Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 













MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web








  LOGIN


Username
 
Password
 
     
   


 
Notiziario Marketpress di Mercoledì 20 Settembre 2006
 
   
  SBLOCCATO IL PROGETTO PER IL MUSEO ARCHEOLOGICO DI OPLONTI PIANO ESECUTIVO INVIATO IN SOPRINTEDENZA, PRONTI 300 MILA EURO

 
   
  Torre Annunziata, 20 settembre 2006 - Ripartono i lavori per la realizzazione del museo archeologico di Torre Annunziata. Il progetto, bloccato per tre anni a causa di crisi politiche e cavilli burocratici, è stato finalmente recuperato. Il piano esecutivo è stato inviato ieri dal Comune alla Soprintendenza archeologica di Pompei e si attende ora l’approvazione finale, per dare il via ai lavori. A disposizione ci sono trecento mila euro di fondi governativi, stanziati nel 2003 e da investire entro l’anno. “Museo degli Ori di Oplonti”, questo il nome della struttura che nascerà nell’ex stazione ferroviaria di piazza Nicotera, a sud di Torre Annunziata e a pochi metri di distanza dal sito archeologico. La notizia è stata ufficializzata ieri dagli uffici tecnici comunali, sensibilizzati al riguardo dalle società del Polo Nautico torrese (Ferretti, Gagliotta, Air Naval Yacht, Centro Rimessaggio Baia Rovigliano, Fast Form), il partito dei comunisti italiani e da rappresentanti istituzionali locali, provinciali e regionali, organizzando sul tema tre giorni di dibattiti e convegni dal 15 al 17 settembre. Obiettivo? Riportare l’attenzione pubblica sul patrimonio archeologico di Torre Annunziata, riconosciuto patrimonio dell’Unesco. “Siamo riusciti in questa impresa – commenta soddisfatto Salvatore Civaro, organizzatore dei convegni – unendo le forze di politici, manager, imprenditori e tecnici della città. Ci tengo a ringraziare soprattutto gli amministratori della società “Centro Rimessaggio Baia Rovigliano”, che rientra nel gruppo di imprenditori del polo nautico torrese, tutti gli iscritti del pdci, il gruppo giovanile dei Verdi, il regista Enzo Celone che ha collaborato attivamente per la realizzazione del progetto e gli uffici tecnici comunali, a cui ora spetta gestire la parte più difficile dell’iniziativa”. Intanto si è all’opera sul territorio per stringere maggiori contatti con la sede dell’Unesco, con l’intento di promuovere altre manifestazioni sul territorio e continuare il percorso avviato di promozione e sviluppo del sito archeologico torrese e degli Ori di Oplonti. “I nostri investimenti in città nel settore della nautica – spiega Renato Martucci, amministratore delegato di “Gagliotta” e presidente regionale dell’associazione nautica – sono legati allo sviluppo del territorio, che inevitabilmente passa attraverso il turismo marittimo, ma anche archeologico. Saremo dunque sempre pronti ad appoggiare iniziative di questo tipo e speriamo a breve di poter partecipare all’inaugurazione del museo degli Ori di Oplonti e vedere al nostro fianco qualche referente dell’Unesco”. .  
   
 

<<BACK