Dati Editore | Chi Siamo | Redazione | Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 














MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web








  LOGIN


Username
 
Password
 
     
   

P.I. 12573730152


 
Notiziario Marketpress di Martedì 03 Marzo 2009
 
   
  UNIONE EUROPEA: I GIOVANI E LA POLITICA

 
   
  Bruxelles, 3 marzo 2009 - I più interessati alla politica sono i giovani greci ma è nel nord dell´Europa che troviamo la gioventù più attiva politicamente. In Italia siamo piuttosto coscienziosi: siamo tra i paesi, insieme alla Svezia e al Belgio, in cui la percentuale di giovani che si reca alle urne per le elezioni è la più alta d´Europa. L´ultima indagine dell´Eurobarometro 2007 ci svela un quadro della gioventù europea piuttosto dinamico. L´82% dei giovani europei s´interessa alla politica del proprio paese, il 73% alla politica della loro regione e il 66% alla politica a livello comunitario. I ragazzi risultano essere molto più attivi in politica rispetto alle donne ma in generale solo il 5% è iscritto a un partito politico. La Grecia detiene il primato della gioventù più interessata alla politica a tutti i livelli mentre i belgi, i rumeni e i cechi sembrano essere meno sensibili ai problemi della società. L´avvenire dell´Europa - I giovani sono l´essenza e il futuro dell´Europa ma come riuscire a migliorare la loro partecipazione ai processi di democrazia partecipativa e a implicarli di più nelle problematiche della società civile? Abbassare l´età legale per l´esercizio del diritto di voto potrebbe essere un modo per attirare i giovani verso la politica. La deputata austriaca Karin Resetarits (Alde) ha ricordato che le elezioni 2008 del Consiglio nazionale austriaco, durante le quali furono ammessi al voto anche i giovani di 16 anni, "sono state uno schiaffo in faccia: tutti votarono a destra". "Abbassare l´età per l´esercizio del voto non è sufficiente - ha affermato l´eurodeputata Lissy Gröner (Pse)- sono più importanti invece il ruolo dei genitori e le campagne d´informazione focalizzate su un pubblico giovane". Proprio sul problema dell´informazione e della comunicazione con i giovani si è espresso il presidente del Forum europeo della gioventù, Tine Radinja: "Dobbiamo creare una cultura della partecipazione. Solo i giovani informati diventeranno dei cittadini attivi". L´europa dei giovani - L´europa, secondo i dati dell´Eurobarometro, è un soggetto che interessa i giovani. Molti di loro, infatti, la associano alla libertà di circolare, di studiare e di lavorare liberamente in un altro paese membro e considerano queste libertà come i principali vantaggi della "cittadinanza europea". Anche in questo caso si registra una differenza tra paesi. I giovani dei nuovi Stati membri hanno tendenza a considerare molto più positivamente l´Ue rispetto ai loro corrispettivi della vecchia Europa. L´unione europea ha creato molte iniziative a sostegno dei giovani. Il Patto europeo per la gioventù, che s´iscrive nell´ambito della strategia di Lisbona, è stato creato proprio con lo scopo di migliorare l´istruzione, la formazione, l´inserimento professionale e l´inclusione sociale dei giovani europei. "I giovani hanno bisogno di un sogno - ha affermato il deputato rumeno Daniel Petru Funeriu (Ppe/de) - una volta che hanno un sogno sentiranno il desiderio di parteciparvi. Ma chi sogna realmente il "sogno europeo"?". I giovani di oggi, contrariamente a quanto si creda, sono informati su molte cose, compresa la politica europea. Per le prossime elezioni, essi dispongono di tutte le informazioni necessarie per fare la loro scelta: "Dobbiamo solo far appello al loro senso di responsabilità", ha affermato la deputata austriaca Christa Prets (Pse) .  
   
 

<<BACK