Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 













MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web








  LOGIN


Username
 
Password
 
     
   


 
Notiziario Marketpress di Martedì 15 Dicembre 2009
 
   
  SANITA´ INLOMBARDIA, FORMIGONI: OTTIMO MIX PUBBLICO-PRIVATO

 
   
  Milano, 15 dicembre 2009 - La Lombardia non è la Regione italiana con la maggior presenza del privato in sanità - si classifica al settimo posto dopo Calabria, Lazio, Campania, Emilia Romagna, Sicilia e Abruzzo - ma è quella "in cui si realizza il miglior mix tra pubblico e privato". In sintesi è "il sistema che funziona meglio": il privato svolge un ruolo "importante" e il settore pubblico mantiene un ruolo "da protagonista". E´ quanto ha ribadito il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, intervenendo ieri mattina all´incontro di presentazione del volume "La sanità della Lombardia - Il sistema sanitario e l´attività ospedaliera nel periodo 2003-2008" e del Rapporto sull´attività ospedaliera in Italia e in Lombardia anno 2009, realizzato da Aiop (Associazione Italiana Ospedalità Privata). Al dibattito hanno partecipato anche l´assessore alla Sanità della Regione Lombardia, Luciano Bresciani, Gabriele Pellissero (curatore del volume e presidente di Aiop Lombardia), Beniamino Caravita di Toritto (Università la Sapienza di Roma) e Luca Ricolfi (Università degli Studi di Torino). "Le strutture private presenti in Lombardia - ha proseguito Formigoni - sono di assoluta eccellenza, quasi tutte hanno il pronto soccorso e comunque garantiscono l´intera gamma delle cure e hanno un elevatissimo case mix, cioè l´indice di complessità delle patologie trattate in ospedale". "La qualità del sistema lombardo - ha sottolineato il presidente - è testimoniata dal nostro indice di attrattività, che si conferma di gran lunga il migliore da sette anni a questa parte". Il saldo tra ingressi e uscite è infatti per la Lombardia di oltre 68. 000 unità annue, cifra superiore del 70% rispetto alla seconda regione, l´Emilia Romagna e quasi 4 volte superiore rispetto alle terze, Toscana, Lazio e Veneto. Formigoni ha anche ricordato la "progressiva riduzione dei tassi di ospedalizzazione" e il "perfezionamento del sistema dei controlli". Fin dal 2004 Regione Lombardia ha controllato un numero di cartelle pari a circa il triplo della percentuale del 2% stabilita dalla normativa nazionale. Con il 2009 è stata raggiunta una soglia di controlli pari al 10% delle prestazioni erogate sui ricoveri e al 3,5% sulla specialistica. Sempre in tema di appropriatezza, è stato inoltre introdotto nel 2009 l´accreditamento dinamico o a termine: in sostanza viene superata la logica dell´accreditamento a tempo indefinito per tutte le strutture, collegandolo invece a verifiche triennali sul rispetto del mantenimento di alti livelli qualitativi. Formigoni ha infine annunciato alcuni dei progetti per il 2010: mantenimento delle attuali fasce di esenzione ticket (70% delle prestazioni e più del 60% delle prescrizioni farmaceutiche); potenziamento con ulteriori risorse delle aree di maggior fabbisogno finanziario; realizzazione di alcuni progetti-pilota sperimentali per poi introdurli gradualmente su scala più vasta. Tra questi il presidente ha ricordato: dote sanitaria; digitalizzazione delle cartelle ciniche; assistenza domiciliare dei pazienti cronici tramite supporto informatizzato di rilevazione via web; potenziamento delle attività di monitoraggio costante dei tempi di attesa; replica del finanziamento regionale di 7 milioni di euro destinato alla ricerca indipendente. Nel suo intervento l´assessore Bresciani ha invece puntato l´attenzione sullo sviluppo tecnologico, ricordando il progetto regionale di messa in rete delle 6 Facoltà di Medicina delle Università, che hanno 14 macro aree di ricerca, 119 aree di ricerca e oltre 1. 200 prodotti certificati, "con lo scopo di creare un potente sistema di ricerca e sviluppo, coinvolgendo l´industria e Finlombarda per la parte finanziaria". .  
   
 

<<BACK