre, la settima edizione di Caseus Veneti, l’ormai tradizionale vetrina itinerante dei formaggi d’eccellenza che fanno buono il Veneto e soddisfatti suoi ospiti. La rassegna – concorso, che nel Castello polesano rinnova la tradizione di coniugare cultura e sapori del territorio, ha lo scopo di valorizzazione le produzioni lattiero-casearie regionali, assieme agli uomini e ai luoghi dove questi capolavori del sapore vengono prodotti. Ma è anche un’occasione di solidarietà (come di consueto sarà allestita “Forme di solidarieta”, punto vendita dei formaggi in concorso, la cui testimonial sarà Eleonora Daniele. Il ricavato servirà a finanziare associazioni di aiuto ai meno fortunati) e soprattutto un modo per ricordare che questo patrimonio del gusto è messo a repentaglio da una mondializzazione invasiva dai sapori omogenei senza patria e senza anima, che non sa e non vuole esaltare i sapori “diversi” e tipici, ma soprattutto veri e spesso unici, che sono il frutto del lavoro agricolo e della qualità dei territori. La manifestazione è stata presentata questa mattina a Palazzo Balbi di Venezia dall’assessore regionale all’agricoltura Franco Manzato con il collega alla promozione e commercio estero Marino Finozzi e con Terenzio Borga presidente di Aprolav, l’associazione dei produttori latte del Veneto che cura l’allestimento della mostra – concorso. Quest’anno saranno in gara 320 formaggi suddivisi in 34 categorie: a testimonianza che sono gli stessi produttori a credere nella manifestazione. Al concorso sono coinvolti caseifici privati o cooperative, piccole aziende di trasformazione o malghe, stagionatori o affinatori che operano nella ricerca costante della qualità e nel rispetto delle tradizioni e delle ricette casearie regionali. “Caseus Veneti – ha fatto presente Finozzi – ha richiamato ogni anno oltre 15.000 visitatori e l’attenzione dei grandi media nazionali e locali. È dunque un’opportunità sostanziale”. “Anche perché – gli ha fatto eco Manzato – abbiamo il dovere di salvaguardare un sistema produttivo che ha caratteristiche uniche, capace di produrre oltre 70 tipi di formaggi e di affermarsi di continuo sui mercati. Nello stesso tempo, mentre non siamo esportatori di preziosa materia prima di qualità, siamo importatori di derivati del latte che spesso si trasformano in caci di dubbio gusto e di sconosciuta provenienza. Siamo di fronte ad un comparto che conta 4.200 allevamenti per un totale di 200 mila vacche da latte e 11 milioni di quintali prodotti, per oltre il 75 per cento trasformato in magnifici prodotti Dop. E oggi, in nome di una concezione che non liberà i consumatori dall’ignoranza e impoverisce i produttori, c’è chi vorrebbe consentire anche in Italia di prodotti ottenuti non con il nostro latte ma con derivati del medesimo importati dall’estero”. “Una evenienza – ha concluso Manzato – che vogliamo e dobbiamo impedire: non solo per le gravi conseguenze economiche e occupazionali, ma anche per salvaguardare la nostra cultura dell’eccellenza e la meritata fama mondiale delle nostre produzioni”  
   
   
LAVAGNA (CENTRO STORICO): TORNA CON L’8ª EDIZIONE PESTO E DINTORNI - NOVITÀ: IL 1° WORKSHOP PROFESSIONALE E L’AUDITORIUM DEL PESTO – 7/8/9 OTTOBRE 2011  
 
Da venerdì 7 a domenica 9 ottobre si terrà, nel cuore di Lavagna (Ge), l’ 8ª edizione di Pesto e dintorni. Pesto e dintorni è una rassegna espositiva regionale dedicata al condimento ligure per eccellenza ed ai “magnifici sette”: basilico, aglio, olio, sale, pinoli, pecorino e parmigiano, elementi necessari ed unici per creare l’autentico pesto. Oltre al pesto saranno esposti i “dintorni”… espositori che esporranno produzioni tipiche esclusivamente liguri provenienti dalle 4 province. Pesto e dintorni è esposizione di prodotti liguri, laboratori di degustazione, mostre, pesto corner, premio Pesto e dintorni, corsi ed incontri tematici. Obiettivo della manifestazione è qualificare il: basilico Dop, l’Olio Dop ed pesto preparato con le dop liguri e sottolineare la versatilità della famosa salsa ligure. Gli Enti partner: Regione Liguria, Unioncamere Liguria, Camera di Commercio di Genova, Comune di Lavagna ed i Consorzi di Tutela liguri: Consorzio del Basilico Dop, Consorzio per la tutela dell’olio extravergine d’oliva Dop e Consorzio del Pesto Genovese intendono promuovere con forza la qualificazione della specialità ligure conosciuta in tutto il mondo: il pesto genovese. La manifestazione vuole altresì promuovere tutti i prodotti agroalimentari liguri, compresi quelli ittici, partendo dal territorio, diventando un appuntamento da non perdere per un pubblico che condivide la filosofia di conoscenza del territorio attraverso i suoi prodotti di qualità. Pesto e dintorni fa parte del calendario di eventi legati alla valorizzazione dell’enogastronomia ligure promossi dagli Assessorati Regionali all’ Agricoltura e al Turismo e organizzati nelle quattro province liguri: il Salone dell’Agroalimentare Ligure in provincia di Savona, Liguria da bere in provincia della Spezia e Olioliva in provincia di Imperia. Perché “Pesto” Si tratta di una Rassegna dedicata al condimento ligure per eccellenza ed ai “magnifici sette”: basilico, aglio, olio, sale, pinoli, pecorino e formaggio grana, elementi necessari ed unici per creare l’autentico pesto. Per la manifestazione sarà allestita un’area espositiva dedicata alle aziende che producono il pesto, il basilico, l’olio di oliva e gli altri ingredienti che fanno parte della preparazione del condimento I produttori presenti garantiranno i seguenti requisiti: produrre pesto, attenendosi al disciplinare di produzione; produrre olio di oliva D.o.p. O olio di oliva extravergine; produrre basilico genovese con caratteristiche idonee per la D.o.p. Perché “dintorni” Nei “dintorni” ci saranno, oltre ai prodotti che gravitano intorno al pesto, tutte quelle specialità della tradizione agroalimentare e ittica ligure: dalla pasta tradizionale, che meglio valorizza la degustazione del condimento, all’abbinamento con il vino fino ad arrivare a tutte quelle preparazioni tipiche che fanno parte della cultura gastronomica regionale. Per questo motivo all’interno di Pesto e dintorni sarà presente un’area dedicata a produzioni agroalimentari e ittiche di qualità che caratterizzano il territorio ligure. Il programma prevede esposizione e mostra di prodotti enogastronomici liguri, corsi, degustazioni di vini&prodotti a cura dell’Ais, seminari, Premio pesto e dintorni che verrà assegnato a sei categorie: Premio Speciale, Produttore di Basilico, Innovazione e Ricerca, Targa ambasciatori del pesto nel mondo, Ristoratore e Giornalista, mostre e Pesto corner (il laboratorio continuo sulla preparazione del pesto con il mortaio). Novita’ 2011: l’Auditorium del Pesto, allestito presso l’Auditorium Campodonico dove si esibiranno gli chef del “Pesto” che presenteranno le loro ricette ed il 1° Workshop tra domanda e offerta per valorizzare il basilico dop, l’olio dop ed il pesto preparato con ingredienti dop liguri. Orario della manifestazione: venerdì 7 ottobre dalle ore 15.00 alle ore 20.00 sabato 8 e domenica 9 ottobre dalle ore 10.00 alle ore 20.00 Ingresso libero  
   
   
APPUNTAMENTI DEL GUSTO IN VALLE DI SUSA - OTTOBRE 2011 - ARTE, ARTIGIANATO E SIOL- E PIENE 14ª EDIZIONE - RIVERA DI ALMESE  
 
Da giovedì 29 settembre a domenica 2 ottobre. È la nuova associazione “Siole Pien-e” ad organizzare la manifestazione, nata per valorizzare una specifica tradizione gastronomica di Almese. Quanto mai ricco il programma della manifestazione, che presenta molte novità, a cominciare dalla durata prolungata, a cavallo fra i mesi di settembre e ottobre, e dalla collaborazione con la Confederazione Italiana Agricoltori e con la locale festa della birra. Si comincia giovedì 29 settembre alle 17 con l’apertura di una mostra al Ricetto di San Mauro. Alle 21 la serata inaugurale con una tavola rotonda presieduta da esperti del settore agroalimentare, culinario e medico sulle proprietà della cipolla, accompagnata dalla degustazione a cura della Confederazione Italiana degli Agricoltori e dall’esibizione del coro “Riparia” di Almese. Venerdì 30 settembre alle 17 l’inaugurazione della mostra di Luca Germena nell’ex palazzo municipale. Alle 21 concerto della filarmonica di Rivera diretta dal maestro Giorgio Bunino. Sono, invece, organizzati per sabato 1° ottobre i concorsi “Siole pien-e” (“cipolle ripiene”) e “torte di mele”. Alle 14 passeggiata musicale con distribuzione di sonetti. In serata, il palatenda ospita un appuntamento gastronomico e un concerto a cura di “Bierfest 2007”. La sagra vera e propria si svolge domenica 2 ottobre. Alle 8.30 la Fidas di Almese organizza una donazione straordinaria di sangue presso l’emoteca mobile in Piazza della Chiesa. Alle 9 apertura della manifestazione con mercato di prodotti tipici del territorio piemontese a cura dell’associazione “Mercati e fiere”. A seguire, nella palestra della scuola primaria apertura della mostra micologica didattica a cura dell’Associazione Micologica Piemontese. Alle 10.30 messa e processione. Le iniziative proseguono nel pomeriggio, alle 14.30, con l’esibizione di scultori di legno e pietra e pittori su ceramica (palatenda). Alla stessa ora, in piazza della Chiesa si tengono giochi per bambini organizzati dall’oratorio di Rivera. Alle 15, visita guidata al borgo medievale di San Mauro. Alle 15.30 nel salone parrocchiale ha inizio la degustazione da parte del pubblico delle “siole pien-e” e delle“bignette cui pum” (frittelle di mele) accompagnate dal vino locale. In serata, concerto dei giovani della società filarmonica “Rivera” e della “giovane orchestra” dell’Istituto Comprensivo di Almese, e spettacolo teatrale “I Saltimbanki”. Alle 22 il palatenda ospita la premiazione dei concorsi gastronomici e la consegna di una targa a un artigiano della Valmessa che si sia distinto per l’attività svolta. Cosa vedere nei dintorni: ad Almese, villa romana, torre e ricetto di San Mauro. A Caselette, Villa romana. Dove dormire e/o mangiare: ad Avigliana, Ostello del Conte Rosso, Piazza del Conte Rosso, tel. 347/9313177. Fiera Franca 517ª edizione - Oulx Sabato 1 e domenica 2 ottobre. Tre le sagre che colorano i comuni valsusini nelle varie stagioni dell’anno, la Fiera Franca di Oulx è quella che vanta l’origine più antica. Nel 1494, per le strade della località altovalsusina transitarono gli eserciti di Carlo Viii diretti alla conquista del regno di Napoli. Le schiere di re Carlo imposero sacrifici enormi alla popolazione, come già era avvenuto nel 1453 al passaggio delle truppe di Renato d´Angiò. Per compensare la comunità dai danni subiti, il sovrano permise all´abitato di Oulx di tenere, ogni anno una fiera franca, libera cioè dalle tasse foranee. Nel corso del tempo la manifestazione è diventata l’occasione per promuovere e valorizzare le produzioni tipiche e tradizionali del territorio; protagonisti sono produttori agricoli, allevatori, antichi mestieri e artigiani artisti, scuole di intaglio e associazioni culturali. Sabato inizia alle 10 con l’inaugurazione dell’Iiss “Des Ambrois” a cura della Provincia di Torino. Alle 14.30 nel parco giochi comunale Odiard des Ambrois, giochi tradizionali e animazione per grandi e piccini. Concerto all’aperto. Alle 21, sempre nel parco giochi, concerto e ballo con musiche occitane. Si prosegue la domenica dalle 7 alle 10 con “Rudun e cioche” (“campanacci e campane”): i capi bovini, equini e ovi-caprini attraversano le vie di Oulx per raggiungere l’area della fiera. Alle 9 in regione Sotto la rocca si entra nel vivo con l’apertura degli stand di espositori e produttori della fiera, inaugurata alle 10.30. Alle 12 si svolge la premiazione della rassegna bovina. A seguire, pranzo rustico presso il padiglione. Alle 15, concerto all’aperto e alle 16.30 musiche e danze occitane. Per tutta la giornata animazione con gruppi tradizionali e folkloristici, artisti di teatro di strada (giocolieri, trampolieri, suonatori, trucca bimbi). Cosa vedere nei dintorni: a Oulx, chiesa di San Gregorio Magno a Savoulx, torre delfinale. A Salbertrand, Parco naturale del Gran Bosco, ecomuseo “Colombano Romean”, chiesa di San Giovanni Battista, cappella di Oulme. A Exilles, forte. Dove dormire e/o mangiare: a Salbertrand, Il Gigante e la Gallina, frazione Deveys 1, tel. 347/5078884. Antichi Sapori. Polenta E Dintorni - Bussoleno Domenica 2 ottobre. L’evento si svolge nelle vie del centro storico e raggruppa espositori enogastronomici e non solo, oltre a includere l’imperdibile appuntamento con la polentata; inoltre, nel pomeriggio il gioco del barro ricorda le tradizioni popolari della località. Dalle 8.30 in via Walter Fontan e Lungo Dora Gastaldi sono allestiti un mercatino dell’usato e padiglioni enogastronomici. Dalle ore 12.30 e per tutto il pomeriggio l’appuntamento è con la degustazione della polenta accompagnata da vari contorni. Alle 15.30, sfilata del Borgo Antico con esibizione del gioco del barro. La manifestazione è a cura della Pro Loco Bussoleno, dell’associazione Borgo Antico e delle altre associazioni del paese. Cosa vedere nei dintorni: a Bussoleno, museo Feralp, riserva dell’Orrido di Foresto. A Chianocco, riserva dell’Orrido. A Susa, museo diocesano di arte sacra, aree archeologiche e castello della contessa Adelaide, cattedrale di San Giusto. Dove dormire e/o mangiare: a Chianocco, b&b Emil, S.s. 25 Moncenisio km 43 101, tel. 338/3609798. A Susa, b&b Richi, Via Conte San Sebastiano 18 , 0122/31515; I Chiostri, Piazza San Francesco 3, tel. 0122/622548; Hotel Napoleon, Via Mazzini 44, tel. 0122/622855; Hotel Susa e Stazione, Corso Stati Uniti 4/6, tel. 0122/622226; ristorante Le Masche, Via Giaglione 3, tel. 0122/653902; Osteria della Marchesa, Via Montenero 4, tel. 0122/32803. Fiera Della Toma 22ª edizione - Condove Sabato 8 e domenica 9 ottobre. La fiera ha assunto nel corso degli anni un ruolo centrale e un rilevante significato simbolico poiché fissa l’attenzione non solo sul mondo dei prodotti caseari locali e sul principio di qualità ma anche sulla necessità irrinunciabile di conservare e valorizzare il patrimonio culturale, economico e sociale rappresentato dall’agricoltura e dall’allevamento. Sulla montagna condovese sono presenti numerose aziende agricole zootecniche stabili e sono una trentina i malgari che vi alpeggiano. Inoltre, in località “Tomba di Matolda”, presso il Collombardo, ha sede un alpeggio di proprietà comunale. L’apertura della fiera e del mercatino dell’usato è fissata per le 9 di sabato 8 ottobre, mentre dalle 10 è possibile visitare le mostre allestite nella chiesa di San Rocco e nella scuola primaria “Bertacchi”. Nel pomeriggio, a partire dalle 15, animazione e musica sul palco centrale. Alle 21 il salone parrocchiale ospita le rassegna di teatro dialettale “Fervaje ‘d bonimor”. Domenica 9 alle 9 riaprono la fiera e il mercatino dell’usato. Alle 10 in Piazza Martiri della Libertà apertura del concorso della toma con degustazioni e votazioni presso lo stand della Coldiretti. In Piazza Bugnone, apertura de “’l Cantun d’la Patata ‘d Moce”: antichi mestieri e musica tradizionale. Parte, invece, da Piazza Martiri alle 10 e alle 14.30 la navetta gratuita per la visita alle cascine, nell’ambito dell’iniziativa “Cascine aperte”. Alle 13, nell’area del mercato coperto in Piazza I Maggio, pranzo rustico. Dalle 15.30 sul palco centrale intrattenimenti per tutti con animazione, musica e danza. Infine, alle 18 saluto delle autorità e premiazione dei concorsi. Cosa vedere nei dintorni: a Condove, museo etnografico “Gente di Montagna”, cappella della Rocca, castello del Conte Verde e chiesa di San Rocco. A Chiusa di San Michele, le chiuse e la cappella di San Giuseppe. Dove dormire e/o mangiare: a Caprie, b&b L’antico Borgo, Via Coppo 28, tel. 320/4224056; b&b Pera Rionda, Via Pietra Rotonda 49, tel. 011/9644459; La Sosta Climb Café, Via Sacra di San Michele 3, tel. 011/19887110. Giornata Della Transumanza 1ª edizione Novalesa Sabato 8 e domenica 9 ottobre. Promossa dal Comune, è un’iniziativa dedicata al mestiere del pastore e intende puntare l’attenzione sul legame che la comunità novalicense ha da sempre con la montagna e gli impervi versanti che la proteggono. Domenica, dalle 9 alle 18, nei vicoli e nelle piazzette si può assistere alla lavorazione della lana in tutto il suo ciclo, a una dimostrazione della costruzione di campane e campanacci, alla produzione di formaggi locali. Nel pomeriggio, a partire dalle 15, i malgari della zona scendono dai monti con il loro bestiame e attraversano il paese risalendo lungo via Susa e via Maestra per poi ridiscendere in via Cenischia: tra gli altri, vi sono un gregge di oltre 3000 pecore (tra i più numerosi d’Italia) e una mandria di dimensioni non trascurabili. Contestualmente è stato indetto il concorso fotografico “Vita d’Alpeggio”. Le fotografie partecipanti, valutate da un’apposita giuria, sono esposte durante la giornata. La sera precedente, sabato 8, a partire dalle 21 nel salone polivalente sito in via Ghetto sono proiettati filmati e diapositive della giornalista Marzia Verona, esperta in monticazione e vita d’alpeggio. Cosa vedere nei dintorni: a Novalesa, abbazia dei S.s. Pietro e Andrea e museo archeologico, chiesa parrocchiale di Santo Stefano, museo di Arte Religiosa Alpina, museo etnografico “Vita montana in Val Cenischia”. A Moncenisio, ecomuseo delle Terre di Confine. Dove dormire e/o mangiare: a Novalesa, b&b La Ressia, via Susa 12 bis, tel. 0122/653116. A Moncenisio, polenteria La Ramasse, via Trieste 15, tel. 333/2469981, punto di ristoro Circolo 1880, via Trento 9, tel. 334/3365970. Sagra Valsusina Del Marrone 50ª edizione - Villar Focchiardo Sabato 15 e domenica 16 ottobre. È la più antica sagra d’Italia dedicata al marrone, che conferma ancora una volta la simbiosi tra il paese e i rigogliosi castagneti che lo circondano. L’organizzazione spetta alla Pro Loco e al Comune, con la collaborazione delle associazioni locali e della Coldiretti. In occasione della sagra, i castanicoltori si contendono la palma di miglior produttore, assegnata a colui che, presentando i propri cinquanta frutti di maggior pezzatura, fa registrare il peso maggiore. Alquanto prestigioso è il “Marrone d’Oro”, che ogni anno viene conferito dalla ditta Cavargna, la più antica famiglia di raccoglitori all’ingrosso di castagne in Valle, al castanicoltore che più si è distinto nella cura e nella valorizzazione del marrone: una sorta di premio alla carriera. Altro concorso legato alla manifestazione è quello delle composizioni, che premia chi esprime maggior fantasia e abilità nell’impiegare i marroni per creare personaggi e ambientazioni. Ma a registrare un vero e proprio bagno di folla durante la sagra è la distribuzione delle caldarroste, le cosiddette “brusatà”: ogni anno oltre 50.000 visitatori scelgono Villar Focchiardo per assaggiare i prelibati marroni abbrustoliti, e i “brusatairo” - i personaggi in costume tradizionale addetti alla cottura delle caldarroste nelle apposite padelle bucate a contatto diretto con il fuoco – ne distribuiscono oltre venti quintali. A guidarli le due figure chiave della festa che si rifanno a una secolare tradizione paesana: “Perù e Gepa”, ovvero “lo Desbatur” e “la Rapoloira”, colui che con lunghe pertiche batteva i ricci sugli alberi per far cadere le castagne e colei che le raccoglieva. A contorno della sagra sono previsti la degustazione di piatti a base di marroni (una qualità di castagna, tondeggiante e liscia, particolarmente adatta alla trasformazione in marron glacé) e altre specialità gastronomiche della Valle di Susa, mostre fotografiche e di pittura, convegni sulla castanicoltura e l’iniziativa “castagneti aperti”, attiva dal 2001. Grazie ad essa, i visitatori possono usufruire di un servizio navetta che consente di raggiungere i castagneti e di conoscere i produttori, che spiegano loro i segreti della coltura. Il marrone della Valle di Susa, coltivato qui fin dal 1200, è stato inserito nel Paniere dei Prodotti Tipici della Provincia di Torino e nel 2007 ha ricevuto la certificazione Igp. Cosa vedere nei dintorni: a Villar Focchiardo, certose di Montebenedetto e Banda, Parco naturale Orsiera Rocciavrè. Dove dormire e/o mangiare: a Sant’antonino di Susa, agriturismo Il Sentiero dei Franchi, Borgata Cresto 16, tel. 011/9631747. Festa Del Marrone 23ª edizione - San Giorio Di Susa Da giovedì 20 a domenica 23 ottobre. Il marrone Igp è il protagonista dell´appuntamento principale dell´autunno sangioriese nella centrale piazza Arnaldo Micellone. La manifestazione, voluta dalla locale Pro Loco, si è svolta per la prima volta in forma ufficiale nel 1989, vale a dire lo stesso anno della fondazione dell´associazione turistica. Ma la vocazione alla coltivazione delle castagne risale addirittura al 1200, e tra i tanti castagneti si ricorda il mitologico “castagneretum di Templeris”, appartenente all’ordine dei Templari, situato tra i Comuni di Villarfocchiardo e San Giorio di Susa ove, ancora oggi, vi sono le più antiche ceppaie. La festa del marrone si svolge con il duplice scopo di valorizzare la castagna di varietà Marrone e di offrire uno spazio espositivo ai prodotti agricoli e artigianali della zona. In occasione della sagra, i produttori del paese e dei centri limitrofi si cimentano nella gara del peso dei 50 marroni di pezzatura migliore per stabilire il miglior produttore dell´anno. Inoltre, è indetto un concorso mirante a qualificare il marrone anche nella gastronomia: la castagna diventa l´ingrediente principale in una speciale gara di dolci, in cui sono premiati il gusto e la composizione. Inoltre, è organizzato un concorso per le migliori confezioni a tema autunnale, in cui la parte del leone la fanno gli alunni delle scuole dell’infanzia e primaria sangioriesi. L´elemento clou della manifestazione rimane però la distribuzione delle brusatà, le caldarroste della Valle di Susa. La fiera, cresciuta negli anni, occupa spazi sempre più ampi all’interno del paese, con la piazza centrale che rimane riservata all’enogastronomia locale con i banchetti dei produttori che aderiscono al progetto “Prodotti della Valle di Susa”. Durante la Festa del Marrone non mancano poi mostre, spettacoli, dimostrazioni di antichi mestieri, serate danzanti e il pranzo a base di prodotti del territorio. Cosa vedere nei dintorni: a San Giorio di Susa, cappella di San Lorenzo. A Villar Focchiardo, certose di Montebenedetto e Banda, Parco naturale Orsiera Rocciavrè. Dove dormire e/o mangiare: a San Giorio di Susa, b&b Baita Evelina, Località Pian Vernetto 1, tel. 0122/640396. A Sant’antonino di Susa, agriturismo Il Sentiero dei Franchi, Borgata Cresto 16, tel. 011/9631747  
   
   
BARD (VALLE D’AOSTA) - OTTAVA EDIZIONE PER IL MARCHÉ AU FORT, TRA GUSTO, TRADIZIONI, CULTURA TORNA IL TRENO SPECIALE MARCHÉ EXPRESS DA TORINO TRA LE NOVITÀ, UN’AGORÀ E UNA LIBRERIA PER CONOSCERE DA VICINO I PRODOTTI - DOMENICA 9 OTTOBRE 2011  
 
Sapori e tradizioni della Valle d’Aosta tornano in vetrina nell’ottava edizione del Marché au Fort. Un’occasione per scoprire le specialità della tavola della piccola regione alpina nella più importante rassegna enogastronomica dedicata alle eccellenze della tavola valdostana. L’appuntamento è nella suggestiva cornice del Borgo e del Forte di Bard, domenica 9 ottobre 2011, su iniziativa dell’Assessorato all’Agricoltura e Risorse naturali della Regione Valle d’Aosta, dell’Associazione Forte di Bard, della Camera valdostana delle imprese e delle professioni e del Comune di Bard. Gli amanti della buona tavola e i cultori del gusto, potranno incontrare un’ottantina di produttori e conoscere da vicino la variegata offerta dell’enogastronomia valdostana. La montagna è all´origine della particolarità dei prodotti regionali. Il programma La manifestazione abbraccerà, dalle ore 9.15 alle 18.30, gli angoli più caratteristici del Borgo medievale di Bard. I visitatori potranno incontrare nel mercato i produttori e acquistare le specialità del territorio, e verranno coinvolti in degustazioni e percorsi guidati (su prenotazione). Nel corso della giornata, sono inoltre previste animazioni che vedranno protagonisti gruppi musicali e folcloristici. Presso lo stand di Poste Italiane sarà possibile effettuare lo speciale annullo filatelico realizzato per l’evento. Le novità Tra le novità di questa edizione, l’allestimento di una piccola agorà, nel cuore della borgata, denominata La Petite Place du Marché, dove si alterneranno tecnici per illustrare le peculiarità dei prodotti tipici del territorio. Chi vorrà approfondire la conoscenza delle specialità locali potrà inoltre curiosare tra gli scaffali della Libreria del Marché, uno spazio dove consultare e acquistare le pubblicazioni dedicate alla cucina e ai sapori della Valle d’Aosta. Cine Marché L’offerta di intrattenimento all’interno del Forte si arricchisce quest’anno con l’allestimento, nell’auditorium dell’Opera Mortai, del Ciné Marché. Una vera e propria sala cinematografica dove verranno proiettati alcuni dei film in concorso all’ultima edizione del Cervino Cinemountain Festival. Sapori valdostani offerti dalla Chambre Nell’intento di incentivare la conoscenza e la diffusione dei prodotti eno-gastronomici del territorio, la Chambre Valdôtaine promuove l’iniziativa, Sapori valdostani offerti dalla Chambre. I visitatori potranno usufruire di un “buono prodotti” del valore di 10 euro ogni 50 euro di spesa effettuata presso i produttori, mediante una tessera “raccolta punti” in distribuzione presso le aziende espositrici aderenti all’iniziativa. Il buono dovrà essere utilizzato presso un unico espositore e può essere ritirato presso i punti informazione presentando l’apposita tessera completata con i timbri attestanti acquisti per un ammontare di 50 euro. Escursioni guidate Nel corso della giornata, sono inoltre previste visite guidate alla scoperta del territorio circostante il Forte di Bard, in collaborazione con le Amministrazioni comunali di Hône, Bard, Donnas e Arnad. Il pubblico potrà scegliere tra una escursione verso le suggestive Goye del torrente Ayasse, nel vicino comune di Hône o una visita al Borgo medievale di Donnas, ai tipici terrazzamenti coltivati a vigneto e all’ecomuseo di Treby, dove sono conservate testimonianze della vita rurale e contadina di un tempo. E ancora, possibilità di visitare l’ecomuseo della castagna nella frazione Albard di Bard, il centro storico di Arnad, con la sua chiesa romanica e lo splendido giardino del Castello Vallaise. Gli interessati potranno iscriversi gratuitamente alle passeggiate presso il punto informativo allestito nel Borgo (area Courlet). Previsti due turni di visita con partenza alle 10.30 e alle 14.30. Per informazioni contattare lo 0125 833824. Marché Express, in viaggio verso i sapori della Valle d’Aosta Raggiungere il Marché au Fort sarà ancora più agevole. Al servizio di navette gratuito che collegherà i parcheggi periferici all’area della manifestazione, si aggiunge dopo il successo dello scorso anno, un treno speciale che da Torino Porta Nuova porterà il pubblico a Bard, con tappe intermedie a Chivasso e Ivrea. Al pubblico verranno servite sul convoglio, alcune specialità tipiche e saranno fornite tutte le informazioni sul programma della manifestazione Il viaggio in treno è gratuito ma è obbligatoria la prenotazione allo 0125 833816. I prodotti Tra le specialità del Marché, la Fontina Dop, prodotto per antonomasia dell’agricoltura valdostana ed elemento base della gastronomia locale e gli altri formaggi tipici, come il Vallée d’Aoste Fromadzo Dop, formaggio preparato con latte vaccino di due mungiture. Tra i prodotti a base di carne non possono mancare il Vallée d’Aoste Jambon de Bosses Dop, prosciutto crudo speziato con erbe di montagna, prodotto a 1600 metri di altitudine, e il Vallée d’Aoste Lard d’Arnad Dop, una complessa alchimia di acqua, sale, erbe aromatiche e spezie, sapientemente miscelate e unite al lardo. Si potranno anche degustare e comprare i rinomati vini Doc della Valle d’Aosta. Da non perdere le famose grappe e il genepì, un distillato tipicamente valdostano, prodotto con essenze particolari (artemisia glacialis e artemisia weber). Accanto ai celebri prodotti a marchio Dop e Doc, si potranno acquistare e scoprire le carni e i salumi della Vallée, senza tralasciare la vasta gamma di pani dolci, farine, confetture, piccoli frutti e mieli, le profumate erbe officinali preziosi ingredienti di tante golose ricette. Uno spazio particolare verrà per la prima volta riservato alle erbe officinali e al loro impiego non solo in cucina ma anche come ingrediente base per prodotti specifici per la cura del corpo. Cosa fare al Forte di Bard La giornata è occasione per una visita al Forte di Bard, principale centro di interpretazione delle Alpi e luogo privilegiato di comunicazione del patrimonio culturale della Valle d’Aosta. La fortezza apre al pubblico dalle ore 9.30 alle ore 19.00. All’interno sono visitabili il Museo delle Alpi, il percorso ludico Le Alpi dei Ragazzi e tre esposizioni temporanee: Joan Mirò. Poème, con oltre 190 capolavori del maestro catalano, Nuove forme nello spazio della tradizione, progetto espositivo legato al Padiglione Italia della 54esima Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia, e la personale dell’artista valdostano Giulio Schiavon, Il rumore del mondo. All’interno del Forte si può trovare inoltre l’area commerciale “Passage du Fort”, che comprende tre punti vendita: “Artigianato del Forte”, “Sapori del Forte” e la gallery fotografica “The little wild gallery”. In vendita, opere e oggettistica di tradizione, prodotti dolciari, prelibatezze enogastronomiche del territorio, immagini d’autore. I prodotti editoriali e di merchandising del Forte sono disponibili presso il book shop di fronte alla Biglietteria. Alla partenza degli ascensori panoramici, accoglie il visitatore l’Infolounge, spazio dedicato alla presentazione dell’offerta turistica della Regione Valle d’Aosta. Come si raggiunge Bard In auto: Bard è accessibile in automobile dalla Ss 26 della Valle d’Aosta e con l’autostrada A5, con uscita dai caselli di Pont-saint-martin a Sud e di Verrès a Nord, rispettivamente a circa 5 e 9 chilometri di distanza. In treno: Marché Express. In viaggio verso i sapori della Valle d’Aosta Treno speciale da Torino Porta Nuova a Hône-bard e rientro. Il viaggio in treno è gratuito ma è obbligatoria la prenotazione allo 0125 833816. Altre corse a pagamento negli orari consueti di Trenitalia con fermate a Pont-saint-martin e Verrès. Parcheggi e navette: un servizio navette gratuito collegherà i parcheggi periferici dislocati lungo la statale 26 della Valle d’Aosta, nei comuni di Bard, Hône, Donnas, Arnad, Pont-saint-martin con l’area della manifestazione. Inoltre, un trenino speciale collegherà l’area della Sagra della Castagna di Donnas in loc. Cignas, con le fermate delle navette dirette al Forte. Info: www.Regione.vda.it/agricoltura  - Associazione Forte di Bard - www.Fortedibard.it  
   
   
L´HALLOWEEN DOC SI FESTEGGIA IN ROMAGNA DA 20 ANNI! A RIOLO TERME IL 31 OTTOBRE SI CELEBRA IL CAPODANNO CELTICO SECONDO RITI E CULTURE DELLA ROMAGNA ANTICA  
 
Un po’ in tutta la penisola, seguendo la moda importata dagli Usa, in questi ultimi anni si festeggia Halloween come una sorta di “carnevale” fuori stagione. Sulle colline delle Terre di Faenza, e precisamente nella città di Riolo Terme (Ra), questo evento, invece, ripropone i riti, le maschere, il mangiare rituale, i fuochi e la cultura della Romagna di un tempo molto antico. In questa zona, infatti, secondo la cultura celtica che qui era presente, il passaggio dal mese di ottobre a quello di novembre era considerato il Capodanno. Si credeva che i morti tornassero sulla terra per “rimettere tutto a posto” dopo la conclusione del ciclo produttivo agricolo e preparassero così il successivo. Per far rivivere questa antica ed affascinante realtà, a Riolo Terme sono in programma due eventi assolutamente unici e caratteristici: la cena celtica all’interno della Sala San Giovanni (in programma sabato 22 ottobre) e la ventesima edizione della Notte di Halloween - Capodanno celtico Samhain (in programma, ovviamente, il 31 ottobre). Ancora in via di elaborazione dopo un’attenta serie di studi e di ricerche, il menù della Cena celtica, su prenotazione, rappresenta una rivisitazione (al giorno d’oggi sarebbe impensabile mangiare alcune pietanze dell’epoca!) di alcuni piatti rituali della tradizione romagnola al tempo dei Celti. Ad allietare la serata ci saranno anche spettacoli e musiche dal vivo della tradizione celtica. «…si credeva che durante la notte della vigilia, il 31 ottobre, i morti oltrepassassero le porte dell’altra dimensione e tornassero a camminare con i vivi e che anche altri esseri, benefici o maligni, potessero rendersi visibili sulla terra…». È la notte di Halloween, è la festa di Samhain, ricorrenza che suggella la fine dell’anno nuovo e dunque è simbolo di morte e rinascita contemporaneamente. Il “capodanno celtico” era, infatti, un giorno al di fuori del tempo e dello spazio, tanto da permettere agli avi ormai defunti, agli uomini viventi ed ai discendenti che dovevano ancora nascere di incontrarsi, oltre alle creature non-umane di mostrarsi al mondo. La Notte di Halloween di Riolo Terme è giunta alla 20a edizione e ha in programma molti eventi che non mancheranno di coinvolgere i partecipanti, tra rievocazioni storiche e spettacoli, tra musiche e fuochi pirotecnici. Il tutto dal tramonto fino all’alba. Nel tardo pomeriggio il centro storico e le vie più caratteristiche di Riolo Terme si trasformeranno in un villaggio celtico, tra giochi, balli, scene di vita quotidiana. Si apriranno anche il mercato con prodotti della campagna e di altri generi rigorosamente legati al tema celtico e i punti di ristoro dove sarà possibile degustare ricercate pietanze. Nel corso della serata ci saranno spettacoli tra giocolorie di fuoco, suggestive battaglie e sfide di cavalieri d’armi. Cortei di figuranti (mostri, grandi maghi, streghe) coinvolgeranno il pubblico che diventerà parte integrante e attiva della festa. Alle 22 andrà in scena lo scontro finale tra i cavalieri del Bene e le forze del Male, con l’esplosione dalla centrale Rocca del paese di fuochi artificiali che illumineranno il cielo di variopinti colori. E poi ancora balli, canti e festa. Per informazioni: 0546 71044 - www.Terredifaenza.it  
   
   
MILANO MARITTIMA: ARTIGIANALITÀ ED ESCLUSIVITÀ AL PALACE HOTEL  
 
Sabato 8 ottobre, con inizio alle ore 17.00, nei saloni del Palace Hotel di Milano Marittima, prestigioso cinque stelle di Select Hotels Collection, la catena alberghiera della famiglia Batani, si vedranno all´opera gli artigiani che mostreranno come la manualità sia un´arte. Un aperitivo a numero chiuso (è obbligatoria la prenotazione) per conoscere il mondo della produzione su misura: una calzoleria, una sartoria, un laboratorio di cuoio e un´ampia selezione di prodotti per la cura della calzatura. Si vedranno all’opera gli operatori della Calzoleria Gregorio 1945, della Sartoria Adamo De Togni, di Arte e Cuoio e di Turns – l´arte della cura della scarpa, che mostreranno, ai presenti, come si creano scarpe, capi d´abbigliamento e manufatti in cuoio con la cura e la precisione di un lavoro su misura. In mostra ci saranno creazioni uniche, in grado di valorizzare la persona che le indossa grazie alla genialità, all´esperienza e all´abilità manuale dell´artigiano. Chi ama le cose fatte a mano non potrà mancare all´incontro, aperto a tutti, ma a numero chiuso con prenotazione obbligatoria, per riscoprire il gusto di calzare un paio di scarpe rigorosamente create per il proprio piede, seguendo le tecniche più antiche della lavorazione artigianale, o indossare un vestito realizzato secondo le tre indispensabili fasi di lavorazione: la scelta del tessuto, il taglio, che vede direttamente impegnato il maestro Adamo ed infine la cucitura e le prove per rendere l´abito elemento distintivo di chi lo indossa. Infine una prestigiosa esposizione di prodotti in cuoio, (valige, borse, sandali, libri) ed una elegante e completa mostra di accessori di alta qualità per le calzature proposta da Turns l´arte della cura della scarpa. L´evento si rivolge a chi è alla ricerca dell´eccellenza come espressione del proprio vivere, appagando il desiderio di novità ed eleganza, che appartiene ad un prodotto su misura, caratterizzato da creatività, gusto ed emozioni. Per prenotazione 333 9022559 - angelo@calzoleria-online.It    
   
   
LE VIE DI GAETA - IX EDIZIONE - PERCORSO STORICO CULTURALE E GASTRONOMICO - 1/2 OTTOBRE 2011  
 
Torna dall’1 al 2 ottobre 2011 "Le Vie di Gaeta", il percorso gastronomico - culturale organizzato dall´Associazione di Promozione Sociale Gaetavola e il Comune di Gaeta con la collaborazione dell´Istituto Nautico G.caboto di Gaeta. L’iniziativa, giunta quest’anno alla Ix edizione, vuole rievocare i festeggiamenti avvenuti nell’antico “Borgo”, per la cacciata dei Saraceni dal territorio del ducato di Gaeta nel 915. La manifestazione s’inserisce tra gli eventi che celebrano il 150° anniversario dell´Unità d´Italia. Nella caratteristica Via Indipenza, sabato 1 ottobre dalle ore 17:30, le massaie proporranno il meglio della loro cucina, fatta di sapori tradizionali, antichi, ricchi di un sapore esclusivo, intriso dei luoghi e delle storie. La cucina, da sempre, rispecchia, infatti, la storia della città di Gaeta, che per il suo ruolo di porta e porto del Mediterraneo ha diffuso la cultura del mare, della pesca, degli scambi commerciali e dell’apertura alle culture, che nel Mediterraneo hanno trovato terreno fertile. La sintesi gastronomica di questa storia è una varietà incredibile di materie prime e di pietanze che sarà possibile degustare durante la manifestazione: pesce, verdure, fritti, polpette d’alici e calamari imbottiti, scongigli e polpi, le famose tielle, le olive di Gaeta, le tante preparazioni di verdure, e tanti altri cibi. Il pubblico sarà accompagnato in questo percorso da suggestioni sonore eseguite da giovani musicisti, sotto la direzione artistica di Antonio Masiello. Domenica 2, presso l´Aula Magna dell´Istituto Nautico "G. Caboto", invece, si terrà la cerimonia di assegnazione del Premio Gaetavola 2011, premio che è assegnato ogni anno, durante "Le Vie" a persone, enti, associazioni che si sono distinte per lo sviluppo di temi particolarmente cari all’associazione. A essere premiato, durante la lezione-incontro "Come nasce una colonna Sonora", sarà un Gaetano doc, il Maestro Umberto Scipione, autore della colonna sonora del film campione d’incassi del 2010 “Benvenuti al Sud”. Il Maestro, dopo la cerimonia di premiazione, illustrerà ai presenti i processi di creazione di una colonna sonora. L´incontro sarà moderato e intercalato da due storici amici del maestro quali Marina Fanfani e Amilcare Buceti. “Le Vie di Gaeta” ha l’obiettivo principale di attirare l’attenzione su tutti gli aspetti storici, artistici, culturali e della tradizione che si sono sedimentati nel corso dei secoli. Attraverso la valorizzazione delle tradizioni contadine e marinare, delle arti e dei mestieri a esse connesse, alla produzione di pietanze tipiche di cui la città è ricchissima, ma anche lavorando su aspetti socio-culturali ed economici, l’Associazione e il Comune vogliono creare un modello virtuoso per coinvolgere bambini e giovani, cittadini e turisti nella conoscenza di un passato ricco di storia, di fatiche, di valori. E al tempo stesso sensibilizzare sulla necessità di preservare il proprio patrimonio di conoscenza; infine creare i presupposti per un movimento turistico attento e consapevole, interessato alla conoscenza delle peculiarità del territorio. Ingresso libero. Info: Associazione Gaetavola - Tel. 333.1165814 - info@gaetavola.Org; Comune di Gaeta - Tel. 0771.469465 - turismo@gaeta.It; I.a.t - Ufficio Turistico Gaeta - Tel. 0771.461165; Pro Loco Gaeta - Tel. 0771.452518 - info@prolocogaeta.It   
   
   
10 BUONI MOTIVI PER ANDARE A LANZAROTE  
 

Grazie al suo clima temperato tutto l’anno, Lanzarote è chiamata Isola Fortunata. Una magnifica natura esotica, spiagge incontaminate, escursioni e sport a prezzi molto convenienti offerti dall’Hotel Hesperia Lanzarote. Magico esotismo L’isola più orientale dell’arcipelago delle Canarie si trova a solo un centinaio di chilometri dalle coste del Marocco e sorprende per la sua natura esotica subtropicale, per i numerosi vulcani e la varietà del paesaggio, che è stato definito “lunare”. La luce La luce di Lanzarote è fantastica e indimenticabile, splende sulle case bianche, sul mare blu, sulla lava nera e sul verde della vegetazione. Ottimi soggetti per fotografie che stupiranno gli amici! Proprio per la sua luce Lanzarote è stata scelta come sfondo per gli shooting delle campagne pubblicitarie moda mare di brand come Cotton Club e Yamamay. Il clima Lanzarote è stata nominata riserva della biosfera dall´Unesco per le sue particolari condizioni climatiche e naturalistiche. Ogni periodo dell´anno è adatto per un viaggio nella mite ed accogliente Lanzarote, dove la temperatura durante tutto l’anno registra un minimo di 14 e un massimo di 28 gradi. Spiagge bianche e spiagge nere Fra le numerose spiagge che costellano l’isola spiccano l’ampia ed accogliente Playa Blanca e la suggestiva Playa de Papagayo, recentemente segnalata da Tripadvisor come una delle 10 spiagge mozzafiato del mondo. Sono spiagge da sabbia fina e bianca, i fondali sono chiari e l´acqua turchese. Il mare è sempre calmo e il sito è riparato dal vento. Gli amanti del mare di scoglio troveranno invece spiagge nere caratterizzate dalla presenza di rocce laviche, come La Cerita e Playas Negra. A Lanzarote è possibile fare il bagno da giugno fino ad ottobre. Il Parco Nazionale Timanfaya Esempio perfetto di connubio tra natura e arte. Il Timanfaya è uno spettacolare parco vulcanico strutturato da Cesar Manrique, artista poliedrico, pittore, scultore, urbanista. I suoi paesaggi marziani, dai colori rosso metallico o bruno scuro, e le sue atmosfere catturarono la fantasia del regista Stanley Kubrik che vi girò alcune scene del film di fantascienza “2001 Odissea nello Spazio”. C’è anche un ristorante panoramico che regala viste mozzafiato. La sua specialità è la carne alla griglia…. Cotta direttamente al calore del vulcano sottostante! Per visitare il parco si può scegliere tra varie escursioni, anche a dorso di un cammello. Jameos del Agua È un’altra creazione di César Manrique. Visitare questa laguna di acqua salata all’interno di una grotta vulcanica percorrendo il sentierino scavato nella lava che la costeggia, osservando la specie unica al mondo di piccolissimi gamberi bianchi che la abita, con un sottofondo di musica new age, è un’esperienza molto suggestiva. L’uscita conduce ad un magnifico giardino con piscina a sfioro, terrazze, bar e ristorante. Il complesso comprende anche un auditorium scavato nella roccia dove hanno luogo manifestazioni artistiche. Abbinabile alla visita alla Cueva de los Verdes, un impressionante tunnel di lava che si snoda sotto terra per 7 Km partendo dal Vulcano la Corona fino al mare. Rispetto per l’ambiente Lanzarote ha esercitato costante controllo sul suo sviluppo turistico, grazie anche all´impegno dell´artista César Manrique (1920-1992), che è stato un sostenitore di una politica del rispetto dell´ambiente. Sull’isola si possono trovare sia animate località turistiche sia luoghi con paesaggi molto particolari, tranquilli e silenziosi. Sport Gli appassionati di sport possono giocare a golf fra lava e cactus, esplorare i bei fondali marini con il diving, praticare la pesca d’altura o il surf. Per i più attivi, l’Hesperia Lanzarote offre l’accesso gratuito alla palestra e agli impianti sportivi (tennis, padel tennis, squash). Vigneti e vino “La Geria” è la migliore zona di produzione del vino, dove si trova anche un Museo del Vino ospitato dalla “bodega” più antica delle Canarie, risalente al 1775. I depositi vulcanici che ricoprono Lanzarote hanno proprietà fertilizzanti: i coltivatori nei secoli hanno scavato centinaia di migliaia di piccoli crateri, delimitati da muretti di pietra lavica, nei quali hanno piantato le viti, creando un paesaggio unico al mondo. Il vino tipico prodotto nell’isola è la malvasia in versione seco, semi dulce e dulce, caratterizzata da un leggero sapore amarognolo detto di “picon”. Le cantine della zona offrono visite e degustazioni e non mancano ristoranti con tapas. L’hotel Hesperia Lanzarote Nella splendida zona di Puerto Calero, che vanta alcuni tra i migliori negozi e ristoranti di Lanzarote, è situato il 5 stelle Hotel Hesperia Lanzarote, proprio accanto al porto per gli yacht. Dall’hotel si accede direttamente ad una spiaggia di sabbia vulcanica dotata di un’enorme area terrazzata e di un bar, ideali per godersi il sole sorseggiando un drink e sgranocchiando uno snack. Di notte la stessa terrazza ospita un fantastico Chill Out Bar: il Lanz Beach Club. L’hotel dispone di quattro piscine. Ogni stanza è dotata di terrazzo, aria condizionata, televisione satellitare e mini bar e tutto l’hotel è coperto da una rete wi-fi. L´ampia scelta di ristoranti dell’Hesperia Lanzarote permette di cambiare locale tutti i giorni della settimana con possibilità di mangiare al coperto o all´aperto senza muoversi dall’albergo. C’è il “Botavara”, un ristorante a buffet con piatti cucinati sul momento e un diverso menu per ogni giorno della settimana; c’è la trattoria italiana “El Risco”, il bar della piscina, quello della spiaggia, quello della terrazza e un piano bar che servono tutti un’infinita varietà di cibi leggeri. Naturalmente il servizio in camera è disponibile 24 ore al giorno. L’hesperia Lanzarote offre anche di una Spa che gode di luce naturale ed è dotata di piscina interna e di Sport Club con solarium, vasca idromassaggio, sauna, bagno turco. La Spa offre un’ampia scelta di massaggi eseguiti con tecniche manuali benefiche, oltre ad una vasta gamma di trattamenti: ciotole tibetane, cristalloterapia e pietre calde laviche che sapranno infondere nuova energia. I prezzi sono ottimi: a partire da settembre fino al 23 dicembre 2011 la camera doppia standard parte da 109 euro in mezza pensione (prima colazione e cena, bevande non incluse) per due persone tasse incluse. Prenotazioni a queste speciali condizioni possono essere fatte sul sito www.Hesperia-lanzarote.com  oppure telefonando al numero +34 828 080 800. Hesperia Lanzarote fa parte di Nh Resorts (www.Nh-resorts.com ) la divisione di Nh Hotels a vocazione vacanziera. Non ci sono vacanze migliori di quelle passate in uno degli Nh Resorts! Con Nh Resorts potrete scoprire luoghi magnifici ed esclusivi, ben inseriti nel loro contesto naturale. Siano mari cristallini o città d’arte, le nostre destinazioni trasformeranno i vostri sogni in realtà. Nh è il terzo gruppo europeo di operatori alberghieri con 394 hotel e 58.844 camere in 22 paesi tra Europa, America e Africa. Attualmente la società sta costruendo 54 nuovi hotel che forniranno complessivamente più di 8.000 camere. Info: Hotel Hesperia Lanzarote - 5 stelle - Urb. Cortijo Viejo (Puerto Calero) Lanzarote (Canarie) – Spagna - Tel. +34 828080800 - Fax: +34 828080810 -hotel@hesperia-lanzarote.Com  - www.Nh-hotels.it

 
   
   
ORA IN SVEZIA: I TOUR DEI CROSTACEI  
 
Tutta la Costa Occidentale servita su un vassoio – vi aspetta un´avventura da gourmand alla ricerca dei 5 Grandi: astici, ostriche, cozze, gamberi e scampi La Svezia Occidentale è conosciuta per l´eccezionale qualità dei crostacei e del pesce pescato nelle fredde acque del Mare del Nord. Pescare ed assaporare queste fresche prelibatezze è sicuramente un buon motivo per venire a Göteborg e la sua costa, il Bohuslän. Secondo molti abitanti del luogo l´autunno è la stagione migliore per visitare questa bellissima regione della Svezia, per la calda luce dei tramonti precoci che accarezza le 8.000 isolette di granito, il gusto dei crostacei che in questo periodo è al meglio e la quasi assenza di turisti. Durante il periodo dal 26 settembre al 6 novembre la provincia della Svezia Occidentale promuove diversi tour ai crostacei quando è particolarmente facile pescare queste squisitezze. Rispondendo al quiz sul Facebook della Svezia Occidentale si può vincere uno di questi tour compresi voli, pasti, pernottamenti e attività varie! La pesca all’astice inizia quest’anno il 26 settembre e in molti paesini lungo la costa a nord di Göteborg si organizzano safari all’astice ma si può anche partecipare alla pesca di cozze, gamberi e ostriche. Le attivitá di queste escursioni consistono nell´aiutare i pescatori locali esperti a catturare i crostacei dalle profonde acque limpide, mangiare in ristorantini tipici della costa e pernottare in confortevoli stanze di alberghi dei pittoreschi villaggi di pescatori nei quali si approda. Si possono scegliere tra diversi pacchetti turistici: informazioni su www.Westsweden.com/shellfishjourney  Ecco una scelta tra questi pacchetti per andare alla ricerca dei 5 grandi: Astici e ostriche a Grebbestad: da questa zona arriva il 50 % di tutti gli astici svedesi e circa il 90 % delle ostriche svedesi! Il pacchetto astice di Everts Sjöbod comprende safari all’astice, cena a base di astice e 1 pernottamento presso l’hotel Grebbestad Fjorden: Sek 2200 a persona. C’é anche possibilità di partecipare solo al safari di 2,5 ore per Sek 850. Assaggio di ostriche: 250 Sek. Tel. +46 525 14242, www.Evertssjobod.se  Festa agli astici in Lysekil: il delizioso hotel Strandflickornas Havshotellet situtato sul mare nella cittadina di Lysekil fu costruito nel 1904. Pernottamento, cena all’astice di quattro portate nel meraviglioso paesino Fiskebäckskil al ristorante Brygghuset Krog a 10 minuti di traghetto da Lysekil: a partire da 1.556 Sek a persona. Tel +46 (0)46523-79750, www.Strandflickorna.se/engelsk/html/enindex.html  Safari all’astice nel parco nazionale marino Kosterhavet sull´isola di Sydkoster è possibile partecipare a numerose attività: safari di avvistamento della foca, safari all´astice, gite in bicicletta, escursioni in Rib-speedboat. Sugli scogli sono sistemate tinozze da bagno scaldate con fuoco a legna, pronte all´uso! Piccolo pacchetto Astice: 1 pernottamento presso hotel Ekenäs, merenda all´arrivo, pesca dell´astice e pic nic, cena di 4 portate a base di astice, bagno nella tinozza all’aperto: 2.595 sek a persona Per chi non noleggia un´auto si può arrivare in treno da Göteborg a Strömstad (2 ore) e da lì si prende il traghetto per l’isola. Tel. +46 526 20250, www.Sydkoster.se  Astice e aringhe e una notte in hotel galleggiante: il primo albergo galleggiante in Svezia Salt & Sill sull’isola di Klädesholmen, il cui ristorante è famoso tra l’altro per le loro ottime aringhe, offre un pacchetto che include una cena all’astice e 1 pernottamento nel loro confortevole hotel galleggiante: Sek 1.795 a persona. 50 minuti da Göteborg, tel. +46-304 673480, www.Saltosill.se  Ristoranti di pesce da non perdere a Göteborg : Chi partecipa a un tour ai crostacei non deve perdersi Göteborg, una città molto piacevole dove la maggior parte delle attrazioni, negozi e ristoranti sono raggiungibili a piedi. La seconda città svedese ha conquistata un’ottima reputazione a livello internazionale per la cucina innovativa a base di prodotti locali e naturalmente in questo periodo sono in tanti a servire le bontà dal mare. Il miglior posto dove acquistare queste prelibatezze a Göteborg è il mercato del pesce ”Feskekörka”, letteralmente “chiesa del pesce”, risalente al 1874, con numerosi pescivendoli e due ristoranti. Il ristorante Gabriels fisk- o skaldjursbar è gestito da Johan Malm, che è anche esperto di ostriche e campione del settore. Www.restauranggabriel.se  Altri ottimi ristoranti dove mangiare pesce e crostacei: Fiskekrogen, Lilla Torget 1, www.Fiskekrogen.se  Sjömagasinet, Adolf Edelsvärds gata 5, www.Sjomagasinet.se  Sjöbaren i Haga, Haga Nygata 25, www.Sjobaren.se/haga  Heaven 23, ristorante e skybar dell’hotel Gothia Towers- famoso per il panino ai gamberetti piú grande del Paese, http://www.Gothiatowers.com/heaven23/skybar/king-size-raksmorgas/  Come arrivare Ci sono voli non stop a Göteborg con Ryanair da Milano - Orio al Serio (Bergamo) 3 volte alla settimana e da Roma - Ciampino 3 volte a settimana e con Norwegian da Roma 2 volte alla settimana. Con Sas si raggiunge Göteborg via Copenaghen ogni giorno. Da Göteborg si possono prendere gli autobus locali di Västtrafiken o noleggiare un’auto per raggiungere le mete dei tour. Informazioni sui tour ai crostacei: www.Westsweden.com/shellfishjourney -  www.Vastsverige.com/en/shellfishjourney/articles/toute-la-cote-ouest-de-la-suede- sur-un-plateau-1/  Per scoprire Göteborg, la costa Occidentale e la loro gastronomia: www.Goteborg.com , www.Visitsweden.com/svezia/regioni-e-citta/goteborg/www.Westsweden.comwww.Vastsverige.com/en/west-sweden/articles/ten-years-of-a-taste-of-west- Sweden/ Concorso per vincere dei tour ai crostacei partecipando al quiz organizzato dall’ente del turismo della costa Occidentale sul Facebook dal 10 settembre fino al 10 ottobre 2011: http://www.Vastsverige.com/en/shellfishjourney/articles/shellfish-journey-quiz1  http://www.Facebook.com/westsweden?sk=app_220283254672879    
   
   
LUGANO: L´AUTUNNO FA FESTA - 30.09-02.10.2011  
 
La Città di Lugano, in collaborazione con l’Ente Lugano Turismo, organizza nel primo weekend di ottobre la nota Festa D’autunno Di Lugano, un modo per celebrare i prodotti tipici ticinesi e l’arrivo della nuova stagione. La Festa si svolgerà da venerdì 30 settembre a domenica 2 ottobre p.V. E andrà a concludere la lunga serie di manifestazioni all’aperto che si sono svolte nel corso dell’estate 2011. Nel classico scenario cittadino saranno aperti tutti i “mercati” dove trovare prodotti nostrani e di artigianato, vere e proprie delizie per la vista ed il palato: vini, liquori, formaggi, salumi, marmellate, dolci, ma anche opere d’arte e numerose idee-regalo. Nei famosi “grottini”, invece, dislocati su una superficie di oltre 1.200 mq, la “gastronomia popolare”, improntata da sempre sulla semplicità e sulla genuinità dei prodotti, tenterà i presenti con alcune specialità: la polenta con spezzatino o con fagioli e mortadella o con brasato, il risotto, gli gnocchi, le torte fatte in casa e tante altre bontà, accompagnate da una ricca scelta di vini, come il Merlot del Ticino. A partire da venerdì pomeriggio le strade di Lugano si animeranno di gruppi folcloristici, percussionisti, bandelle e corni delle Alpi, gli artisti daranno vita a spettacoli e intrattenimenti vari, come quelli tratti dal 29° Festival Internazionale delle Marionette, e la domenica si concluderà con il tradizionale concerto della Civica Filarmonica di Lugano al Palazzo dei Congressi. Un villaggio per bambini arricchirà, poi, le tre giornate di festa con attività creative nello stand Giocotenda in Piazza Riforma e in Piazzetta Maraini dove ci sarà il trucca bimbi e si potranno fare tatuaggi all’henné. Inoltre Lugano Turismo, in collaborazione con la Società Navigazione Lago di Lugano, offrirà sabato 1° ottobre una merenda sul battello ai più piccoli, mentre i più grandi potranno vincere una gita in barca per ammirare le bellezze paesaggistiche del lago. Info: Lugano Turismo Riva Albertolli – Palazzo Civico 6900 Lugano, Switzerland - Tel. +41(0)58 866 66 00 - Fax +41(0)58 866 66 09 - info@lugano-tourism.Ch - www.Lugano-tourism.ch  
   
   
MASSACHUSETTS: LE PIÙ BELLE STRADE SCENOGRAFICHE PER IL FALL FOLIAGE AUTUNNALE.  
 
La stagione più emozionante dell’anno per la natura è il “Fall Foliage”, ovvero L’estate Indiana, ed il Massachusetts è una meta tra le preferite con altri stati del New England. La pigmentazione del fogliame e delle fronde degli alberi di foreste, boschi, colline e valli, montagne del Massachusetts si protende fino alle coste oceaniche, da nord a sud ed è un ingrediente che rende il viaggio a dir poco spirituale. Durante il mese di Ottobre, ogni anno l’ocra, l’arancio, il giallo, le diverse tonalità brune, marroni, rosse ed oro risplendono nell’ambiente naturale dello stato e costituiscono la massima attrattiva paesaggistica. La natura allora esplode di colori, ed il Massachusetts vive un momento di magia, i viaggiatori vi arrivano da tutto il mondo e ….Scatta anche il periodo di altissima stagione. Fatte con anticipo le dovute prenotazioni per il viaggio, non c’è che da orientarsi per imboccare una delle strade più panoramiche. Nella Merrimack Valley a ridosso della Greater Boston settentrionale si imbocca la Route 2 e la 4 in direzione di Lexington, quindi la 2A che conduce al famoso ponte storico della battaglia rivoluzionaria dei patrioti contro le giubbe rosse il North Bridge, a Concord, ove sorge il Minute Man National Historical Park (http://www.Nps.gov/mima/index.htm). Il 1° ed il 15 Ottobre 2011 il ranger guida una passeggiata di 3 ore e mezza lungo il Battle Road Trail. Dal centro della piccola comunità di impronta coloniale si mantiene la corsa a sinistra per seguire la Sudbury Road che conduce fino al cuore di Sudbury, cittadina d’atmosfera rurale che risale all’’800 poco cambiata dall’epoca: il suo Historic District è un gioiellino e la storica locanda Wayside Inn vanta d’essere la più antica degli Usa, restaurata due volte da Henry Ford nel 1923 e nel 1940. Si torna a Boston sulla Us Route 20: una country road dolcissima, tra caseggiati di raffinata architettura e boschi. Sempre a nord dello stato, la regione del North of Boston offre la splendida Route 133 che si snoda lungo una strada di campagna molto “charming” che mostra il lato pittoresco con cittadine storiche di Essex, Ipswich, Rowley e Goergetown. La contea è il fulcro di botteghe d’antiquari e pesca dei molluschi, tra i quali la vongola. Fu visitata dai primo coloni europei nel 1634. Essex abbonda di bellezze e riserve naturalistiche tanto da invitare a gite in kayak sull’Essex River. La Route 1 che da Beverly porta a Newburyport viaggia tra vaste distese rurali e fattorie attraverso Ipswich: qui si trovano molteplici belle case antecedenti il 1725, la più alta concentrazione che si possa trovare negli Usa! La Route 127 costeggia il mare da Beverly a Manchester-by-the Sea, Gloucester famosa per la sua Tempesta Perfetta e su fino a Rockport, delizioso villaggio di pesca. La costa sud orientale dello stato primeggia con la città di Moby Dick, New Bedford. Si imbocca tra l’intersezione della Interstate 495 e della 95 la strada che si dirige a sud, la Interstate 495. Quindi si marcia sulla Route 140 attraverso le località di Norton e passando il Wheaton College, per arrivare a New Bedford. Da qui si può imboccare la Route 6 ad est oppure ad ovest: si scoprono angoli incantevoli , ad est ci si trova a Fairhaven mentre camminando verso ovest e proseguendo sulla Route 177 per Westport, si giunge nella zona vinicola con i vigneti. Quindi sulla Route 88 a sud si arriva alla riserva costiera di Horseneck Beach State Reservation che s’estende su circa 240 ettari di spiagge e marcite sulla Buzzard Bay con la sua spiaggia di sabbia lunga più di 3 km e battuta dalla brezze tutto l’anno: ottima per praticare windsurf. La combinazione di spiaggia oceanica ed habitat d’estuario fa di Horseneck un luogo primario di nidificazione dell’avifauna. La contea di Plymouth a sud di Boston offre atmosfere del mondo coloniale, poiché primo insediamento coloniale inglese negli Usa tanto da far parte della “mitologia”. Si imbocca la Route 24 sud, quindi la Route 104 fino a Bridgewater sul fiume Tauton, contornata da miriadi di piccoli laghi, da una splendida foresta e paludi riserve naturalistiche che hanno creato la leggenda del Bridgewater Triangle, zona piccola ma con un alto concentrato di fenomeni paranormali! Si continua con Halifax fondata degli Inglesi nel 1669. La Route 58 conduce a North Carver ove s’ammirano le distese di campi di mirtillo rosso, ormai allagati in stagione di raccolta e che mostrano migliaia di bacche rosse galleggianti. Da North Carver si prosegue a sud sulla Route 58, poi sulla 28 est per arrivare sulla Route 6 ovest e nelle cittadine di Wareham, Rochester, Marion e Mattapoisett con evidenti reminiscenze della tribù indiana dei Wampanoag, conservandone ancora un cimitero, tant’è che Mattapoisett significa “luogo di riposo”. Offre quattro spiagge, due parchi ed uno splendido faro, Ned Point Light, appartenente al National Register of Historic Places . La penisola di Cape Cod contornata da 900 km di litorale conserva una ventina di villaggi autentici, uno più delizioso dell’altro, ma la sua strada più bella è la Route 6A a nord, che scorre parallela alle sponde della Cape Cod Bay, lunga quasi 55 km . Attraversa i villaggi di Bourne, Sandwich, Barnstable, Yarmouth, Dennis, Brewster ed Orleans, ed è affiancata da alberi giganteschi e secolari che intervallano le belle staccionate bianche delle dimore. Imboccando questa “Old King’s Highway” si attraversano grandi marcite salmastre, porticcioli e campi. Probabilmente d’origine nativa indiana, s’stendeva da Plymouth a Provincetown per poi diventare un’estensione della "King´s Highway" dei coloni inglesi nel tardo Xvii secolo. E’ un gioiello poiché oltre alla sua estetica serena offre centinaia d’attrattive storiche, oltre che prestarsi a percorrerla in bici o in moto, offrendo molteplici country inns, bed & breakfast e campeggi. Il Central Massachusetts offre la campagna, una ritmica lenta e colori superbi quando si imboccano le strade meno frequentate verso il Quabbin Reservoir, il più grande bacino d’acqua dello stato. La maggior parte delle zone prospicienti il lago, accessibili solo a piedi, è ricca di fauna boschiva ed è divenuta orami luogo d’avvistamento per aquile calve, cervi, coyote, orsi neri, volpi e linci. Dalla Route 28 si segue la Route 117 fino a Stow, nel cuore dei meleti dello stato, la apple country e sede di numerosi campi da golf, ben quattro per un totale di 81 buche. Il più conosciuto é lo Stow Acres Country Club. Quindi la Route 62 sud e la ovest per Princeton. Si gira a nord per puntare verso Wachusett Mountain State Reservation. La montagna Wachusetts conserva il nome nativo indiano ed è meta di passeggiate fino alla cima, per una splendida vista di Mt. Monadnock nel New Hampshire, il Berkshires ad ovest e lo skyline di Boston ad est. A 150 metri sotto le cime, ci sono alberi che hanno dai 150 ai 370 anni in un’estensione di 89 ettari. Si torna sulla Route 62 che conduce ad ovest per Barre, quindi a sud sulla Route 32 per la Old Fornace Road. Si marcia sulla strada verso ovest fino ad Hardwick poi si prende la direzione a nord che fa il giro sul Quabbin Reservoir verso Petersham , quindi Tempeton, Gardner con i frutteti ed Ashburnhams fino all’incrocio con la Route 119. Si punta verso est per arrivare alla foresta statale di Willard Brook ad Ashby e Towsend. L’intera contea di Franklin e l’area del Greater Springfield offre le strade secondarie Route 116 e Route 9 che scorrono attraverso colline e villaggi di campagna molto pittoreschi circondati da fiumi: Conway ed Ashfield a vocazione agricola. Oppure Cummington che diede i natali al poeta ed editore William Cullen Bryant, che qui trascorreva la villeggiatura estiva nella bella dimora storica, ora museo, William Cullen Bryant Homestead. Goshen così rurale con un unico general store, un post office, una scuola elementare ed il municipio. Fino alle cittadine universitarie e storiche di Northampton ed Amherst, città natale e di vita della famosa poetessa Emily Dickinson. Strade scenografiche quali la Route 143 e 112 s’inoltrano per colline e campi coltivati toccando altri affascinanti villaggi quali Chesterfield, Worthington ed Huntington. Nella regione dell’ovest dello Stato, il Berkshires, la Route 7 nella sua interezza da Sheffield a sud, a Williamstown a nord, è un gaudio per la vista - poiché attraversa tutte le colline di villaggio in villaggio tra boschi e foreste, botteghe d’antiquari, antichi uffici postali - e per lo spirito poiché annovera alcune tra le istituzioni più importanti dell’arte. E’ la quintessenza del New England nella sua massima eleganza e liricità. Ashley Falls e Sheffield sono il meglio per un pezzo d’antiquariato, mentre Stockbridge è la Grand Dame del Berkshires, con la sua Main Street a dir poco leggendaria, ritratta in una tela dal famoso pittore Norman Rockwell di cui la più grande collezione al mondo è proprio qui conservata al Norman Rockwell Museum. Una strada splendida con antichi alberi e dimore di gran gusto, una più bella dell’altra: vale passarci un giorno intero. Più a nord, in atmosfera campestre l’Hancock Shaker Village poco fuori Pittsfield, ora museo ma un tempo comunità religiosa degli Shaker, trasuda spiritualità nella linee architettoniche dei caseggiati antichi. Ed infine, poco lontano dal confine col Vernont, la bella Williamstown, città collegiale ove sorge il tesoro dell’arte con il Clark Museum, che vale l’intero viaggio per la sua straordinarietà. Lungo il sentiero originale dei Nativi, il Mohawk Trail, si snoda oggi la Route 2 , una delle strade panoramiche più belle e famose del New England, che da Orange porta a North Adams ad ovest dello Stato, ma sempre e solo a 200 km massimo da Boston. North Adams ospita il Massmoca il più grande museo d’arte contemporanea negli Usa: un meraviglioso recupero di fabbrica dismessa che conserva pezzi eccezionali. I veri “leaf-peepers”, gli esperti del fogliame d’autunno, possono ammirare il fenomeno sostando al French King Bridge oppure al Bridge of Flowers di Shelburne Falls. Si consiglia la prima metà d’Ottobre in questa dolce regione collinare, ispirazione di artisti, poeti, scrittori e pittori e mecca prediletta degli amanti della musica. Non perdetevi l’Historic Deerfield Village con le sue splendide case storiche autentiche immerse tra i boschi, il The Channing Blake Meadow Walk, un sentiero che porta verso le fattorie ed i prati fino al Deerfield River, nonché l’antica locanda storica The Deerfield Inn, un classico country inn costruito nel 1884 e che continua ad attirare viaggiatori da tutto i mondo. Qui una pausa per un pasto alla Champney’s Restaurant & Tavern offre un rilassante riposo davanti ad un camino gustando una ricetta e sorseggiando una birra locale in un ambiente conviviale ed intimo. Info: Ufficio Turismo Massachusetts – www.Massvacation.itbostonma@themasrl.It  
   
   
VERGINI USA: ... EVENTI E COMPETIZIONI SPORTIVE - OTTOBRE E NOVEMBRE  
 
Alle Vergini Usa Ottobre e Novembre: eventi e competizioni sportive con nuoto, maratone, tornei di pesca d’altura e regate veliche.…experience the Usa Caribbean ! Ad Ottobre e Novembre 2011 le Isole Vergini americane propongono un calendario di competizioni sportive marine e non. L’arcipelago è una meta tropicale che propone fino a metà Dicembre prezzi competitivi di bassa stagione! Tra corsa, nuoto, regate e pesca le gare sono aperte anche ai visitatori. La vacanza continua: le Vergini Americane in autunno offrono l’opportunità di una vacanza tra mare, spiaggia ed eventi sportivi, sfruttando fino al 16 Dicembre prezzi che ancora s’allineano con quelli di bassa stagione. Approfittare di un evento speciale, di una competizione sportiva significa entrare nel vivo delle usanze isolane, cogliendo anche aspetti divertenti, d’intrattenimento. Con sole e temperature estive, l’arcipelago è un setting ideale per fare il pieno d’energia. A qualsivoglia livello d’esperienza si può partecipare unitamente ad atleti nazionali ed internazionali a competizioni sportive. Il 9 Ottobre 2011 si svolge la 16° Annual Coral Reef Race di 5 miglia dalle coste di Christansted fino a Buck Island National Monument, isola al largo di St.croix, monumento nazionale per la sua bellezza e…verginità naturalistica! Il Buccaneer Resort offre un pacchetto con tariffe a partire da 225 $ a notte, o il 25% di sconto per i partecipanti alla competizione natatoria diventata un appuntamento annuale organizzato dal Buccaneer Resort di St.croix, albergo di lusso con campo da golf 18 buche e Spa, oltre ad 8 campi da tennis. Vanta inoltre tre baie con tre spiagge; il resort dispone di un centro fitness – così come altre strutture dell’isola – con attrezzature per allenarsi. Www.thebuccaneer.com  Maratone in calendario il 4 Dicembre 2011: la 10th St.croix International Marathon inizia alle cinque del mattino così come la 37th Virgin Islands Half Marathon e la 6th St.croix Marathon Relay, che inizia alle sei del mattino. Quest’ultima è una competizione che prevede sei corridori per team che si misurano sulla 5, 10 e 7 km, di gara. Le corse si svolgono perlopiù lungo la costa ed il traguardo è a Frederiksted, sul molo crocieristico. La St.croix Int.marathon è organizzata da The Virgin Islands Pace Runners e consente la qualificazione ai Giochi Olimpici, ai Campionati del Mondo, alla Maratona di Boston…ed è aperta ad uomini e donne dai 18 anni http://www.Virginislandspace.org/stxmarathonraceinfo2011.htm  - American Airlines dispone di tariffe speciali per queste maratone a St.croix. Il St.croix Yacht Club organizza la 14th Annual Columbus Day Weekend Regatta Sabato e Domenica, 8 e 9 Ottobre 2011 per barche Optimists, Club 420s e Lasers. Inoltre: quella che tradizionalmente si conosceva come Mumm´s Cup Regatta ora ha cambiato nome, poiché G.h.mumm & Co é stata venduta e la sponsorizzazione della regata è ora in nuove mani, ma la competizione velica rimane sempre la stessa, dal 5 al 7 Novembre 2011 organizzata dal St. Croix Yacht Club. Vitelcellular si é proposto quale sponsor ed il distributore locale alle Vergini del marchio Mumm, Premier Wines and Spirits é in grado di offrire sufficiente campagne per il premio tradizionale che corrisponde al peso dello skipper vincitore! Anche il rum delle Vergini americane, Cruzan Rum é sponsor del Welcome Party del giovedì pomeriggio. Quindi l’unico cambiamento che i velisti debbono annotarsi é il diverso nome della regata. Infine la regata Full Moon è organizzata il Venerdì 11 Novembre alle ore 19.30 – ed il Sabato 12 Novembre alle ore 6.30. Www.stcroixyc.com Pesca d’Altura con due competizioni: il 2011 Wahoo Wind-up a St. Thomas, il 6 Novembre, 2011 a cura del Virgin Islands Game Fishing Club, 6501 Red Hook Plaza #201, St. Thomas, Vi 00802. Website: www.Vigfc.com ed il Wahoooo!!! Tournament a St.croix a cura del Golden Hook Fishing Club, St. Croix , il 12 e 13 Novembre 2011. Www.fishstx.com  Info: Ufficio Turismo Isole Vergini Americane – www.Isoleverginiusa.it  – usmailto:usvi@themasrl.It