Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 













MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web








  LOGIN


Username
 
Password
 
     
   


 
Notiziario Marketpress di Lunedì 11 Settembre 2006
 
   
  ANNUARIO STATISTICO “PIEMONTE IN CIFRE 2006”: QUALI I SETTORE CHIAVE NELLA REGIONE DI DOMANI?

 
   
  Torino, 11 settembre 2006 - È stata presentata , mercoledì 19 luglio, presso il Centro Congressi Torino Incontra di via Nino Costa 8, la quattordicesima edizione dell’Annuario Statistico Regionale “Piemonte in cifre”, frutto del lavoro congiunto di Unioncamere Piemonte, Regione Piemonte e Istat nell’ambito del Sistema statistico nazionale. L’annuario, come da tradizione, raccoglie le principali statistiche socio-economiche a livello regionale e provinciale, cercando di rispondere alla sempre crescente domanda di dati quantitativi, espressa in ogni campo di attività dell’uomo. La pubblicazione si pone l’obiettivo di far conoscere il territorio nel quale viviamo sotto diversi e complementari punti di vista, rappresentando la realtà che ci circonda a 360°. Dopo i saluti del Direttore di Unioncamere Piemonte Massimo Deandreis, del Dirigente dell’Istat Claudio Moriani e dell’Assessore alla Programmazione e Statistica della Regione Piemonte Sergio Conti, è seguita la relazione di Roberto Strocco, Coordinatore Ufficio Studi e Statistica di Unioncamere Piemonte, su “Il Piemonte: numeri e tendenze”. Sono poi intervenuti sul tema “Il Piemonte tra passato e futuro: quali i settore chiave nella regione di domani?” il Presidente di Finpiemonte Mario Calderini, il Presidente dell’Associazione Stampa Estera di Milano e corrispondente in Italia di Der Standard (Austria) Thesy Kness Bastaroli, il Rettore del Politecnico di Torino Francesco Profumo, il Presidente della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, e il Corrispondente in Italia de La Tribune (Francia) Frank Paul Weber. La tavola rotonda è stata moderata da Francesco Antonioli del Sole 24 Ore Nord Ovest. Ha concluso il programma Mercedes Bresso, Presidente della Regione Piemonte. “La disponibilità di un sistema informativo statistico completo ed aggiornato - ha commentato la Presidente della Regione Piemonte Mercedes Bresso - è la base per una adeguata gestione del territorio ed un elemento essenziale per una corretta programmazione, monitoraggio e valutazione delle politiche e delle risorse da destinare al soddisfacimento dei bisogni della collettività. Il processo di integrazione dell’informazione statistica da fonti diverse, costituito dall’Annuario Statistico piemontese, rappresenta un esempio positivo di attuazione di forme di decentramento, ed ha anticipato in qualche modo a livello locale la ormai annosa revisione del vigente decreto legislativo 322/89 (Norme sul Sistema statistico nazionale e sulla riorganizzazione dell’Istituto Nazionale di Statistica), riforma da molti oramai considerata necessaria per dare maggior valore al carattere pluralistico dell´ordinamento statistico italiano e per garantire che il processo di produzione e informazione statistica non viaggi in un’unica direzione, ma offra un coinvolgimento ed un ritorno adeguato a tutti gli attori del sistema”. “Uno dei compiti istituzionali delle Camere di commercio italiane è quello di essere un punto di osservazione privilegiato dell’economia locale. Con la convinzione che solo attraverso informazioni puntuali e precise si possono prendere decisioni politiche ed imprenditoriali efficienti, Unioncamere Piemonte ha pubblicato per la 14esima volta l’edizione annuale di Piemonte in Cifre in collaborazione con Regione Piemonte e Istat, i principali interlocutori nella produzione statistica locale. Pur nella consapevolezza che l’Annuario non offre soluzioni interpretative precostituite, ma solo un’offerta ragionata di tabelle statistiche, il panorama che ne emerge è quello di un 2005 fra luci ed ombre: a fronte di un invecchiamento della popolazione, aumentano occupazione e imprese; un lieve incremento delle esportazioni si accompagna poi ad una lieve flessione nella spesa per R&s. Si ha comunque la sensazione che il 2006 con tutto ciò che finora ha prodotto, dal successo delle Olimpiadi al rilancio Fiat, rappresenti un punto di discontinuità positivo, in grado di creare nuovi ed importanti scenari di sviluppo futuro” ha commentato il Direttore di Unioncamere Piemonte Massimo Deandreis, che ha sostituito il presidente Renato Viale impossibilitato a partecipare a causa di impegni imprevisti che lo tengono lontano da Torino. Il Presidente dell’Istat Luigi Biggeri non ha potuto partecipare causa impegni sopravvenuti ed ha inviato il seguente messaggio: “Il successo di questo Annuario dimostra il ruolo insostituibile della statistica ufficiale per comprendere le trasformazioni che attraversano la società. Al di là dell’indubbia utilità dell’opera nel soddisfare i nuovi bisogni informativi e del valido supporto alle decisioni pubbliche, essa è anche testimonianza della fruttuosa e proficua collaborazione tra Istat, Regione Piemonte e Unioncamere Piemonte. L’annuario conferma, inoltre, il valore strategico di un’informazione statistica con dettaglio territoriale sempre più ricco di dati e di analisi. Il Sistema statistico nazionale, di cui tutti i contributori di questo volume fanno parte, si rivela sempre più uno strumento per rispondere ai bisogni informativi legati al territorio e alle sue problematiche”. “Il punto di forza dell’Annuario - ha osservato l’Assessore alla Statistica della Regione Piemonte Sergio Conti - è costituito dal fatto che Unioncamere Piemonte e Regione hanno sviluppato nell’ambito dei rispettivi campi di osservazione e di attività una produzione statistica per molti aspetti complementare, che integra e completa la consolidata informazione statistica fornita dall’Istat. Da questo punto di vista l’Ente regionale può mettere a disposizione le basi dati contenute nel proprio sistema informativo, che supporta l’attività degli uffici nei numerosi settori di competenza regionale esclusiva o concorrente, quali ad esempio la sanità, l’assistenza, il turismo, la formazione professionale, l’ambiente, la demografia. Il sistema informativo regionale oggi è per la quasi totalità informatizzato ed integrato nella Rete unitaria della pubblica amministrazione regionale. Molti dati gestionali di origine amministrativa presentano tra l’altro, rispetto alle rilevazioni statistiche tradizionali, il vantaggio di un aggiornamento potenzialmente continuo e di un costo di estrazione minimo”. Popolazione La popolazione complessiva residente in Piemonte è in aumento e conta, a dicembre 2005, circa 4. 341. 000 unità, registrando livelli che non si raggiungevano dal 1991. L’aumento rispetto all’anno precedente è di circa 11mila persone, ed è determinato prevalentemente dal saldo migratorio estero. Il saldo naturale (nascite meno morti) della popolazione piemontese permane negativo, con le morti superiori alle nascite in tutte le province, con picchi più elevati per Alessandria, Torino, Cuneo ed Asti. I permessi di soggiorno in Piemonte sono aumentati, rispetto al 2004, di circa 14mila unità e risultano così distribuiti nelle province:
Province Permessi Di Soggiorno 2005
Alessandria 17. 469
Asti 9. 992
Biella 5. 952
Cuneo 23. 739
Novara 13. 190
Torino 100. 668
Verbano Cusio Ossola 4. 977
Vercelli 5. 529
Piemonte 181. 516
Mercato Del Lavoro I dati 2005 delle rilevazioni delle Forze di lavoro Istat segnalano un significativo miglioramento della situazione in provincia di Torino, su cui ha inciso certamente il cosiddetto "effetto Olimpiadi". L’occupazione in Piemonte aumenta di 33mila unità, concentrate nel capoluogo regionale e prevalentemente riconducibili alle attività terziarie, mentre nel settore secondario si registra una stagnazione della domanda di lavoro, con un cedimento nel comparto del tessile e abbigliamento. I dati territoriali evidenziano i cambiamenti conseguenti alla crisi industriale e ai grandi interventi infrastrutturali realizzati: se all´inizio del 2000 eccelleva la provincia di Biella e Torino appariva in difficoltà, nel 2005 il capoluogo regionale recupera il suo ruolo centrale, mentre Biella è diventata l´area con maggiori difficoltà di inserimento al lavoro, ed è la provincia di Cuneo a segnare la migliore performance, con un tasso di disoccupazione al 3,2%, contro una media regionale del 4,7%. Si riduce il divario che ancora separa il Piemonte dalla media del nord Italia, dove il livello di disoccupazione si attesta al 4,2%, mentre il dato piemontese resta ben al di sotto di quello nazionale (7,7%). La crisi industriale è leggibile nel massiccio ricorso agli ammortizzatori sociali: la cassa integrazione concessa in Piemonte nel settore meccanico copre da sola il 30% dell´intero monte ore nazionale. In complesso, l’Inps ha autorizzato in Piemonte quasi 47 milioni di ore di integrazione salariale, con un aumento del 10,6% rispetto al 2004, che interessa principalmente le industrie metalmeccaniche, tessili e della chimica-gomma. In espansione anche il numero di iscrizioni nelle liste di mobilità, che sono state 17. 500 circa nel corso del 2005, legate in misura crescente a cessazioni di attività aziendale e ai licenziamenti effettuati dal sistema delle piccole imprese. Si accentua il disagio giovanile per la marcata precarietà del lavoro (circa il 90% delle assunzioni di soggetti con meno di 25 anni è a tempo determinato), mentre cresce la presenza di lavoratori stranieri, specie dei cittadini dell´Europa dell´est, per la forte domanda di manodopera extracomunitaria nel campo dell´assistenza, nelle attività agricole e nell’edilizia. Istruzione Dai dati del 2004 emerge una sostanziale stabilità del sistema scolastico piemontese. Se l’incidenza degli allievi stranieri sul totale degli alunni piemontesi risulta in crescita solo dell’1% rispetto all’anno precedente, nel complesso gli studenti stranieri sono il 50% in più di quanti erano nel 2003, e negli ultimi quattro anni questo dato è praticamente triplicato. Nell’anno scolastico 2004-2005 il Piemonte conta 489. 177 iscritti nelle scuole statali, con un incremento dell’1% rispetto all’anno precedente, mentre gli iscritti nelle scuole non statali sono stati 66. 210, in aumento circa il 2%. Dai dati sugli indirizzi scolastici delle scuole superiori emerge che il 38% degli alunni frequenta istituti tecnici, il 22% scuole professionali e un altro 22% licei scientifici, mentre il restante 18% è equamente distribuito tra i licei umanistici di vario indirizzo. Gli insegnanti risultano in aumento dell’1% rispetto all’anno precedente e sono così distribuiti: il 35% insegna nelle scuole primarie, il 31% nelle scuole secondarie di secondo grado, il 23% nelle scuole secondarie di primo grado e l’11% nella scuola d’infanzia. Per quanto riguarda l’Università, nell´anno accademico 2004-2005 gli iscritti ai tre Atenei piemontesi sono 98. 005, 1. 734 in più rispetto all´anno precedente (+1,8%). Indicatori Economici Nel 2004 si è registrata una ripresa a livello nazionale del Prodotto interno lordo rispetto al 2003: +1,2% (variazione a prezzi costanti) a livello nazionale e +1,1% per il Piemonte. Il Pil piemontese nel 2004 ha raggiunto i 113. 347,3 milioni di euro, mantenendo una quota pressoché stabile rispetto al valore nazionale (8,4%). Dal confronto con le altre regioni, effettuato considerando il Pil per unità di lavoro, emerge che il Piemonte, con 57. 333 euro per unità di lavoro, supera sia il dato italiano (55. 315 euro), sia quello registrato da Veneto (54. 801 euro) ed Emilia Romagna (57. 213 euro), posizionandosi dopo la Lombardia (60. 145 euro). Dal punto di vista settoriale, sono i servizi a creare oltre il 67% del valore aggiunto regionale; l’industria contribuisce con una quota del 26% e le costruzioni con il 5%, mentre è pari al 2% il contributo dell’agricoltura. Interscambio Commerciale Nel 2005 il Piemonte ha esportato merci per 31,8 miliardi di euro, valore superiore (+1,6%) rispetto a quello registrato nel 2004. La dinamica piemontese, sebbene positiva, è stata meno intensa di quella nazionale (+4,0%) e di quella delle principali regioni esportatrici italiane. L’incremento delle vendite oltre confine è stato sostenuto in particolar modo dalle performance positiva di alcuni settori. Il comparto dei metalli si è sviluppato del 7,0%, la gomma-plastica e la chimica hanno registrato crescite rispettivamente del 5% e 2,7%, mentre il settore alimentare ha incrementato le esportazioni di 2 punti percentuale. Anche per i mezzi di trasporto si rileva un risultato positivo (+0,9%), sostenuto specialmente dai prodotti della componentistica autoveicolare (+6,1%), mentre risultano ancora in calo le vendite oltre confine del settore tessile (-1,8%). Guardando ai mercati di sbocco si evidenzia uno sviluppo maggiore delle esportazioni sul territorio europeo: le merci piemontesi che vengono acquistate dai Paesi Ue sono infatti cresciute dell’1,9%, mentre quelle dirette ai mercati extra-Ue hanno registrato un aumento dell’1,1%. In Europa si distinguono le ottime performance verso la Germania (+3. 9%) e la Spagna (+4. 4%), mentre appare negativo il dato relativo al Regno Unito (-3,0%). Tra i Paesi extra-Ue si registra una sostanziale stabilità del mercato statunitense (-0,4%), una perdita in Giappone (-1,6%) e in Turchia (-5,6%) e una crescita sul mercato cinese (+1. 0%) e su quello indiano (+24. 0%). A livello provinciale Torino genera oltre il 49% delle esportazioni totali e manifesta una leggera flessione (-0,8%) rispetto alla performance realizzata nel 2004. Cuneo è la seconda provincia per valore esportato, con una quota del 16% sul totale regionale e una crescita annua del 3%, mentre Novara si colloca al terzo posto con l’11% delle esportazioni ed un incremento annuo del 9,5%. Anagrafe Delle Imprese A fine 2005 le imprese registrate in Piemonte hanno raggiunto 464. 917 unità. Si contano, inoltre, 33. 417 iscrizioni a fronte di 29. 218 cessazioni, con un saldo conseguentemente positivo per 4. 199 unità. Il tasso di crescita nel 2005 è stato pari a +0,91%, con una leggerissima flessione rispetto all’anno 2004, quando tale variazione si era attestata sul +0,97%. Il settore del commercio continua ad essere il più numeroso con oltre 112mila imprese, circa un quarto del totale, seguito da quello dei servizi alle imprese (88mila), dell’agricoltura (71mila) e delle costruzioni (68mila). Nell’ambito dell’analisi della dinamica settoriale si nota inequivocabilmente l’effetto dei Giochi olimpici: mentre il settore manifatturiero denuncia ancora delle difficoltà (-0,02%) che interessano quasi tutti i sottocomparti con l’esclusione del settore alimentare (+2,8%), si registrano ottime performance in termini di tasso di crescita per le imprese di costruzioni (+4,1%), alberghi e ristoranti (4,1%), attività immobiliari, noleggio, informatica e ricerca (+3,2%) e trasporti (+1,3%). Sul fronte della forma giuridica, continua l’aumento, in termini assoluti e percentuali, delle imprese che scelgono la forma delle società di capitale: 57. 632 (al 31. 12. 2005), cresciute nell’anno ad un ritmo del 2,5%. In evoluzione anche le società di persone (+0,82%) e le ditte individuali (+0,65%); perdono, invece, posizioni le imprese nate sotto altre forme giuridiche (-0,65%). Credito A fine 2005 in Piemonte sono presenti 30 istituti bancari per un numero complessivo di 2. 558 sportelli. La rete distributiva si è leggermente sviluppata rispetto al 2004, quando il numero di sportelli presenti sul territorio era pari a 2. 541 (+0,7%). La dinamica degli impieghi appare positiva. Sulla base dei dati della Banca d’Italia, a fine dicembre 2005 gli impieghi in Piemonte ammontano infatti a 89. 774 milioni di euro contro gli 86. 543 del dicembre 2004. L’incremento complessivo è stato del 3,7%, frutto di andamenti differenziati a livello settoriale: i prestiti all’industria manifatturiera hanno manifestato un decremento, mentre, a causa della congiuntura positiva vissuta dal settore, sono aumentati quelli alle imprese edili. I finanziamenti oltre il breve termine si sono dimostrati in crescita e appaiono destinati per il 32% all’acquisto di immobili, per il 17% alle costruzioni, per il 12% alle macchine, attrezzature, mezzi di trasporto e prodotti vari, e per il restante 39% ad altre destinazioni. Anche la raccolta bancaria ha realizzato una dinamica espansiva: i depositi bancari piemontesi a fine 2005 totalizzano 52. 752 milioni di euro contro i 48. 752 del 2004. .
 
   
 

<<BACK