Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 













MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web








  LOGIN


Username
 
Password
 
     
   


 
Notiziario Marketpress di Lunedì 24 Maggio 2010
 
   
  DISCARICHE: SI´DELLA REGIONE ABRUZZO ALL´INVASO DI GRASCIANO PROVINCIA TERAMO ORA AUTOSUFFICIENTE

 
   
  Pescara, 24 maggio 2010 - La Conferenza di servizio convocata dalla Regione Abruzzo per il rilascio definitivo dell´Autorizzazione integrata ambientale (Aia) ha approvato il 20 maggio la discarica per rifiuti non pericolosi presentata dalla Sogesa Spa di Notaresco (società operativa del Cirsu Spa a prevalente capitale pubblico operante nel settore della gestione dei rifiuti) e che dovrà sorgere in località "Casette di Grasciano" nel Comune di Notaresco (Te). "Con questo invaso - ha spiegato l´assessore allAmbiente, Daniela Stati - oltre a quello già autorizzato per Atri, la Provincia di Teramo potrà, una volta avviate le attività, far fronte in modo autosufficiente alle esigenze di smaltimento dei rifiuti urbani dei Comuni del proprio territorio, uscendo dopo anni, direi finalmente, dalla grave crisi di insufficienza delle volumetrie disponibili e dalle conseguenti situazioni di emergenza ambientale nel settore che si sono create in questi anni". La discarica, che aveva avuto pochi giorni prima il via libera anche dal Comitato regionale Via, ha una capienza di 485.000 m. Sarà prioritariamente adibita al conferimento di rifiuti urbani ed assimilati dei n. 6 Comuni del comprensorio Cirsu Spa e di quelli dell´Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Teramo (Ato n. 1). La discarica sarà a servizio delle attività del polo tecnologico di compostaggio del Cirsu Spa. Inoltre potranno essere conferiti rifiuti speciali non pericolosi derivanti da attività imprenditoriali nei confronti di terzi della Sogesa Spa. "Il settore rifiuti della Regione ? conclude l´assessore Stati - soffre da anni dell´insufficienza impiantistica di smaltimento, che non aiuta a dispiegare e valorizzare pienamente i nostri programmi sul riciclo e sul recupero energetico, ma con le autorizzazioni rilasciate ultimamente (Atri mc 90.000 ? Gioia dei Marsi 350.000 mc ? Sulmona 2° lotto 75.000 mc ? Notaresco mc 485.000), si può affermare che si sta uscendo, presumibilmente entro l´anno in corso, dal tunnel della crisi. Nel frattempo stiamo chiedendo la collaborazione anche ad altre Regioni".  
   
 

<<BACK