Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 













MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web








  LOGIN


Username
 
Password
 
     
   


 
Notiziario Marketpress di Giovedì 28 Settembre 2006
 
   
  WORKSHOP CONCLUSIVO “LA RISORSA IDRICA NIVO-GLACIALE NEL BACINO DEL FIUME PO: CONDIVISIONE DELLE CONOSCENZE E SVILUPPO DI SISTEMI INFORMATIVI E DI MONITORAGGIO”

 
   
   Aosta, 28 settembre 2006 – L’assessorato del Territorio, Ambiente e Opere pubbliche informa che, allo scopo di realizzare il confronto fra le diverse realtà dell’arco alpino e la condivisione di informazioni e metodologie derivanti da specifiche esperienze nazionali ed estere, l’Arpa Valle d’Aosta e l’Autorità di Bacino del Po, in collaborazione con l’Assessorato del Territorio, Ambiente e Opere pubbliche della Regione Autonoma Valle d’Aosta, organizzano un seminario dal titolo, “La risorsa idrica nivo-glaciale nel bacino del fiume Po: condivisione delle conoscenze e sviluppo di sistemi informativi e di monitoraggio”, che si svolgerà a partire dalle ore 8. 30 di martedì prossimo 3 ottobre, presso il Centro Congressi del Grand Hôtel Billia di Saint-vincent. Dopo gli interventi di apertura dell’assessore al Territorio, Ambiente e Opere pubbliche Alberto Cerise, del direttore tecnico dell’Autorità di Bacino del Fiume Po Francesco Puma e del direttore generale dell’Agenzia regionale per la Protezione dell’ambiente della Valle d’Aosta Edmondo Nocerino, i lavori proseguiranno con la presentazione delle attività svolte dalle agenzie del bacino del Po e dei primi risultati scaturiti dal progetto. Nella seconda parte della mattinata saranno poste a confronto alcune esperienze svolte in ambito nivo-glaciale a diversa scala in differenti contesti territoriali. Il pomeriggio, infine, sarà dedicato alle possibilità attuali di integrazione delle conoscenze e alle prospettive future, per una gestione integrata della risorsa idrica che tenga anche conto degli scenari di cambiamento climatico definiti a scala globale, nonché degli effetti attesi a scala locale. .  
   
 

<<BACK