Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 













MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web








  LOGIN


Username
 
Password
 
     
   


 
Notiziario Marketpress di Martedì 19 Settembre 2006
 
   
  GRUPPO CREDEM, PIANO TRIENNALE 2006-2008. A FINE 2008: RACCOLTA DA CLIENTELA IN CRESCITA MEDIA ANNUA DEL 7,1%

 
   
   Reggio Emilia, 19 settembre 2006 - Il direttore generale di Credem, Adolfo Bizzocchi ha presentato ieri alla comunità finanziaria e alla stampa il piano strategico triennale 2006-2008 approvato mercoledì 13 settembre dal consiglio di amministrazione del Gruppo presieduto da Giorgio Ferrari. Il piano strategico 2006-2008, redatto sulla base dell’attuale scenario di previsione economica, si sviluppa in piena continuità con il precedente (2004-2006) i cui obiettivi economici sono stati raggiunti con un anno di anticipo. La pianificazione triennale prevede una marcata focalizzazione sul core business del Gruppo - banking commerciale e wealth management - con particolare attenzione ai target di clientela tradizionali: famiglie, operatori di small business e piccole e medie imprese. La pianificazione 2006-2008 prevede il mantenimento della redditività del Gruppo ai massimi livelli del sistema, tassi di crescita del business in linea con i migliori operatori del mercato, espansione selettiva degli sportelli, rafforzamento del Wealth Management e della base clientela, sviluppo dei processi organizzativi, ottimizzazione della risorsa capitale. Il piano prevede a fine 2008, un utile netto consolidato di oltre 240 milioni di euro. Il Roe a fine 2008 è previsto sopra il 17%. La raccolta da clientela è prevista in crescita con una media annua del 7,1% a quota 69. 404 milioni di euro. Gli impieghi diretti totali cresceranno circa il doppio di quanto stimato dal mercato, con una media annua dell’11,4%, raggiungendo a fine 2008, i 17. 562 milioni di euro. E’ prevista l’apertura selettiva nel Nord-est, Nord-ovest, in Toscana e nella dorsale adriatica di 82 nuove filiali, due nuovi centri imprese e due negozi finanziari (9 sono le chiusure previste per razionalizzare la presenza in alcuni territori). Saranno inoltre reclutati circa 550 nuovi dipendenti e circa 160 promotori finanziari, risorse destinate in prevalenza al settore commerciale. Il Gruppo Credem punta, a fine 2008, ad avere una diffusione territoriale basata su 528 sportelli, 1. 180 promotori finanziari con mandato, 42 centri imprese, 62 negozi finanziari e circa 5. 500 dipendenti. Il cost/income sarà, a fine 2008, al 58,2%* (62%* a fine 2005), nonostante la previsione di importanti investimenti di natura commerciale. Complessivamente nel triennio sono previsti investimenti in marketing e pubblicità per oltre 31 milioni di euro con l’obiettivo di raddoppiare il tasso di acquisizione della clientela, investimenti che si aggiungono a quelli relativi all’apertura di nuovi sportelli ed in information tecnology per complessivi 95 milioni di euro. Sono inoltre previsti interventi per l’ottimizzazione di alcuni processi aziendali della capogruppo, nuovi modelli di misurazione della qualità dei processi commerciali e un più efficiente modello di gestione della spesa. Il piano prevede il mantenimento di una posizione di eccellenza e di avanguardia nell’utilizzo di sistemi interni di rating per la valutazione e gestione del rischio di credito e l’adozione di modelli avanzati anche per i rischi operativi. Il Wealth Management si conferma tra i business di punta del Gruppo e in questa area sono previsti interventi per potenziare l’intera filiera ed investimenti per innovare e razionalizzare la gamma prodotti. Altri dati Il margine di intermediazione si prevede in crescita media annua del 7%, raggiungendo, a fine 2008, 1. 158 milioni di euro contro 945 milioni di euro del 2005. I costi operativi sono previsti a fine 2008 a 674 milioni di euro rispetto a 586 milioni di euro di fine 2005 (+4,7% medio annuo). Per il risultato lordo di gestione è prevista una crescita media annua del 10,5% con obiettivo di raggiungere 484 milioni di euro a fine 2008 (359 milioni di euro a fine 2005). Il risultato operativo è previsto in crescita di circa il 10,5% annuo, attestandosi a 450 milioni di euro a fine 2008 (333 milioni di euro a fine 2005). Il patrimonio di base a fine 2008 è previsto a 1. 388 milioni di euro (1. 056 milioni di euro a fine 2005) con una crescita media annua del 9,5%. Il Tier 1 capital ratio è previsto a fine 2008 a 7,7%, invariato rispetto a fine 2005. .  
   
 

<<BACK