Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 













MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web








  LOGIN


Username
 
Password
 
     
   


 
Notiziario Marketpress di Giovedì 28 Settembre 2006
 
   
  UVE SANE E BUONI PARAMETRI TECNOLOGICI CONFERMANO UNA GRANDE ANNATA PER IL TOCAI FEDERDOC: NEL VIGNETO FRIULI LA VENDEMMIA 2006 È OTTIMA

 
   
  Quella del 2006 si preannuncia come una vendemmia ottima per il Friuli Venezia Giulia, con uve sanissime, profumi intensi e parametri vendemmiali tecnologici più che buoni. Le stime vengono dalla Federdoc, la federazione che riunisce i nove consorzi di tutela vini Doc e Docg della regione, impegnata in questi giorni a monitorare l´andamento della raccolta delle uve. "Ci troviamo di fronte a un´ottima annata - spiega il presidente di Federdoc Stefano Trinco - in cui dal punto di vista meteorologico la siccità di luglio è stata equilibrata dalla freschezza di agosto e settembre. Questo ha favorito la maturazione delle varietà friulane che necessitano di uno sbalzo termico con notti fresche alternate a giornate calde, proprio come è avvenuto". Il risultato è uva molto sana, come era già emerso dai primi monitoraggi effettuati alcune settimane fa. "I parametri vendemmiali tecnologici, cioè gli zuccheri e l´acidità - sottolinea il direttore di Federdoc Michele Bertolami - sono ottimi. Le uve, infatti, contengono un ottimo tenore in zuccheri e l´acidità non è calata troppo, attestandosi su 6-6,5 g/l. Ciò significa che si potranno produrre vini bianchi importanti, freschi e di buona longevità. Per quanto riguarda le rese uva/vino, invece, saranno piuttosto basse, con una media del 15-30 per cento in meno rispetto allo scorso anno, relativa in particolare ai vigneti non irrigati". Meno uva, ma più qualità insomma. "Vista la siccità di luglio - prosegue Bertolami -, la vite pensava di attuare strategie di difesa dal caldo e ha prodotto acini piccoli con buccia più spessa. Le uve sono quindi più sane, hanno resistito meglio agli attacchi di acari e insetti e racchiudono in sé più sostanze profumate. Anche per le varietà a bacca rossa ci sono presupposti molto buoni, però bisogna vedere cosa succederà nelle prossime due settimane". In questa annata che si preannuncia davvero ottima per il Vigneto Friuli, il pensiero di molti produttori va all´ultima vendemmia di Tocai friulano, anche se il vitigno continuerà a chiamarsi così. "Quasi per uno scherzo del destino - conclude il presidente Trinco - sembra che il 2006 sarà una grande annata per il Tocai che ha bisogno di caldo per maturare bene. Attendiamo dalla Regione indicazioni precise sulle strategie di promozione del nuovo nome Friulano che dovranno essere attuate a partire da gennaio 2007". .  
   
 

<<BACK