Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 













MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web








  LOGIN


Username
 
Password
 
     
   


 
Notiziario Marketpress di Lunedì 11 Settembre 2006
 
   
  GRUPPO CIR RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO SEMESTRE 2006 : 62,6 MILIONI DI UTILE NETTO (+66,9%) FATTURATO + 18,6%

 
   
   Milano, 11 settembre 2006 - Si è riunito il 7 settembre a Milano, sotto la presidenza dell’ing. Carlo De Benedetti, il Consiglio di Amministrazione di Cir, per esaminare i risultati al 30 giugno 2006. Nel corso del primo semestre dell’anno, il Gruppo Cir ha perseguito come in passato l’obiettivo di una continua crescita nel medio periodo del valore dei propri investimenti, realizzata mediante un costante sviluppo e l’ottimizzazione della redditività dei business in cui è presente, ricercando nel contempo nuove iniziative in settori a elevate potenzialità di crescita. L’attuale configurazione del Gruppo comprende quattro principali settori di attività: media (editoria, radio e televisione), utilities (energia elettrica e gas), componentistica per autoveicoli (filtri e sistemi di sospensione) e sanità, settore in cui Cir ha investito negli ultimi tre anni al fine di creare un gruppo efficiente nel frammentato sistema sanitario italiano. Nel settore delle utilities è in atto un ambizioso piano di investimenti, che richiederà un ulteriore supporto finanziario da parte degli azionisti, mentre nei settori dell’editoria e della componentistica lo sviluppo viene finanziato mediante risorse generate dalle società stesse. Nel perseguire queste strategie di crescita, il Gruppo Cir continua a privilegiare una politica finanziaria tesa a garantire un equilibrato rapporto tra i mezzi propri e i mezzi di terzi, mantenendo una solida struttura patrimoniale. I risultati economici consolidati del primo semestre 2006 Nei primi sei mesi dell’anno Cir ha conseguito un utile netto consolidato di 62,6 milioni di euro, rispetto a 37,5 milioni nel corrispondente periodo del 2005 (+66,9%). La contribuzione dei gruppi operativi al risultato netto consolidato è stata positiva per 65 milioni di euro (+17,1% rispetto a 55,5 milioni nel primo semestre 2005), mentre la contribuzione delle società finanziarie controllate è migliorata di circa 15 milioni di euro per effetto della realizzazione di plusvalenze derivanti dalla cessione di quote di “hedge funds”. A tali contribuzioni si contrappongono nello stesso periodo costi ed oneri finanziari, al netto delle imposte, relativi a Cir e società finanziarie interamente controllate per 17,5 milioni (17,8 milioni nel primo semestre 2005). Nel primo semestre 2006 il fatturato consolidato di Cir è stato di 2. 021,4 milioni di euro, in aumento del 18,6% rispetto al 30 giugno 2005 (1. 704,5 milioni). All’incremento di 316,9 milioni hanno contribuito prevalentemente il Gruppo Sorgenia per 279,9 milioni e il Gruppo Espresso per 33,9 milioni. Il margine operativo lordo (Ebitda) consolidato nel primo semestre 2006 è aumentato del 18,1% a 256,2 milioni di euro, rispetto a 217 milioni nel corrispondente periodo 2005 (con una incidenza sui ricavi invariata al 12,7%). Il margine operativo (Ebit) consolidato è aumentato del 23,1%, passando da 169,3 milioni nei primi sei mesi del 2005 (9,9% dei ricavi) a 208,4 milioni nella prima metà del 2006 (10,3% dei ricavi). Gli oneri finanziari netti sono ammontati a 28,6 milioni di euro, contro 19,2 milioni nel primo semestre 2005. I dividendi e proventi netti da negoziazione e valutazione titoli nel primo semestre 2006 sono risultati pari a 15,8 milioni di euro (contro oneri netti per 4,8 milioni nel corrispondente periodo del 2005). Il capitale investito netto consolidato al 30 giugno 2006 si è attestato a 2. 638,4 milioni di euro, rispetto a 2. 321,6 milioni al 31 dicembre 2005, con un incremento di 316,8 milioni principalmente dovuto ai significativi investimenti effettuati in particolare dai gruppi Sorgenia e Hss. La posizione finanziaria netta consolidata al 30 giugno 2006 presentava un indebitamento di 786,4 milioni di euro (rispetto a un indebitamento di 465,2 milioni al 31 dicembre 2005), determinato da un’eccedenza finanziaria di 271,9 milioni (rispetto a 359,8 milioni al 31 dicembre 2005) relativa a Cir e società finanziarie interamente controllate e da un indebitamento complessivo di 1. 058,3 milioni per i gruppi operativi (rispetto a 825 milioni al 31 dicembre 2005); l’aumento, pari a 233,3 milioni, deriva principalmente dagli investimenti nel gruppo Sorgenia per le nuove centrali e nel gruppo Hss per l’acquisizione di Anni Azzurri. Il patrimonio netto consolidato del Gruppo è passato da 1. 185 milioni di euro al 31 dicembre 2005 a 1. 187,6 milioni al 30 giugno 2006. Il patrimonio netto di terzi è passato da 671,4 milioni di euro al 31 dicembre 2005 a 664,4 milioni al 30 giugno 2006. Il patrimonio netto totale si è attestato al 30 giugno 2006 a 1. 852 milioni di euro, rispetto a 1. 856,4 milioni al 31 dicembre 2005, con una riduzione di 4,4 milioni dopo la distribuzione di 37,5 milioni di dividendi da parte di Cir e di complessivi 43,7 milioni da parte delle controllate ai propri azionisti terzi. Al 30 giugno 2006 il Gruppo Cir impiegava 11. 201 dipendenti. L’andamento delle attività industriali del Gruppo nel primo semestre 2006 è stato positivo e i risultati delle controllate hanno evidenziato un progresso rispetto al corrispondente periodo dello scorso esercizio. Media Nel primo semestre 2006 il Gruppo Espresso ha realizzato un fatturato consolidato di 601,5 milioni di euro, in aumento del 6% rispetto al 30 giugno 2005, e ha conseguito un utile netto consolidato di 54,8 milioni, in linea con quello del primo semestre dello scorso esercizio. Al 30 giugno 2006 la posizione finanziaria netta del Gruppo presentava un indebitamento di 257,7 milioni di euro, rispetto a 252,6 milioni al 31 dicembre 2005. Nel primo semestre 2006 il quotidiano la Repubblica si è confermato primo giornale di informazione per numero di lettori e il polo radiofonico del Gruppo Espresso ha consolidato il primato di audience in Italia. Utilities Nel mese di luglio 2006 il Gruppo Energia ha adottato la nuova denominazione Sorgenia, con l’obiettivo di valorizzare il posizionamento e il ruolo che vuole assumere nel mercato libero italiano dell’energia elettrica e del gas, qualificandosi come operatore sensibile alle tematiche ambientali. Nel primo semestre 2006, Sorgenia ha proseguito nella realizzazione del piano industriale: la centrale di Termoli (Campobasso), dove sono attualmente in corso i test di produzione, entrerà a regime nelle prossime settimane; sono iniziati i lavori per la costruzione della centrale di Modugno (Bari); una terza centrale è prevista a Bertonico-turano Lodigiano (Lodi); per quanto riguarda gli impianti eolici e fotovoltaici, mentre prosegue il lavoro di sviluppo dei progetti relativi ai primi, è prevista la realizzazione di 15 nuovi impianti fotovoltaici da 1Mw ciascuno, localizzati nel Sud Italia. Nel frattempo, prosegue l’attuazione del piano di “repowering” di Tirreno Power a Napoli Levante e a Vado Ligure. Nei primi sei mesi del 2006 Sorgenia ha conseguito un fatturato consolidato di 855,8 milioni di euro, in aumento del 48,6% rispetto a 575,9 milioni del corrispondente periodo dell’esercizio precedente, grazie al buon andamento delle vendite di energia elettrica; l’utile netto consolidato è stato di 37 milioni di euro, in significativo aumento rispetto a 19,9 milioni del corrispondente periodo dello scorso anno . Componentistica Per Autoveicoli Il Gruppo Sogefi, importante produttore di componenti per autoveicoli, ha confermato nel primo semestre 2006 la propria leadership europea nei due settori in cui opera: filtri e componenti per sospensioni. Nel periodo in esame, in presenza di un fatturato consolidato di 532,9 milioni di euro, sostanzialmente stabile, ha ulteriormente migliorato la propria redditività in un contesto di mercato non del tutto favorevole, conseguendo un utile netto consolidato di 27,5 milioni di euro, in crescita del 24,6% rispetto a 22 milioni nel corrispondente periodo del 2005. Sanita’ Nel primo semestre 2006 Hss–holding Sanità e Servizi ha ulteriormente sviluppato le proprie attività operative, al fine di consolidare una significativa presenza nel settore della sanità. Nel giugno scorso Hss ha acquisito il 100% di Anni Azzurri, società specializzata nella costruzione e gestione di residenze per anziani, presente in cinque regioni con undici strutture residenziali, per un totale di 1. 600 posti letto. Con questa acquisizione, Hss gestisce attualmente circa 3. 400 posti letto. Nei primi sei mesi del 2006, Hss ha realizzato un fatturato consolidato di 31 milioni di euro (+33,6% rispetto a 23,2 milioni del corrispondente periodo 2005). Il risultato netto è stato negativo per 1,1 milioni, penalizzato dai costi sostenuti per acquisizioni, e si confronta con una perdita netta di 1 milione nel corrispondente periodo del 2005, che scontava la fase iniziale di sviluppo dell’attività. Per quanto riguarda Jupiter Finance, società costituita allo scopo di acquisire da istituzioni finanziarie e gestire portafogli di crediti problematici, in linea con il programma di crescita previsto sono stati finora acquisiti, a un prezzo di circa 10 milioni di euro, portafogli il cui valore nominale complessivo è pari a circa 190 milioni di euro. La Capogruppo Cir Spa ha chiuso il primo semestre 2006 con un utile netto di 49,6 milioni di euro (34,6 milioni nel primo semestre 2005) e un patrimonio netto di 952,2 milioni al 30 giugno 2006 (953,2 milioni al 31 dicembre 2005). Tra il 1° gennaio 2006 e la data odierna, Cir ha acquistato n. 6. 877. 358 azioni proprie per un controvalore di 15,6 milioni di euro. Ad oggi pertanto le azioni proprie in portafoglio sono n. 34. 094. 000, pari al 4,37% del capitale. Inoltre, tra il 1° gennaio 2006 e la data odierna sono state emesse n. 838. 600 azioni a seguito dell’esercizio di opzioni da parte dei beneficiari di piani di stock options in essere. Dopo tale operazione, il capitale sociale risulta pertanto composto da n. 780. 080. 267 azioni da nominali 0,50 euro cadauna, per un controvalore di 390. 040. 133,50 euro. Per quanto riguarda l’evoluzione della gestione di Cir, tenuto conto del buon andamento delle aziende del Gruppo si può ragionevolmente prevedere per l’intero esercizio 2006 un miglioramento del risultato dell’attività ordinaria rispetto al 2005. . .  
   
 

<<BACK