Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 













MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web








  LOGIN


Username
 
Password
 
     
   


 
Notiziario Marketpress di Giovedì 15 Novembre 2012
 
   
  PROGETTO EUROPEO FABULOUS A PAVIA SI STUDIANO CIRCUITI OTTICI PER INTERNET PIÙ VELOCE

 
   
  Pavia, 15 novembre 2012 - Si chiama Fabulous e ha un´ambizione: realizzare nuovi dispositivi fotonici a basso costo che, tramite la fibra ottica, porteranno in tutte le case e negli uffici una connessione internet che funziona alla velocità di 1 Gigabit al secondo, cioè circa 100 volte più veloce rispetto alle connessioni attuali. In pratica, televisione in alta definizione accessibile a tutti e sistemi evoluti audio‐video per comunicare tramite il Pc o il telefono. Finanziato dall’Unione Europea con 3 milioni di euro nell´ambito del 7° Programma Quadro, il progetto “Fabulous” è partito a ottobre e vede l’Università di Pavia in primo piano nell’attività di ricerca. I gruppi di ricerca coinvolti appartengono al Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell’Informazione e del Dipartimento di Fisica (guidati rispettivamente da Ilaria Cristiani e Lucio Andreani). Avranno il compito di progettare e testare alcuni componenti chiave dei nuovi dispositivi fotonici in silicio. Partner del progetto anche lo Studio di Microelettronica di Stmicroelectronics, che da anni opera in stretta sinergia con i dottorandi e i ricercatori della facoltà di Ingegneria sotto la guida scientifica del professor Francesco Svelto. Non solo Tv ad alta definizione però: lo sviluppo dei dispositivi allo studio potrà rendere più efficace e accessibile anche il telelavoro, favorendo inoltre lo sviluppo della filosofia di accesso e immagazzinamento delle informazioni di tipo "cloud", ossia la nuvola di dati personali o professionali a cui si può accedere dovunque ci si trovi. Il finanziamento che arriverà ai partner operanti nell’area di Pavia ammonta a 558 mila € (sui circa 3 Milioni di Euro totali stanziati per il progetto nell’arco di 3 anni) e verrà impiegato per acquistare strumentazione scientifica e coprire i costi dei giovani ricercatori che collaboreranno al progetto. "Il progetto nasce grazie alla grande sinergia tra tecnologie microelettroniche e fotoniche che si sta sviluppando a livello mondiale", spiega Ilaria Cristiani che coordina il team dell’ateneo pavese. "Pavia è in una posizione fortemente avvantaggiata, poiché possiede gruppi che lavorano ad altissimo livello in entrambi i settori, con importanti collaborazioni internazionali attraverso cui è nata l´idea complessiva del progetto". Le tecnologie fotoniche su silicio sono i settori emergenti del nuovo millennio, tanto che un colosso mondiale della microelettronica come St ha confermato il proprio interesse per questa nuova filiera. Il team del progetto comprende, oltre all’Università di Pavia e a St, anche l’Istituto Mario Boella di Torino (coordinatore globale del progetto), il Politecnico di Torino, France Telecom, Cea Leti e Alcatel‐thales Iii‐v Labs, e l’istituto di ricerca Tyndall in Irlanda.  
   
 

<<BACK