Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 













MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web








  LOGIN


Username
 
Password
 
     
   


 
Notiziario Marketpress di Giovedì 21 Settembre 2006
 
   
  CARTE PER LA VITA E CARTE PER LA STORIA: LE BENEDETTINE IN LECCE TRA MEDIOEVO ED ETÀ BAROCCA

 
   
   Lecce, 21 settembre, 2006 - Da oggi comincia la seconda fase della mostra delle antiche pergamene Carte Per La Vita E Carte Per La Storia: le Benedettine in Lecce tra Medioevo ed Età Barocca, che ha aperto i battenti il 29 luglio u. S. , nella suggestiva cornice del Monastero delle suore Benedettine di San Giovanni Evangelista. A partire da questa data e fino al 7 gennaio 2007 la mostra sarà aperta su prenotazione dal lunedì al venerdì, mentre il sabato e giorni festivi dalle 10. 00 alle 13. 00 e dalle 16. 30 alle 19. 30 Dalla fine di settembre sarà, inoltre, attivo un tour virtuale che consentirà di visitare la mostra semplicemente digitando agenziaeuromed. It. Il sito dell’Agenzia per il Patrimonio Culturale Euromediterraneo, l’organizzazione no profit promotrice dell’evento culturale, ospiterà, un link della mostra, che aprirà le porte millenarie del Monastero di San Giovanni Evangelista. Una piantina interattiva permetterà, di visualizzare le tre sale dell’esposizione e, muovendo il mouse su di essa, sarà possibile evidenziare e quindi selezionare la sala di interesse e consultare un elenco di tutte le opere in essa presenti, la relativa immagine e descrizione in quattro lingue: italiano, inglese, francese e tedesco. Il tour virtuale, sarà, inoltre, arricchito, di un video che, con le sue immagini suggestive, consentirà anche agli internauti di immergersi nell’atmosfera suggestiva e affascinante di questo evento culturale unico. Data la sua importanza, unicità e grande successo, registrato nei primi mesi di apertura al grande pubblico, si è pensato, in questo modo, di rendere la mostra delle antiche pergamene aperta veramente a tutti e di offrire al grande pubblico l’opportunità di godere e ammirare, per la prima volta, il preziosissimo scrigno di tesori storici di cui le Benedettine sono state per secoli depositarie e custodi. Un evento, nell’evento, quindi, che dona alla antiche carte una nuova vita, che veste di modernità le pagine ingiallite dal tempo e che vede l’incontro e la fusione fra la tecnologia del terzo millennio capace di abbattere i limiti dello spazio e del tempo, e la vita millenaria del cenobio, con le sue giornate scandite dal lento scorrere delle ore liturgiche, dallo studio e dalla preghiera, ancora oggi linfa e nutrimento per l’anima e la mente. La mostra, coordinata dal Professor Francesco De Luca, Ordinario di Archivistica presso il Dipartimento dei Beni, delle Arti e della Storia della Facoltà di Beni Culturali dell’Università degli studi di Lecce, è stata, infatti, concepita come un viaggio alla scoperta di una memoria dimenticata, ma quanto mai viva e vitale grazie alla preziosa documentazione custodita per secoli, che torna a raccontare il suo affascinante passato semplicemente mettendosi in mostra. Questo viaggio nella memoria si snoda attraverso tre itinerari diversi che si intrecciano, ripercorrendo e raccontando, per la prima volta, la storia del monastero, in uno scorrere cronologico di affascinante richiamo, che consente all’archivio di parlare di se e di raccontarsi. La prima sezione, curata da Antonio De Meo e Roberta Dell’anna, è dedicata alle pergamene, documenti fondamentali per la conoscenza della storia delle istituzioni. I documenti in esposizione sono 5 antichissime pergamene, che i curatori delle sezione hanno individuato fra le 88 custodite dal Monastero, dopo un’attenta analisi storico-culturale. Questi documenti, infatti, costituiscono un’importante testimonianza del dialogo e degli interscambi tra il monastero e le autorità pubbliche, dal tempo della sua fondazione, al Quattrocento. Scopo della sezione è, infatti, non solo la mera interpretazione del documento, ma anche e soprattutto quella di illustrare la funzione che tali documenti assolvevano in un determinato contesto storico. La seconda sezione è dedicata ai documenti relativi alla plurisecolare attività del monastero a partire dell’età medievale, che testimoniano il rapporto con il territorio e la società fino ai nostri giorni. Sono 3 i documenti prescelti dalla curatrice Rosellina Dell’arpe: due Libri introitus et exitus del 1776 e 1778 e una platea del 1691. Nei primi due ritroviamo una puntuale e precisa registrazione delle spese “minute” e delle entrate provenienti da beni immobili del monastero, la platea, invece, attiene a una descrizione analitica dei possedimenti censiti nell’anno di riferimento. La terza sezione della mostra dedicata ai libri e curata da Giuseppe Miccolis, è il completamento dell’indagine conoscitiva realizzata tramite l’accurata analisi di antichi documenti. L’esame del patrimonio librario posseduto dal monastero testimonia, ancora una volta, come il l’istituzione non fosse solo e semplicemente un centro di diffusione religiosa, ma anche un importante nucleo culturale perfettamente incardinato nel contesto sociale del tessuto cittadino. Sono sette gli esemplari in esposizione. Di particolare rilevanza sono le glosse presenti in alcuni volumi che danno l’immagine dello scorrere del tempo attraverso annotazioni personali, testimonianze preziose e racconto silenzioso di una vita scandita non solo dai tempi della liturgia, ma arricchita anche della lettura di testi sacri e da opere di carità. Una brochure, disponibile in italiano, inglese, francese e tedesco, aiuterà i visitatori a entrare nello spirito di questa mostra, e li accompagnerà in un viaggio unico nel silenzio della parola che semplicemente lasciandosi ammirare si anima e si fa storia. Sarà, inoltre, realizzato su supporto multimediale un documentario per illustrare al meglio i particolari più nascosti del prezioso tesoro storico che le Suore Benedettine hanno rivelato per la prima volta al grande pubblico. L’importante evento culturale è stato fortemente voluto e organizzato dal Monastero delle suore Benedettine di San Giovanni Evangelista, e dall’ l’Agenzia per il Patrimonio Culturale Euromediterraneo e vanta l’Alto Patrocinio del Presidente della Repubblica e delle più importanti e prestigiose istituzioni a livello nazionale e locale: la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, il Ministero dell’Istruzione C. S. A. Lecce, l’Archivio di Stato di Lecce, la Regione Puglia, la Provincia di Lecce, il Comune di Lecce, l’Università degli Studi di Lecce, Cidac (Associazione Città d´Arte e Cultura), Confindustria Lecce, con il contributo mediatico dell’emittente televisiva Studio 100. Orari e Giorni Di Apertura: Monastero di San Giovanni Evangelista – Via delle Benedettine, 4 - Lecce Ingresso Gratuito Dal 21 settembre-7 gennaio 2007 Informazioni Mostra: Agenzia per il Patrimonio Culturale Euromediterraneo Tel/fax:0832 253904; 0832 331753; e-mail: info@agenziaeuromed. It .  
   
 

<<BACK