Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 













MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web








  LOGIN


Username
 
Password
 
     
   


 
Notiziario Marketpress di Giovedì 21 Settembre 2006
 
   
  APRIRÀ ENTRO L´ANNO IL 10° CENTRO ALZHEIMER DELLA CAPITALE

 
   
   Roma, 21 settembre 2006 - Sarà attivato entro il 2006 il 10° Centro Alzheimer della città, secondo il piano varato dall´Assessorato alle Politiche sociali e della Salute che prevede l´apertura di un Centro in ogni Municipio. Il nuovo centro, che sarà aperto nel territorio del 1° Municipio sarà il terzo sul bacino di intervento della Asl Rm A. Il primo Centro Alzheimer della Capitale è stato quello di Torre Spaccata, inaugurato nel luglio 2002. I Centri sono strutture a carattere diurno o semi-residenziale, che si pongono a livello intermedio tra il servizio di assistenza domiciliare e il ricovero in strutture residenziali assistenziali. I Centri fanno seguito agli accordi di programma che, l´Assessorato alle Politiche Sociali e Promozione della Salute ha sottoscritto con tutte le Aziende Sanitarie Locali al fine di realizzare l´integrazione dei servizi socio-sanitari a favore di anziani affetti da alzheimer ed altre tipologie di demenza, mediante interventi di carattere territoriale, domiciliare, semiresidenziale e strutture di "sollievo". Gli obiettivi dei Centri sono: ritardare il più possibile l´istituzionalizzazione dell´ anziano contenendo l´evoluzione della malattia attraverso il mantenimento delle abilità residue, il controllo dei disturbi del comportamento, il recupero mediante la riabilitazione fisica e psichica . Migliorare la qualità di vita dell´anziano e della sua famiglia, riducendo il carico assistenziale dei familiari, offrendo un concreto servizio di sostegno al nucleo familiare per prevenire situazioni estreme di stress. La partecipazione al Centro consente agli utenti di accrescere gli ambiti relazionali, l´autostima e d´altro lato di permettere ai familiari di essere sostenuti nei propri compiti di cura. I servizi che ogni Centro Diurno mette a disposizione degli utenti sono: servizio trasporto, servizio pasti; attività di socializzazione; terapia occupazionale, attivazione cognitiva; servizio di assistenza alla persona; servizio di animazione sociale; attività motorie di gruppo, servizio di fisioterapia ed infermeria , servizio medico; servizio di segretariato sociale; servizio di assistenza psicologica; servizio di sensibilizzazione e sostegno alle famiglie attraverso corsi d´informazione sul trattamento dell´anziano. "Con questo nuovo centro aggiungeremo un nuovo tassello alla rete di servizi rivolti agli anziani della nostra città, portando a 10 i Centri di sollievo per i malati di Alzheimer e le loro famiglie nella città di Roma" - ha dichiarato l´Assessore alle Politiche sociali e promozione della Salute Raffaela Milano – Una risultato che ritengo di grande importanza, visto che tutti i centri sono sorti negli ultimi 5 anni, e che costituisce un dei nodi programmatici del Piano Regolatore Sociale ed un esempio concreto e prezioso di modello di integrazione socio-sanitaria dei servizi per i cittadini". Elenco dei Centri Alzheimer attivi a Roma
Nome Indirizzo Municipi Asl
La Pineta Argentata Via Casal Boccone n. 112 1-2-3-4 Rm A
Sant´eufemia Via Guattani 17 1-2-3-4 Rm A
Hansel e Gretel Via di Torre Spaccata 157 5-7-8-10 Rm B
La Coccinella Via degli Elci, 35 5-7-8-10 Rm B
Amarcord Via Ancellotto n 39 6-9-11-12 Rm C
Tre Fontane Via Laurentina, 289 6-9-11-12 Rm C
Attivamente Via Demetriade, 74 6-9-11-12 Rm C
Casa Vittoria Via Portuense 220 13-15-16 Rm D
Arcobaleno Via G. Ventura 60 17-18-19-20 Rm E
Il Call Centre "Alzheimer Oggi" – 800. 915379 Dal 2003, grazie ad un accordo fra Comune, Associazione Alzheimer Roma e Associazione Italiana Malattia di Alzheimer - Aima Roma, è nato il "Call Centre Alzheimer Oggi". Riceve una media di 15-20 telefonate al giorno da tutto il territorio cittadino fornendo sostegno e orientamento alle famiglie delle persone affette da questa patologia. Al numero verde 800915379 - attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 10. 00 alle ore 18. 00 e il sabato dalle ore 9. 00 alle ore 13. 00 - si alternano 20 operatori, volontari ed esperti, che forniscono informazione e orientamento su: Strutture e servizi ospedalieri specialistici (Unità di Valutazione Alzheimer U. V. A. E simili Strutture territoriali delle Asl dove esista una consolidata esperienza nei riguardi dei malati di Alzheimer; Strutture socio - sanitarie operanti presso Municipi e Asl, quali Centri diurni, centri di riabilitazione, ricoveri di sollievo, Rsa, ecc; Disponibilità di prestazioni appropriate in campo socio-sanitarie (Assistenza Domiciliare e simili) e psicologico per i malati e i loro Care givers; Questioni di ordine giuridico relative ai diritti dei malati e dei loro familiari; Iniziative volte a fornire strumenti di comprensione della malattia per una migliore gestione della malattia stessa (corsi di formazione, gruppi di sostegno ai familiari, etc. ); Supporto che le due Associazioni forniscono attraverso l´opera dei loro volontari ed esperti. Alcuni dati sull´Alzheimer a Roma. La stima delle persone con demenza nella fascia degli ultra65enni, risulta a Roma, dai 25. 000 ai 40. 000, dei quali perlomeno la metà è affetta da demenza degenerativa di tipo alzheimer ( 12. 500/20. 000) con una tendenza all´aumento correlato al progressivo invecchiamento della popolazione. In Italia, invece, si stimano oltre 700mila malati, il 7% degli over 65enni, 55mila nel Lazio. Tuttavia gli ultimi studi nazionali e internazionali sulla prevalenza e incidenza della demenza evidenziano che i dati attualmente disponibili sottostimano il problema: 25 milioni di persone nel mondo soffrono di demenza, 4,6 milioni di nuovi casi l´anno, una nuova diagnosi ogni 7 secondi. Secondo uno studio italiano l´incidenza dei casi è raddoppiata negli ultimi 5 anni. (Dati Aima) Negli ultimi anni la popolazione anziana ultra65enne della città di Roma è aumentata di oltre 65. 000 unità fino ad arrivare a 565. 238 mila persone (255. 306 sono invece gli ultra 75enni), gli ultra centenari 1. 200. . .
 
   
 

<<BACK