Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 













MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web








  LOGIN


Username
 
Password
 
     
   


 
Notiziario Marketpress di Lunedì 20 Aprile 2015
 
   
  CONGRESSO INTERNAZIONALE DI DERMATOLOGIA PEDIATRICA ACNE - IL DISTURBO DELLA PELLE PIÙ FREQUENTE IN ETÀ PEDIATRICA: PRESENTE GIÀ IN ETÀ NEONATALE RAGGIUNGE UN PICCO NEGLI ADOLESCENTI (FINO ALL’87%) NUOVI TRATTAMENTI EFFICACI SENZA L’IMPIEGO DI ANTIBIOTICI

 
   
  Milano, 16 aprile 2015 – L’acne è una delle patologie cutanee più frequenti in età pediatrica, talvolta già in età neonatale. Colpisce dal 70 all’87% degli adolescenti con conseguenze psicologiche e relazionali spesso importanti, legate anche al fatto che il trattamento dell’acne non ha una rapida soluzione e che le cure possono impegnare i ragazzi anche per lunghi periodi. Risolvere il problema è possibile, ma è necessario un esperto, quindi bandito il fai-da-te. Oggi, per la gestione di questa condizione, una nuova speranza arriva dalla combinazione da un retinoide, l’adapalene, e benzoile di perossido (Bpo) in forma di gel, che è stata presentata per la prima volta al V Congresso Internazionale S.i.der.p., Società Italiana Dermatologia Pediatrica svoltosi a Palermo, 16-18 aprile. “Il trattamento con la combinazione di un retinoide e benzoile di perossido (Bpo) ha dimostrato efficacia clinica in uno studio clinico in bambini da 9 a 11 anni di età ed è raccomandato dalle linee guida più recenti per il trattamento di diverse forme acneiche (Jeadv 2012, Pediatrics 2013), con una consistente riduzione, sia a livello di numero che di gravità, degli effetti collaterali rispetto alle altre terapie attualmente disponibili” afferma Anna Belloni Fortina, dermatologa, Unità di Dermatologia Pediatrica, Università di Padova. “Un ampio studio effettuato su oltre 1600 pazienti affetti da acne volgare ha dimostrato che la combinazione fissa adapalene 0.1% + Bpo 2.5% in gel topico ha un’efficacia superiore all’utilizzo dei singoli agenti in monoterapia, con una precoce comparsa dei risultati terapeutici e con un buon profilo di sicurezza dopo 12 settimane di trattamento, prosegue la Prof.ssa Belloni Fortina. Inoltre la formulazione non contiene antibiotici, conformemente alle recenti disposizioni Aifa in materia di antibiotico resistenza, che raccomandano l’utilizzo mirato e non per lunghi periodi di antibiotici che troppo spesso vengono invece impiegati nel trattamento dell’acne”. L’utilizzo di questa combinazione fissa aumenta l’aderenza alla terapia, mentre la forma farmaceutica in gel con erogatore consente una maggiore precisione del dosaggio e ne facilita l’utilizzo, aspetto fondamentale per i pazienti in età adolescenziale. Ma come agisce il farmaco e qual è la ragione della sua efficacia? Agisce su due fronti: da una parte, con il benzoile perossido (Bpo), impedisce al Propionibacterium acnes, il batterio responsabile dell’insorgenza dell’acne, di proliferare; dall’altra, con l’adapalene, un retinoide sintetico di terza generazione, agisce grazie alle sue proprietà antinfiammatorie e comedolitiche. I risultati di molteplici studi sulla sicurezza e tollerabilità hanno mostrato come il prodotto a combinazione fissa sia ben tollerato.  
   
 

<<BACK