Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 













MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web








  LOGIN


Username
 
Password
 
     
   


 
Notiziario Marketpress di Martedì 20 Ottobre 2009
 
   
  INTERVENTI AMBIENTALI: DA G.R. 1 MLN 313MILA EURO A COMUNITÀ MONTANA “UMBRIA NORD”

 
   
  Perugia, 20 ottobre 2009 - Oltre 1 milione e 310 mila euro a favore del quadro strategico “Master plan” della comunità montana “Umbria Nord” e per nuovi investimenti e interventi ambientali: è quanto metterà a disposizione la Giunta regionale, su proposta del vice presidente della Giunta e assessore all’Agricoltura Carlo Liviantoni, in attuazione del “Por-fesr” 2007-2013 (Attività b1) e della rete dei siti “Natura 2000”, il principale strumento messo a disposizione dall’Unione europea per la conservazione delle biodiversità. “Le Comunità montane - spiega Liviantoni - sono ormai diventate interlocutrici privilegiate, sia in funzione delle nuove competenze trasferite in materia di gestione delle aree naturali protette, sia per l’esperienza e le conoscenze acquisite a seguito dell’incarico da parte della Regione per la redazione dei Piani di gestione dei siti ‘Natura 2000’. I progetti finanziati - aggiunge l’assessore - sono importanti perché contribuiranno allo sviluppo economico sostenibile dei territori interessati”. In particolare, 390 mila euro verranno utilizzati per la conservazione, il restauro e la valorizzazione della zona umida dei laghi Spada e del Tevere nel sito di importanza comunitaria “Fiume Tevere tra San Giustino e Pierantonio”, 110mila per interventi di “rinaturalizzazione” della grotta del monte Cucco, 673mila 500 euro serviranno per riqualificare rispettivamente i corsi d’acqua nei comuni di Costacciaro, Fossato di Vico, Scheggia e Pascelupo, Sigillo e il sito degradato alla confluenza dei corsi d’acqua San Martino e Doria, sempre nel comune di Sigillo. Altri 140mila euro saranno messi a disposizione dei territori di questi ultimi comuni per riqualificare i fontanili e gli invasi artificiali in aree di particolare interesse naturalistico. .  
   
 

<<BACK