Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 













MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web








  LOGIN


Username
 
Password
 
     
   


 
Notiziario Marketpress di Lunedì 20 Aprile 2015
 
   
  DI FRONTE A TAGLI, REGIONE LOMBARDIA IMPEGNATA AD AIUTARE COMUNI

 
   
  Milano, 20 aprile 2015 - "La collaborazione tra Anci Lombardia e Regione ci potrà aiutare a superare questo momento così difficile per la finanza pubblica". Queste le parole dell´assessore all´Economia, Crescita e Semplificazione Massimo Garavaglia, intervenuto durante il convengo promosso da Anci Lombardia e Fondazione Ifel. Tagli Governo - "Le difficoltà - ha spiegato l´assessore - nascono dai tagli imposti dal Governo centrale: si è passati da 1,5 miliardi di tagli ai trasferimenti dei Comuni nel 2011, agli attuali 8,3 miliardi, attraverso un effetto cumulativo disastroso. Inoltre, se a livello centrale si taglia, gli Enti locali devono alzare le imposte, come accade nel caso della tasse sugli immobili, passate dai 9,8 miliardi del 2011 ai 25 miliardi del 2014". Un esempio incredibile è quello del Fondo di Solidarietà, che per molti Comuni quest´anno sarà addirittura in negativo. Garavaglia è stato chiaro: "A questo proposito, si potrebbe denunciare alla Corte Costituzionale questo fatto, sottolineando come sia impensabile che i Comuni finanzino lo Stato". Sacrifici Non Per Tutti - Ma questi tagli, nonostante le dichiarazione di Renzi sull´obiettivo di riduzione di spesa del 3 per cento per le Pubbliche amministrazioni, non valgono per tutti: "Nella Legge di Stabilità i tagli ai Ministeri ammontano a solamente 1,9 miliardi, quando dovrebbero essere - se le regole valessero per tutti - 4,71 miliardi". "Tra l´altro - ha aggiunto Garavaglia - in questi 1,9 miliardi dichiarati dallo Stato ci sono anche tagli come l´alienazione di alcune caserme, inquadrati come tagli di spesa corrente. Oppure, è stato contabilizzato come taglio di spesa corrente la riduzione dell´agevolazione fiscale del gasolio agricolo, che come è ovvio è un aumento d´imposta. Quindi, non sono neanche 1,9 miliardi di tagli, ma molto meno. Come si chiamo questo? Falso in bilancio". Le Possibili Soluzioni - Una strada senza uscita, quindi? No, possibili soluzioni sono gli emendamenti presentati da Regione Lombardia alle regole del Patto di Stabilità. "Vogliamo proporre - ha detto ancora Garavaglia - l´utilizzo, da parte degli Enti locali, degli spazi finanziari ceduti da ciascuna Regione, per effettuare pagamenti tempestivi per ulteriori spese di investimento e non solo, come prevede la norma di Renzi, per debiti pregressi che in Lombardia non ci sono: da noi i debiti si pagano. Inoltre chiediamo anche di cambiare la data di scadenza utile per comunicare al Mef gli elementi per le verifiche dal 30 aprile al 30 giugno 2015; sarebbe anche opportuna, per evitare sprechi, una ulteriore tranche per attribuire eventuali altri spazi finanziari entro il 15 settembre". Gli Altri Progetti - Altri progetti ricordati dall´assessore Garavaglia e destinati ai Comuni sono: il ´Progetto Comuni Digitali´, finalizzato a migliorare l´interscambio di dati tra Regione Lombardia e Comuni, creando nuove modalità di relazione e cooperazione nell´ottica di una progressiva digitalizzazione della Pubblica Amministrazione; una Banca Dati riguardante le tasse auto, per combattere l´evasione fiscale e migliorare i controlli, già sperimentata con alcuni Comuni e che ora si vuole mettere a disposizione di tutti.  
   
 

<<BACK