Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 













MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web








  LOGIN


Username
 
Password
 
     
   


 
Notiziario Marketpress di Lunedì 18 Settembre 2006
 
   
  LA NUOVA COMUNICAZIONE DI MARKETING CREATIVA, RELAZIONALE, FIDELIZZANTE DI MARZIO BONFERRONI

 
   
  Milano, 18 settembre 2006 - Un grande manager di una multinazionale ha di recente apertamente dichiarato “sappiamo benissimo che la pubblicità non funziona più, ma non sappiamo ancora con sicurezza quale può essere un metodo alternativo”. Philip Kotler, sempre riconosciuto come il “padre” del marketing, a pag. 80 del suo recente libro -300 risposte sul marketing- scrive “i giorni della pubblicità di massa, con i suoi sprechi e la sua invadenza, sono ormai finiti. Molti cambiano canale al momento della pubblicità. Il suo limite più evidente è che si tratta di un monologo”. Oltre alle opinioni di Kotler, nel libro sono riportate anche molte autorevoli opinioni di imprenditori e manager innovativi e di opinion leader. Il libro propone un nuovo metodo creativo per la comunicazione di marketing. Questo metodo, innovativo e per certi aspetti rivoluzionario, si chiama Triangolo Creativo, e consente alla marca di mantenere e sviluppare il proprio posizionamento, ma nello stesso tempo di creare una relazione misurabile per un’attività di costruzione della fedeltà fra la marca e le persone-clienti che costituiscono il suo mercato attuale e potenziale, identificabile anche come “comunità della marca”. L’“utopia raggiungibile”, per una nuova visione di marketing e per l’ottenimento degli obiettivi, viene identificata nel passaggio dalla customer satisfaction alla Human Satisfaction. Di conseguenza dovrà evolversi anche il modo di comunicare fra marca e mercato. La tecnica pubblicitaria, che pure ha avuto molti meriti nel creare il posizionamento di marca e le modalità per ottenere attenzione, non risulta più efficace come alcuni decenni or sono, quando eravamo in presenza di un pubblico “assetato” di modernità, di status symbol e di benessere, nonché di poche marche e di pochi canali di comunicazione. Sempre di più oggi una marca, per “gestire la complessità”, oltre a proporre prodotti altamente qualitativi e innovativi, dovrà tendere a risolvere in comunicazione, già nel momento dell’impatto, le necessità non soltanto emozionali ma anche quelle razionali ed etiche, invitando la persona-cliente ad entrare in relazione per mezzo di un dialogo duraturo, puntando a raggiungere un rapporto di reciproca fedeltà, in costante evoluzione, come avviene fra due persone che si stimano e si amano. Obiettivo finale della comunicazione, in un continuo suo svilupparsi e rinnovarsi, sarà dunque la comunità di persone-clienti, in un rapporto privilegiato di comunione e unione che verrà a consolidarsi se essa riconoscerà nella marca le soluzioni alle proprie necessità. Interessante considerare che la comunità della marca rappresenterà in concreto quella parte alta della piramide di mercato o, meglio, quella quota percentuale (10-15) di persone-clienti, da cui proviene la massima percentuale (80-90) del fatturato di una marca. Marzio Bonferroni é considerato da alcuni, nel settore advertising, come. L’ “attentatore culturale”. Risiede a Milano. E’ fondatore e Presidente di Uni. One – Architetture di comunicazione - operante dal Gennaio 2005. Ha collaborato e collabora con varie Università e Istituti, per la costruzione di Laboratori e Corsi sulla Comunicazione d’impresa. Dopo aver fondato nei decenni ’70, ’80, ’90 prima un’Agenzia di pubblicità e poi una Società nell’ambito della comunicazione relazionale, ha ricoperto negli ultimi anni, la carica di responsabile sviluppo del Gruppo internazionale Ddb communication (Gruppo Omnicom), fino al 31. 12. 2004. Laureato in Economia con una tesi sulle sinergie fra psicologia ed economia, ha sempre sostenuto l’importanza di una visione umanistica e multidisciplinare per la comunicazione d’impresa. Su questo e altri argomenti ha al suo attivo numerosi articoli per riviste di marketing e cinque libri. Tre per Il Sole 24 Ore: Oltre la pubblicità (1996), Multicreatività (1999), Comunicazione, relazione, profitto (2002). Per Franco Angeli: La pubblicità diventa comunicazione? (Dicembre 2004) e Human satisfaction (Dicembre 2005). E’ titolare di una rubrica sulla comunicazione per il mensile Mark Up. Altre informazioni inserendo Marzio Bonferroni in www. Google. It indirizzo mail: m. Bonferroni@unione-adc. It .  
   
 

<<BACK