Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 













MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web








  LOGIN


Username
 
Password
 
     
   


 
Notiziario Marketpress di Martedì 15 Dicembre 2009
 
   
  CARCERI IN LOMBARDIA, FORMIGONI PROPONE TAVOLO PERMANENTE STRUMENTO PER AFFRONTARE PROBLEMI DELLA POLIZIA PENITENZIARIA

 
   
  Milano, 15 dicembre 2009 - Istituire un tavolo periodico per affrontare e risolvere le criticità della Polizia penitenziaria. L´idea, presentata dal presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni al convegno "Polizia penitenziaria: quale identità?" è stata favorevolmente accolta dagli altri partecipanti al dibattito. Erano presenti, tra gli altri, il sottosegretario alla presidenza della Regione Lombardia, Antonella Maiolo, il procuratore aggiunto del Tribunale di Milano, Alberto Nobili, il provveditore regionale dell´amministrazione penitenziaria, Luigi Pagano e il segretario generale della Uil penitenziari, Eugenio Sarno. "Le leggi e i provvedimenti migliori presi da Regione Lombardia - ha detto il presidente Formigoni - sono quelli nati e sviluppati dopo un confronto con gli operatori del settore. Per questo per affrontare le problematiche della polizia penitenziaria, un settore di grande professionalità e di grande umanità, Regione Lombardia si impegna a istituire un tavolo periodico per condividere le esperienze e trovare delle soluzioni". L´idea è stata subito condivisa dagli altri protagonisti del dibattito e in particolare dal sottosegretario Antonella Maiolo che ha ricordato quanto finora fatto da Regione Lombardia per il mondo delle carceri. "Regione Lombardia - ha detto - con la legge numero 8 del 2005 si è dotata di uno strumento che affronta una serie di interventi che vanno dall´accoglienza abitativa temporanea a percorsi di formazione e lavoro al reinserimento sociale e familiare, ma in accordo con Unioncamere, Confindustria e Confcooperative ha avviato il progetto sulla Responsabilità sociale d´impresa nell´accesso al lavoro delle persone in esecuzione penale impegnando 35. 000 euro sui 68. 000 complessivi". A proposito di reinserimento i carcerati lombardi saranno coinvolti in progetti lavorativi in vista di Expo 2015. Il protocollo d´Intesa sarà firmato domani con il ministro della Giustizia, Angelino Alfano e il presidente di Expo 2015, Lucio Stanca. Il convegno è servito anche per ricordare i numeri del mondo carcerario: in Lombardia sono presenti 8. 900 detenuti il 24% dei quali in attesa di giudizio e 5. 100 agenti di Polizia penitenziaria, 650 dei quali impegnati negli uffici della pubblica amministrazione e quindi non a disposizione degli istituti di pena. .  
   
 

<<BACK