Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 













MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web








  LOGIN


Username
 
Password
 
     
   


 
Notiziario Marketpress di Lunedì 24 Maggio 2010
 
   
  TERMOVALORIZZATORI: LETTERA DI LOMBARDO A BERLUSCONI

 
   
  Palermo, 24 maggio 2010 - Sulla questione che riguarda la realizzazione di termovalorizzatori in Sicilia, il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, ha scritto al presidente del Consiglio dei ministri, Silvio Berlusconi. Lombardo, ai sensi del dettato del terzo comma dellŽarticolo 21 dello Statuto, chiede infatti di partecipare alla discussione e al voto sullŽargomento, in Consiglio dei ministri, ritenendo che la materia sia tra quelle di sicuro interesse della Regione. Nel ringraziare il presidente del Consiglio per lŽattenzione e la cura dimostrate nei confronti della Regione siciliana, Lombardo riassume nella sua nota il percorso che ha portato il governo regionale alla definizione di un nuovo piano di raccolta e smaltimento dei rifiuti. Un percorso - scrive il Presidente - di risanamento dei guasti consumati negli anni in cui la gestione dei rifiuti eŽ stato il luogo in cui "gli interessi criminali si sono saldati alle disfunzioni organizzative". Esempio canonico di questa sintesi - scrive il Presidente della Regione - eŽ la gara per la realizzazione dei quattro termovalorizzatori, bocciata dalla Corte di giustizia europea. Non cŽeŽ - continua Lombardo - una ostilitaŽ preconcetta rispetto allŽadozione di una congrua soluzione tecnologica. In questo senso lŽAssemblea regionale ha, con voto unanime, previsto con la legge regionale n.9, approvata lo scorso 8 aprile, il ricorso a trattamenti di incenerimento dei rifiuti che garantiscano le prescrizioni della direttiva comunitaria 2008/98/Ce. Per definire la questione - conclude Lombardo - potrebbe essere utile un confronto e una determinazione in Consiglio dei ministri, cosiŽ come previsto dallo Statuto regionale.  
   
 

<<BACK