Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 













MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web








  LOGIN


Username
 
Password
 
     
   


 
Notiziario Marketpress di Giovedì 06 Settembre 2007
 
   
  A BOLZANO UN PROGETTO DI RICERCA PER LE TELECOMUNICAZIONI: GNECCHI INCONTRA FINMECCANICA

 
   
   Bolzano, 5 settembre 2007 – La città diventa sede di un progetto di ricerca per realizzare un sistema di alimentazione ad idrogeno per le stazioni di telecomunicazioni: le trattative sono state avviate dall´assessora provinciale all´Innovazione Luisa Gnecchi con i vertici della Selex Communications Spa, società del Gruppo Finmeccanica. Nell´incontro di Bolzano, dello scorso 13 luglio, con una delegazione di Selex Communications Spa, società del Gruppo Finmeccanica e leader a livello mondiale nel settore delle telecomunicazioni, l´assessora Luisa Gnecchi ha avviato un discorso molto interessante per l´Alto Adige in termini di innovazione: con Roberto Faggi, senior advisor dell’amministratore delegato, Gnecchi ha preso in esame la possibilità che Selex Spa avvii a breve a Bolzano un progetto di ricerca per realizzare un sistema di alimentazione ad idrogeno per le stazioni di telecomunicazioni, sia radio che telefoniche. "Il progetto - spiega l´assessora Gnecchi - si inserisce nel quadro della nuova legge provinciale per la ricerca e l’innovazione approvata nel dicembre 2006 per incentivare e sviluppare la ricerca scientifica sul territorio e prevede la creazione di un consorzio con aziende locali fra cui Sgs Srl, società attiva in questo segmento tecnologico. " L’obiettivo finale della ricerca è realizzare e presentare sul mercato un prodotto di alimentazione ad idrogeno e fonti rinnovabili, completamente ecocompatibile ed in grado di rendere autonomi impianti con consumi che vanno da pochi watt sino a decine di Kw. La strategia della Ripartizione Provinciale all’Innovazione, continua Gnecchi, "è quella di attirare in Alto Adige società di caratura nazionale che possano generare, in collaborazione con imprese locali, un circolo virtuoso di ricerca e applicazione che valorizzi le risorse umane e sviluppi le competenze e la crescita industriale nell’alta tecnologia. " Tra gli obiettivi che questa strategia si propone di ottenere, come spiega il direttore di Ripartizione Maurizio Bergamini, "c’è quello di incrementare la ricerca nei settori della bio-compatibilità e difesa della natura, in diretta sintonia con quella cultura del territorio che da sempre vede la Provincia di Bolzano all’avanguardia. " .  
   
 

<<BACK