Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 













MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web








  LOGIN


Username
 
Password
 
     
   


 
Notiziario Marketpress di Giovedì 21 Settembre 2006
 
   
  INVESTIMENTI PUBBLICITARI IN CRESCITA IN EMILIA ROMAGNA. IL DATO È EMERSO DURANTE LA TAPPA BOLOGNESE DELLE “GIORNATE DI ASSOCOMUNICAZIONE” MARCO TESTA: “ALLEANZA AZIENDE - IMPRESE DI COMUNICAZIONE SIA ALL’INSEGNA DELLA QUALITÀ”

 
   
  Bologna, 21 settembre 2006 – “Sono cresciuti del 5,7% nell’ultimo anno gli investimenti pubblicitari delle aziende in Emilia Romagna”. Il dato è stato reso noto durante la prima tappa del road show nazionale di Assocomunicazione, che riunisce 176 imprese del settore della comunicazione in Italia e che rappresentano il 75% del mercato nazionale. Le aziende emiliane hanno investito complessivamente 634 milioni di euro in pubblicità nel 2005, come risulta dai dati Nielsen Media Research (stima investimenti netti) elaborati da Media Italia. Il trend è positivo anche nel 2006, poiché nei primi 6 mesi dell´anno si registra un´ulteriore crescita del 3,7% rispetto allo stesso periodo del 2005. Il mezzo predominante scelto dalle aziende per fare pubblicità è la televisione che assorbe quasi il 63% del mercato, seguita dai periodici e quotidiani. “La scelta di Bologna per lo svolgimento della prima delle ‘Giornate di Assocomunicazione’- ha detto Marco Testa, Presidente dell’Associazione - è significativa poiché si tratta di una regione molto attiva nel settore della comunicazione, racchiude imprenditori illuminati che ne hanno capito il valore e il contributo che può portare alla crescita della marca, e del mercato in generale. ” In vetta alla top ten degli investitori pubblicitari della regione si colloca Barilla, che da sola spende il 18,5% del totale regionale. La seguono Eminflex (6,2% del mercato regionale) e Granarolo (3%). Sullo stesso livello Coop Italia (2,88%) e Parmalat (2,62%). Al sesto e settimo posto si piazzano Montenegro e Conalec. Rappresentano ciascuna una quota di poco inferiore al 2% la Cadey di Piacenza, il modenese Gruppo Global e la parmense Poltrone e Sofà. “Solo attraverso strategie di comunicazione efficaci e innovative – ha spiegato Marco Testa - le marche possono guadagnare spazio nel mondo di oggi. Adesso più che mai, le imprese di comunicazione sono partner decisivi per le aziende, powerhouse di quella grande creatività capace di creare la roccia a fondamento della marca o l’alchimia che la trasforma. Ma se da una parte, le agenzie stanno investendo molto per creare nuovi strumenti e professionalità necessari in un mercato in profonda trasformazione, dall’altra le risorse vengono tagliate, le commissioni d’agenzia sono in continuo calo, le gare sono basate sul prezzo più basso. Questo stato danneggia gravemente il nostro settore. A questo punto ritengo - conclude Testa - che un’intesa fra utenti e agenzie sia davvero necessaria nell’interesse di tutti”. “Considero la collaborazione prestigiosa di Confindustria Bologna – prosegue Gianna Terzani, bolognese, Vice Presidente di Assocomunicazione, che ha curato la realizzazione dell’evento – una prima opportunità per creare un legame più stabile tra le nostre associazioni sul territorio a riconferma che per agenzie e aziende lo scambio di conoscenza è la premessa indispensabile non solo per stimolare creatività e innovazione, ma anche per fare sistema e affrontare meglio la competizione internazionale”. Dopo la tappa bolognese di oggi, il road show Assocomunicazione proseguirà a Bari il 30 settembre e tratterà: “Il valore della marca come fattore di successo nella comunicazione internazionale”, sarà poi a Napoli all’inizio del 2007. Proseguono inoltre gli altri progetti avviati dal Presidente Marco Testa, tra questi il Libro Bianco di Assocomunicazione, un documento di analisi economica del mercato della comunicazione in Italia a testimonianza della capacità di creazione di valore aggiunto per le aziende italiane e quindi di innovazione per il paese stesso. Tra gli economisti contattati Umberto Bertelè, Giacomo Vaciago, Marco Vitale. Entro il mese di settembre, l’Associazione terminerà la raccolta dei bilanci delle Imprese associate, in previsione della compilazione della classifica degli associati che l’autorizzeranno. Inoltre, con l’obiettivo di accrescere la notorietà dell’Associazione anche inserendola in contesti pubblici, tra gli eventi sono previsti il Motorshow di Bologna, in programma per dicembre 2006, e la Biennale di Venezia nel 2007. Mentre, nel mese di novembre, per approfondire i temi legati alla remunerazione e alla contrattualistica, Assocomunicazione organizzerà a Milano il convegno annuale Adlaw, dal titolo “La partnership Cliente – Agenzia. Analisi comparata delle clausole più rilevanti”. Ricordiamo infine che nel mese di giugno l’Associazione ha presentato per la prima volta lo studio di scenario “Comunicare Domani”. .  
   
 

<<BACK