Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 













MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web








  LOGIN


Username
 
Password
 
     
   


 
Notiziario Marketpress di Martedì 07 Aprile 2009
 
   
  CNA BASILICATA INCONTRA ON. MARGIOTTA PER DDL IMPRESA EDILE

 
   
  Potenza, 7 aprile 2009 - La Cna Costruzioni di Basilicata unitamente alla Cna Costruzioni Nazionale ha incontrato nei giorni scorsi a Roma l’On. Le Salvatore Margotta Vice Presidente della Viii Commissione Ambiente della Camera. Lo fa sapere, in un comunicato stampa, la stessa Cna. “Nel corso dell’incontro, al quale per la Cna Basilicata hanno partecipato il Presidente Antonio Catenacci ed il Segretario Leonardo Montemurro e per Cna Costruzioni Nazionale Giuliano Sciarri e Ferdinando Le Rose, è stata illustrata all’On. Le Margiotta la proposta di legge promossa dalla Cna per regolare l’accesso alla professione di imprenditore edile e a migliorare la sicurezza nel settore. Infatti è inconcepibile che ancora a tutt’oggi basti l’apertura della partita Iva e l’iscrizione alla Camera di Commercio, senza dover dimostrare alcun pre-requisito, per diventare imprenditore edile, contrariamente a quello che accade , per esempio, a tutti coloro che intendono avviare un’impresa nel ramo dell’autoriparazione o della installazione degli impianti, che invece, devono dimostrare già da tempo ( si pensi alla legge 122 del 1992) il possesso di determinati requisiti professionali. Sono queste le motivazioni, secondo Cna Costruzioni Nazionale,che hanno indotto la Cna a farsi promotrice di un disegno di legge per l’accesso alla professione edile che prevede, tra l’altro, una formazione per la sicurezza e requisiti minimi professionali, finanziari e di onorabilità per poter avviare l’attività. L’on. Le Margiotta ha condiviso le motivazioni alla base del disegno di legge ed ha assicurato il proprio fattivo contributo affinché si giunga alla approvazione di un testo condiviso dalle Associazioni di categoria che meglio risponda alle esigenze prospettate di qualificazione del settore e di sicurezza delle lavorazioni in edilizia”. .  
   
 

<<BACK