Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 













MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web








  LOGIN


Username
 
Password
 
     
   


 
Notiziario Marketpress di Giovedì 21 Settembre 2006
 
   
  UN DUELLO TRA TITANI ALLA 38ESIMA BARCOLANA MAXIMUS-ALIKÈ DI BODINI SFIDA ALFA ROMEO 2

 
   
   Trieste – 21 settembre 2006 - Maximus-alikè contro Alfa Romeo 2: è questa la sfida annunciata nella categoria Super-maxi alla 38esima edizione della Barcolana. Un duello che contrappone l´olimpionico triestino Lorenzo Bodini - che ha charterizzato Maximus per l´occasione - a Neville Crichton, già due volte vincitore della Barcolana con Alfa Romeo 1 (2003-2004), e fresco vincitore con Alfa Romeo 2 della "Maxi Yacht Rolex Cup". Un confronto in mare caratterizzato dalla massima espressione della moderna tecnologia velica: a partire dagli scafi, entrambi di 98 piedi (30 metri), e muniti entrambi di chiglia mobile (canting keel). "Alfa Romeo continua ad essere la barca che tutti sognano di battere" - è con questa affermazione che Crichton ha chiuso i propri commenti dopo il successo al Mondiale di Porto Cervo, dando appuntamento ai suoi per la Barcolana. Ed è a questo sogno che si ispira il progetto di Bodini, detentore di quattro titoli europei Ims, e pronto a lanciare la sfida nelle acque di casa propria con un"altra formula uno del mare. "Non intendo sottovalutare nessuno - commenta Lorenzo Bodini - ma è evidente che imposteremo la regata per cercare di battere Alfa Romeo. Una sfida tra due barche simili tra di loro e concepite per vincere ad ogni livello". Alfa Romeo 2 può contare, rispetto alla versione precedente, su un albero di 7,5 metri più alto e capace di supportare un 30% in più di velatura: fatto che permette all´imbarcazione di raggiungere velocità del 10% superiori a quelle di Alfa Romeo 1, basti pensare ai 22 nodi di media con cui lo scafo ha superato lo stretto di Tasman durante l´ultima edizione della Sidney-hobart, ed ai 37 nodi di velocità che può mantenere per lungo tempo in andatura regolare. Maximus, varato in Nuova Zelanda il giorno di San Valentino del 2004 e progettato da Clay Oliver e Greg Elliott è costruito interamente in carbonio, può contare su una superficie velica di 500 metri quadri in bolina, ed 800 in andatura di poppa. Vantaggi essenziali che sono alla base dei tanti successi di Maximus che si è imposto in Gran Bretagna nella durissima Rolex Fastnet Race 2005, battendo sul traguardo di Plymouth anche l´ultima vincitrice della Barcolana, ovvero il Super-maxi "Skandia Wild Thing" charterizzato l´anno scorso con il nome di "Trieste, Provincia di. ". "Torno alla Barcolana e a Trieste con grande piacere, una città che mi ha accolto con simpatia e mi ha regalato grandi emozioni. Un caldo entusiasmo che ha contagiato tutto il mio equipaggio che non vede l´ora di rituffarsi in un evento straordinario e riabbracciare vecchi amici - ha dichiarato Crichton - con Alfa Romeo 1 abbiamo già partecipato due volte ed in entrambe le occasioni abbiamo avuto il privilegio della vittoria e del giro d´onore, è stato molto bello e ci piacerebbe fare la tripletta. Alfa Romeo 2 è ancora più veloce della precedente ma in ogni caso alla Barcolana partecipano anche altre barche di grande dimensioni e ipertecnologiche, vincere diventa sempre più impegnativo e per questo più affascinante. A luglio abbiamo fatto ulteriori modifiche alla barca, in particolare abbiamo rimodellato il bulbo di tungsteno migliorando ancora la nostra performance. La barca esprime il top della tecnologia, ora occorre che noi tutti, a bordo di Alfa Romeo, riusciamo a dare il massimo per offrire a Trieste un´altra regata memorabile" . Pur non dimenticando il potenziale della nuova Alfa Romeo Neville Crichton ha affermato che "Alfa Romeo potrebbe essere la barca più veloce ed avanzata tecnologicamente ad aver mai partecipato ad una regata, ma la tecnologia non servirà se l´equipaggio non farà bene il suo lavoro o se non saremo accurati nelle nostre analisi meteorologiche e di navigazione". .  
   
 

<<BACK