Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 













MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web








  LOGIN


Username
 
Password
 
     
   


 
Notiziario Marketpress di Lunedì 19 Ottobre 2009
 
   
  LA “TOSCANA CHE VA” TRENI, PIÙ VICINO L´OBIETTIVO DI 500 MILA PASSEGGERI AL GIORNO IL CONFRONTO CONTI-MORETTI 30 MILIARDI DI INVESTIMENTI DAL 2000

 
   
  Firenze, 19 ottobre 2009 - «Ho un sogno: spero che nel 2015 si possa parlare di eccellenza toscana anche nei trasporti e nelle infrastrutture». Così l´assessore ai trasporti e alle infrastrutture della Regione Toscana, Riccardo Conti, il 15 ottobre ha dato il benvenuto a Mauro Moretti, amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato, con cui si è confrontato nel primo incontro de “La Toscana che va”, manifestazione svoltasi alla Fortezza da Basso in occasione della Iv° edizione del Festival della Creatività. Si parlava di treni e pendolari. «Il nostro obiettivo di 500. 000 viaggiatori al giorno in treno diventa sempre piùrealizzabile – prosegue l´assessore Conti intervistato da Alan Friedman – grazie al tunnel appenninico tra Toscana ed Em ilia, alla piattaforma logistica toscana che vuol dire massima integrazione fra tutti i sistemi di trasporto e tutte le infrastrutture di trasporto, e quindi porti, aeroporti, interporti, ma anche la navigabilità dello scolmatore dei Navicelli, le strade, le ferrovie integrate fra la costa e l’area metropolitana centrale. Stiamo lavorando nell´ottica di una logistica economica, ma anche creativa, innovativa, in cui viene incentivato lo sviluppo di imprese sul territorio e il business sfruttando il know how toscano e le infrastrutture, siano esse la piattaforma logistica, il nodo dell´Alta velocità o il Corridoio Tirrenico. Facendo un bilancio dei cinque anni di governo credo sia stato importante investire sul sistema ferroviario. Abbiamo migliorato quel deficit infrastrutturale che pesava sul nostro territorio, abbiamo investito 30 miliardi dal 2000 ad oggi, di cui 17 soltanto in infrastrutture, generando ogni anno un indotto di 15. 000 nuovi posti di lavoro. Il tema sarà approfondito sabato. E mi auguro che la Toscana da terra di passaggio diventi nodo centrale in Italia e che il sistema infrastrutturale possa diventare un´eccellenza, così come siamo riusciti a fare nella politica del territorio». «In questo quadro – conclude Conti - il nodo di Firenze rimane ancora aperto e la discussione anche. A gennaio dal tunnel dell´Appennino arriveranno i treni ad alta velocità: vorrei che in contemporanea siano aperti i lavori su Firenze, perché la Toscana sia dentro l´Europa e dentro il progetto Alta capacità. » L´incredulo Friedman è stato confortato sui numeri anche da Moretti che ha ribadito per la Toscana la possibilità di raddoppiare i suoi servizi e quindi gli utenti serviti. «Le possibilitàtecniche e la logistica lo permettono - ha osservato Moretti - Liberando i binari di superficie si potenzierà il traffico pendolare e la s tazione di Santa Maria Novella diventeràuna stazione dedicata al traffico regionale, a vantaggio di tutta la maglia del servizio toscano». .  
   
 

<<BACK