Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 













MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web








  LOGIN


Username
 
Password
 
     
   


 
Notiziario Marketpress di Lunedì 18 Settembre 2006
 
   
  ACCORDO QUADRO TRA AEM E IL FONDO STIRLING SQUARE CAPITAL PARTNERS PER LA CESSIONE DEL CONTROLLO DI METROWEB SPA

 
   
  Milano, 18 settembre 2006 - Aem Spa ed il fondo di private equity Stirling Square Capital Partners hanno sottoscritto lo scorso 3 agosto 2006 un contratto quadro per la cessione da parte di Aem del controllo di Metroweb Spa, società proprietaria di un’importante rete di infrastruttura di telecomunicazioni a banda larga a Milano, nell’hinterland milanese ed in altre zone del nord Italia. Il contratto prevede l’acquisizione del 100% del capitale di Metroweb da parte di una società veicolo di diritto italiano (Newco) controllata indirettamente da Stirling Square Capital Partners con una quota del 76,47% e partecipata da Aem con una quota del 23,53% (con un investimento per Aem di 8 milioni di Euro). Inoltre, Aem sottoscriverà titoli di debito convertibili emessi da Metroweb per un ammontare di 24 milioni di Euro. I titoli di debito saranno convertibili in azioni di Metroweb di nuova emissione sulla base di rapporti di cambio variabili a seconda dei risultati raggiunti da Metroweb nei prossimi anni e tali da determinare l’attribuzione ad Aem di una partecipazione aggiuntiva compresa tra un minimo dell’8,13% e un massimo del 20,98% del capitale di Metroweb. In caso di conversione, Aem, considerando anche la partecipazione iniziale del 23,53% e l’effetto diluitivo della conversione, deterrà quindi da un minimo del 29,75% ad un massimo del 39,57% del capitale di Metroweb. L’operazione sarà effettuata sulla base di un enterprise value attribuito a Metroweb di 232 milioni di Euro (incluso l’indebitamento finanziario netto di Metroweb, che al 31 dicembre 2005 era pari a circa 200 milioni di Euro). Considerando il reinvestimento in azioni e in titoli di debito convertibili effettuato da Aem, l’operazione avrà un impatto positivo sulla posizione finanziaria netta del gruppo Aem di circa 200 milioni di Euro. Il prezzo definitivo per la cessione delle azioni dipenderà dall’indebitamento finanziario netto di Metroweb alla data del closing, generando a tale data, a livello di bilancio consolidato, una plusvalenza per Aem nell’ordine di 5-10 milioni di Euro. Verrano sottoscritti degli accordi parasociali relativi alla corporate governance di Newco e di Metroweb ed alle partecipazioni rispettivamente detenute in tali società. Tra l’altro, Aem avrà il diritto di nominare 2 consiglieri di amministrazione di Newco e di Metroweb, tra cui il Presidente, ed avrà il veto su talune operazioni straordinarie. Le partecipazioni saranno, tra l’altro, oggetto di lock-up fino al 31 dicembre 2008 e di reciproci diritti/obblighi di co-vendita. E’ in ogni caso previsto un diritto di previo gradimento da parte di Aem in caso di cessione delle partecipazioni detenute direttamente e/o indirettamente da Stirling Square Capital Partners in Metroweb. Metroweb aveva al 31 dicembre 2005 un’infrastruttura di cavidotti di 2. 252 chilometri nell’area milanese e di 980 chilometri in lunga distanza. La rete in fibra ottica era di 5. 520 chilometri, corrispondente a 263. 000 chilometri di fibra. Il volume d’affari di Metroweb nello scorso esercizio è stato di 44,1 milioni di Euro, con un margine operativo lordo di 28,2 milioni di Euro. Grazie agli investimenti realizzati negli ultimi anni da Metroweb il territorio del comune di Milano è stato cablato capillarmente, consentendo a Milano di diventare una delle città europee che vantano la maggiore estensione di rete in fibra ottica, che pertanto costituisce un importante patrimonio. La rete in fibra ottica costituisce così un importante patrimonio anche per la cittadinanza milanese. Per tale ragione, anche nell’interesse degli utenti e delle pubbliche amministrazioni milanesi, negli accordi sottoscritti sono state previste, anche alla luce degli indirizzi espressi dall’Amministrazione Comunale, alcune clausole che prevedono, tra le altre cose, che: venga mantenuta l’integrità della rete; lo sviluppo della rete avvenga di pari passo con lo sviluppo urbanistico della Città di Milano e della relativa area metropolitana; la rete venga resa disponibile agli enti pubblici attivi nel territorio milanese al fine di promuovere servizi innovativi alla comunità quali, ad esempio, la salute, il telesoccorso, il lavoro, la sicurezza e l’educazione a distanza. Con questa operazione Aem intende dare impulso allo sviluppo della società in partnership con un importante investitore internazionale ed un management altamente specializzato nel settore, proseguendo nella propria strategia di focalizzazione nei settori core business. Stirling Square Capital Partners è un fondo europeo di private equity indipendente, attivo principalmente in transazioni aventi ad oggetto società industriali o di servizi di medie dimensioni e capitalizzazione. Stirling Square Capital Partners ha iniziato la sua attività nel 2002 con un impegno iniziale di 250 milioni di Us$ da parte di Citigroup. Si prevede che il closing possa essere effettuato entro il prossimo mese di ottobre. Il closing è condizionato all’autorizzazione dell’autorità antitrust italiana e alla finalizzazione degli accordi di rifinanziamento del debito di Metroweb. Corporate Finance Advisors e Ubm – Unicredit Banca Mobiliare hanno assistito Aem nell’operazione in qualità di advisor finanziari. Chiomenti Studio Legale ha assistito Aem nell’operazione in qualità di advisor legale, mentre Stirling Square Capital Partners è stata assistita dallo studio legale Pavia & Ansaldo. .  
   
 

<<BACK