Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 













MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web








  LOGIN


Username
 
Password
 
     
   


 
Notiziario Marketpress di Luned́ 04 Settembre 2006
 
   
  L’INDICATORE UBS DEI CONSUMI PERDE SMALTO IN LUGLIO

 
   
   Zurigo / Basilea, 4 settembre 2006 - A luglio l’indicatore Ubs dei consumi ha accusato una flessione rispetto al mese precedente, pur mantenendosi su un livello complessivamente elevato. Conferma dunque la tesi degli economisti di Ubs, secondo cui i consumi privati agiranno anche in futuro da catalizzatore dell’andamento congiunturale in Svizzera. A luglio l’indicatore Ubs dei consumi calcolato su base mensile è sceso a quota 1,88 dopo il picco di 2,12 punti toccato a giugno e l’1,92 messo a segno in maggio. Nonostante la correzione, l’indicatore si mantiene su un livello nettamente superiore alla sua media pluriennale di 1,49. Un fatto sintomatico di una tendenza positiva costante per la spesa privata. La flessione subita dall´indicatore Ubs dei consumi è riconducibile alla brusca frenata nella crescita delle nuove immatricolazioni di autovetture nonché al leggero raffreddamento dell´andamento degli affari nel commercio al dettaglio rispetto a giugno rilevato dal sondaggio Kof. Sebbene l’indicatore abbia perso terreno, gli economisti di Ubs ritengono che il settore dei consumi in Svizzera sia destinato a mantenersi nel complesso in buona salute. A suffragare tale tesi contribuiscono in particolar modo le cifre relative al mercato del lavoro, che evidenziano una tendenza positiva da oltre un anno. Nel secondo trimestre il tasso di occupazione ha messo a segno un +0,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Sulla scia della maggiore sicurezza dei posti di lavoro, non a caso a luglio si è inoltre osservato un ulteriore recupero del sentimento dei consumatori. Gli economisti di Ubs ritengono pertanto che il clima di ritrovata fiducia nel futuro nonché le prospettive rosee sul fronte occupazionale forniranno ulteriori stimoli alla spesa privata anche nei prossimi mesi del 2006, per i quali Ubs prevede un incremento dell’1,9%. In termini di Pil si ipotizza tuttora una crescita complessiva di 3 punti percentuali. .  
   
 

<<BACK