Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 













MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web








  LOGIN


Username
 
Password
 
     
   


 
Notiziario Marketpress di Martedì 20 Ottobre 2009
 
   
  EDISON: DICHIARAZIONE CONGIUNTA ITALIA-TURCHIA ACCELERA GASDOTTO ITGI

 
   
  Milano, 20 ottobre 2009 – Il Ministro italiano per lo Sviluppo Economico Claudio Scajola e il Ministro turco per l’Energia Taner Yildiz hanno firmato ieri una dichiarazione congiunta relativa al progetto Itgi (Interconnector Turkey-greece-italy) promosso da Edison insieme alla società energetica greca Depa, in collaborazione con la società turca Botas. La dichiarazione conferma la valenza strategica del progetto come rapido strumento per lo sviluppo del Corridoio Sud di approvvigionamento di gas dall’area del Mar Caspio verso l’Europa attraverso la Turchia. Facendo seguito all’accordo intergovernativo del luglio 2007, i ministri hanno ribadito l’impegno a supportare la finalizzazione, entro la fine dell’anno, degli accordi tra Edison e Botas necessari per l’avvio della realizzazione del gasdotto. Inoltre, il governo della Turchia conferma l’impegno a garantire al progetto Itgi condizioni di transito tali da assicurarne la competitività. “La firma di oggi conferma il sostegno politico al progetto Itgi e il suo ruolo di apripista del Corridoio Sud”, ha dichiarato Umberto Quadrino, Amministratore Delegato di Edison. “Il progetto rappresenta l’opzione più avanzata e concreta per assicurare all’Europa l’accesso alle risorse del Mar Caspio e in particolare quelle di Shah Deniz 2 dell’Azerbaigian. Il gasdotto Itgi consentirà al nostro Paese e all’Europa di importare 10 miliardi di metri cubi di gas naturale all’anno dalle aree del Mar Caspio e del Medio Oriente attraverso la Turchia e la Grecia. Il progetto Turchia-grecia-italia si articola in tre sezioni: la rete nazionale dei gasdotti turca, che sarà potenziata al fine di consentire il transito dei volumi destinati ai mercati greco e italiano; l’interconnessione Turchia-grecia (Itg), operativa già dal novembre 2007 e il gasdotto Grecia-italia (Igi). Il gasdotto Igi sarà lungo circa 800 chilometri, di cui circa 600 saranno realizzati da Desfa (società controllata da Depa e proprietaria delle rete di trasporto in Grecia) in territorio greco e circa 200 da Edison e Depa, tramite la joint venture paritetica Poseidon, nel tratto marino tra la costa greca e quella pugliese. L’itgi comprenderà inoltre una bretella tra la Grecia e la Bulgaria (Igb - Interconnector Greece-bulgary) con una capacità di trasporto dai 3 ai 5 miliardi di metri cubi di gas all’anno. L’unione Europea ha riconosciuto la rilevanza strategica di Itgi come Progetto d’Interesse Europeo inserendolo nei progetti per lo sviluppo del Corridoio Sud dell’European Recovery Plan con una proposta di finanziamento di 100 milioni di Euro. Itgi (Interconnector Turkey-greece-italy) Itgi è la nuova infrastruttura di rilievo europeo che collegherà le aree del Mar Caspio e del Medio Oriente dove si trova oltre il 20% delle riserve mondiali con l’Italia attraverso la Turchia e la Grecia. Il gasdotto, che si prevede entri in funzione a partire dal 2015, consentirà all’Italia e all’Europa di importare circa 10 miliardi di metri cubi di gas naturale all’anno. Il corridoio di transito Turchia-grecia-italia si articola in tre sezioni: la rete nazionale dei gasdotti turca (Turkish grid), che sarà potenziata al fine di consentire il transito dei volumi destinati ai mercati greco e italiano • l’interconnessione Turchia-grecia (Itg), completata nel 2007, con una capacità di trasporto di circa 11,5 miliardi di metri cubi di gas all’anno • il progetto di interconnessione Grecia-italia (Igi) con una capacità di trasporto di circa 8 miliardi di metri cubi di gas all’anno. Il gasdotto Igi sarà lungo circa 800 chilometri è si compone di: Igi Poseidon (200 km, nel tratto marino tra la costa greca e quella pugliese, sarà costruito da Edison e Depa, tramite la joint venture paritetica Poseidon) ; Igi Onshore (600 km, da realizzare in territorio greco a cura di Desfa, società controllata da Depa e proprietaria delle rete di trasporto in Grecia) . L’itgi comprenderà inoltre una bretella tra la Grecia e la Bulgaria chiamata Igb (Interconnector Greece-bulgary) con una capacità di trasporto dai 3 ai 5 miliardi di metri cubi di gas all’anno. L’unione Europea ha riconosciuto la rilevanza strategica di Itgi come Progetto d’Interesse Europeo inserendolo nei progetti per lo sviluppo del Corridoio Sud dell’European Recovery Plan con una proposta di finanziamento di 100 milioni di Euro. Un progetto strategico per l’Italia e l’Europa La realizzazione del metanodotto Itgi consentirà: di migliorare la sicurezza dell’approvvigionamento del gas al mercato italiano e europeo attraverso l’accesso a fonti multiple e diversificate • di ridurre la dipendenza da un singolo fornitore principale e da un singolo paese di transito • di ridurre l’import dalla Russia e dal Mar del Nord aumentando così la disponibilità per i consumatori dell’Europa Centro Orientale • permettere l’implementazione di meccanismi di solidarietà in caso di interruzione delle forniture in Grecia o Europa dell’Est attraverso la connessione alle molteplici rotte di importazione gas dell’Italia e all’ampia capacità di stoccaggio verso questi mercati Edison e Depa hanno ottenuto per conto di Poseidon da parte del governo italiano e a seguito del parere positivo espresso dall’Ue nel 2007, il diritto di poter utilizzare interamente la capacità iniziale di trasporto della sezione offshore del metanodotto Igi, ottenendo l’esonero per un periodo di 25 anni dall’obbligo di consentire l’accesso all’infrastruttura da parte di operatori terzi. Le due società si sono inoltre impegnate ad aumentare la capacità di trasporto del gasdotto, rendendola disponibile per l’accesso a terzi attraverso una procedura di open season, e a incrementare i volumi di gas offerti al Punto di Scambio Virtuale italiano, contribuendo così allo sviluppo della Borsa del gas. Edison e Depa hanno già avviato negoziati con alcuni Paesi produttori dell’area del Mar Caspio, e con quelli interessati dal transito del gasdotto, volti ad assicurare le forniture di gas naturale al nuovo metanodotto. Accordi intergovernativi 2005 - Accordo Intergovernativo tra Italia e Grecia per lo sviluppo del gasdotto Igi fra i due paesi che sarà realizzato da Edison e dalla greca Depa. 2007 - Accordo intergovernativo tra Italia, Grecia e Turchia per supportare l’attività dei soggetti industriali coinvolti nella realizzazione delle infrastrutture, costituendo un comitato di coordinamento intergovernativo con il compito specifico di monitorare e facilitare la realizzazione delle diverse tratte del corridoio Turchia-grecia-italia, anche al fine di accelerarne i tempi di realizzazione. 2007 - Protocollo di intesa tra Italia e Azerbaijan che prevede la costituzione di un comitato di coordinamento intergovernativo con il compito specifico di monitorare e supportare la definizione dei contratti commerciali per la fornitura del gas tra Socar e Edison. .  
   
 

<<BACK