Dati Editore | Chi Siamo | Redazione | Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 














MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web








  LOGIN


Username
 
Password
 
     
   

P.I. 12573730152


 
Notiziario Marketpress di Giovedì 10 Maggio 2012
 
   
  STRANIERI "IN GIOCO" IMPARANO A VIVERE IN ITALIA

 
   
  Milano, 10 maggio 2012 - Un kit per favorire lŽintegrazione dei cittadini stranieri attraverso la forma del gioco, uno strumento realizzato in 600 copie e distribuito ai docenti dei corsi dŽitaliano e alle associazioni ed enti che si occupano dŽintegrazione. ŽCittadini in GiocoŽ è stato presentato ieri dal presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni, dallŽassessore alla Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà sociale Giulio Boscagli, dal segretario generale della Fondazione Ismu (Iniziative e studi sulla multietnicità) Vincenzo Cesareo e dal direttore editoriale di Carthusia Patrizia Zerbi. Progetto Vivere In Italia - "Cittadini in gioco - ha detto il presidente Formigoni - fa parte del progetto ŽVivere in Italia. LŽitaliano per il lavoro e la cittadinanzaŽ. Avviato nel giugno 2011 per promuovere la formazione linguistica dei migranti, vuole delineare un quadro di riferimento per Comuni, Province, scuole, istituti di formazione professionale e mondo delle associazioni, volto allo sviluppo di unŽofferta integrata di servizi su lingua italiana, educazione alla cittadinanza e orientamento al lavoro. Realizzata in collaborazione con Anci Lombardia, Ufficio scolastico regionale, Fondazione Ismu, Galdus, Caritas e Enaip, questa iniziativa si è classificata al primo posto tra i progetti italiani presentati in sede europea, ottenendo un finanziamento di oltre 822.000 euro". Linee DŽazione Del Progetto - "Il progetto - ha sottolineato lŽassessore Boscagli - si muove attraverso 5 linee dŽazione, che affrontano il tema dellŽintegrazione attraverso una prospettiva totale e lŽimplementazione della rete dei soggetti coinvolti". Queste le 5 linee dŽazione: 1 - Azione di sistema: implementazione delle reti. Sono state attivate 12 équipe territoriali a livello provinciale con la presenza dei referenti locali per ciascun partner, dei rappresentanti degli Uffici scolastici territoriali, degli Osservatori provinciali sullŽimmigrazione, delle Prefetture e dellŽAnci. Tali équipe sono seguite da tutor che fanno riferimento direttamente alla Cabina di regia del progetto; 2 - Corsi di italiano L2 su tutto il territorio lombardo; 3 - Formazione e qualificazione dei docenti di italiano L2 della Regione Lombardia; 4 - Produzione di materiali didattici, in particolare: un vademecum informativo sul test di lingua di livello A2; un eserciziario contenente 20 schede di simulazione del test di italiano; un kit gioco per lŽinsegnamento dellŽeducazione civica, contenente un repertorio di domande da utilizzare per la verifica delle competenze minime di educazione alla cittadinanza; 5 - Informazione e coinvolgimento delle comunità immigrate. Sono stati organizzati, in tutte le province lombarde, 24 seminari di informazione sulla nuova normativa e di promozione sulle opportunità formative del progetto dedicati alle associazioni di stranieri. Cittadini In Gioco - Il kit, realizzato in collaborazione con la Fondazione Ismu e Carthusia, è uno strumento che, attraverso il gioco e lŽapprendimento collettivo, permette di imparare facilmente valori, leggi, pratiche del Žvivere in ItaliaŽ, accompagnando lo straniero nel suo percorso di integrazione. Le 600 copie realizzate saranno distribuite ai docenti e a tutti i soggetti che hanno contribuito alla realizzazione del progetto nel corso del Seminario di presentazione presso lŽAuditorium Gaber di Palazzo Pirelli. Le Iniziative Regionali - "In questi 5 anni - ha spiegato Boscagli - sono state realizzate, in tutta la regione, attraverso la sperimentazione ŽCertifica il tuo italianoŽ e il progetto ŽVivere in ItaliaŽ, 1.191 corsi di Italiano L2 per adulti, che hanno coinvolto 19.935 utenti stranieri. I corsi sono suddivisi in diversi livelli specifici per le diverse utenze. Un risultato importante, se si considera che oltre il 70 per cento dei partecipanti ha conseguito la certificazione linguistica secondo gli standard del Quadro Europeo Comune delle Lingue". Osservatorio Regionale - "Da 12 anni - ha concluso Formigoni - ci siamo dotati di uno specifico Osservatorio regionale, che cerca di fornire strumenti e conoscenze per governare e gestire il fenomeno immigratorio. Il Rapporto presentato questŽanno dice che la Lombardia ospita un quarto degli stranieri in Italia, contandone 1 milione e 300.000". EŽ stato registrato un forte calo di irregolari, il che permette di parlare di unŽimmigrazione matura.  
   
 

<<BACK