Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 













MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web








  LOGIN


Username
 
Password
 
     
   


 
Notiziario Marketpress di Giovedì 06 Settembre 2007
 
   
  INNOVAZIONE: PRIMI REGOLAMENTI,IN ITALIA,ADEGUATI A NORME UE

 
   
   Trieste, 6 settembre 2007 - La Giunta regionale del Fvg ha varato due ulteriori provvedimenti regolamentari attuativi della legge regionale sull´Innovazione perfezionando il quadro attuativo regolamentare a sostegno dell´innovazione e della ricerca, in particolare per i settori dell´industria, del commercio e turismo. Si tratta dei regolamenti che stabiliscono le procedure degli interventi a favore dell´innovazione delle strutture industriali (Dpreg del 20/08/2007, n. 0260/Pres, pubblicato sul Bur n. 36 del 5 settembre 2007) e per i settori del commercio, del turismo e dei servizi alle imprese e alle persone (Dpreg del 31/08/2007, n. 0273/Pres, in corso di pubblicazione sul Bur). Entrambi i regolamenti hanno ricevuto l´approvazione da Bruxelles e rappresentano il primo regime italiano e uno dei primi a livello europeo, integralmente notificato e approvato sulla nuova Disciplina comunitaria in materia di aiuti di Stato a favore di ricerca, sviluppo e innovazione e che prevede l´integrazione tra più strumenti di aiuto. I regolamenti prevedono contributi per le piccole e medie imprese (settori industriale, del commercio, del turismo e dei servizi alle imprese e alle persone) per le seguenti attività: progetti di ricerca industriale e attività di sviluppo sperimentale; progetti finalizzati all´innovazione dei processi e dell´organizzazione; acquisizione di brevetti e know-how volti all´introduzione di innovazioni nell´impresa; acquisizione di servizi di consulenza nel settore dell´innovazione; acquisizione di servizi di supporto all´innovazione; sostegno per la brevettazione e l´ottenimento di altri diritti di proprietà industriale, relativamente ai risultati dell´attività di ricerca e sviluppo; predisposizione di studi di fattibilità e di progetti di ricerca da presentare allo Stato o all´Unione europea per l´ottenimento delle agevolazioni dagli stessi concesse in materia. Le grandi imprese potranno beneficiare a loro volta di contributi per le seguenti iniziative: progetti di ricerca industriale; attività di sviluppo sperimentale; progetti finalizzati all´innovazione dei processi e dell´organizzazione, limitatamente a progetti svolti in collaborazione con piccole e medie imprese le quali sostengano almeno il 30 per cento dei costi ammissibili; studi di fattibilità. Per il settore industriale si tratta della prosecuzione, con opportuni ampliamenti e novità applicative, di un canale già avviato e ben conosciuto dalle imprese e che ha visto proprio recentemente, con la deliberazione della Giunta regionale n. 2048 del 31 agosto scorso, un´ulteriore assegnazione di contributi a favore delle imprese industriali per progetti di ricerca applicata e innovazione tecnologica di quasi 20 milioni di euro (19. 656. 672,73 euro). Rappresenta invece una novità assoluta e dal carattere sperimentale, l´emanazione del regolamento a favore dell´innovazione nei settori del commercio, del turismo e dei servizi alle imprese e alle persone, le cui prospettive si ritiene possano essere di grande impatto per il territorio, vista anche l´importanza e l´ampiezza dei nuovi settori considerati. Tutto ciò conferma la grande attenzione che questa legislatura ha finora dedicato alla materia del sostegno alla ricerca ed all´innovazione, sia in termini di ammontare contributivo, sia in termini di elaborazione legislativa e regolamentare. Tutte le misure in questione sono state inoltre candidate dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia al Programma Operativo Regionale - Obiettivo competitività regionale e occupazione - per ottenere il cofinanziamento del Fondo europeo di Sviluppo Regionale. Sui canali in questione si stima che le risorse aggiuntive comunitarie così attivabili possano ammontare a circa 65 milioni di euro. Dal negoziato attualmente in corso con la Commissione europea per l´utilizzo di tali risorse sembrano emergere buone indicazioni per poterne disporre per il periodo 2007-2013. .  
   
 

<<BACK