Pubblicità | ARCHIVIO | FRASI IMPORTANTI | PICCOLO VOCABOLARIO
 













MARKETPRESS
  Notiziario
  Archivio
  Archivio Storico
  Visite a Marketpress
  Frasi importanti
  Piccolo vocabolario
  Programmi sul web








  LOGIN


Username
 
Password
 
     
   


 
Notiziario Marketpress di Giovedý 29 Gennaio 2009
 
   
  AMICI A QUATTRO ZAMPE: COME SI MUOVONO SENZA CORRERE IL RISCHIO DI METTERE UN PIEDE IN FALLO

 
   
  Bruxelles, 29 gennaio 2009 - Tutti i giorni ci capita di vedere animali a quattro zampe (quadrupedi): i cani e i gatti ci passano a fianco di continuo e spesso ci troviamo ad ammirare i movimenti aggraziati di cavalli e cervi. La maggior parte di noi, tuttavia, non ha mai provato ad analizzare la loro andatura. Qual Ŕ la zampa che mettono avanti per prima e come riescono a coordinare i movimenti di tutte e quattro le zampe per avanzare? Un gruppo di ricercatori si Ŕ occupato proprio di questa tematica, scoprendo un fatto interessante: nei modelli e nelle illustrazioni, il movimento dei quadrupedi Ŕ frequentemente rappresentato in modo errato. Lo studio, intitolato "Erroneous quadruped walking depictions in natural history museums" (Rappresentazione errata dell┤andatura dei quadrupedi nei musei di storia), e pubblicato nell┤ultimo numero della rivista Current Biology, dimostra che anatomisti, tassidermisti e disegnatori di giocattoli illustrano in modo scorretto l┤andatura dei cavalli e di altri quadrupedi in circa il 50% dei casi, nonostante la stessa sia stata descritta e illustrata correttamente pi¨ di 120 anni fa. Il team che ha condotto la ricerca ha analizzato diversi disegni appartenenti a collezioni museali che rappresentano quadrupedi in movimento, e ha osservato che pressochÚ nella totalitÓ dei casi, gli animali non erano rappresentati con due zampe sollevate da terra allo stesso tempo e dallo stesso lato. Spesso, sono addirittura i libri scritti da esperti di veterinaria e di anatomia animale a riportare illustrazioni nelle quali i movimenti dei quadrupedi sono riportati in modo scorretto. "La nostra principale scoperta Ŕ costituita dal fatto che la possibilitÓ di trovare illustrazioni che riportano erroneamente l┤andatura dei quadrupedi nell┤ambiente a noi vicino si attesta attorno al 50%: non pu˛ trattarsi che di un caso," ha affermato il dottor Gßbor Horvßth dell┤universitÓ di E÷tv÷s, con sede a Budapest. "Questo risultato Ŕ stato del tutto inaspettato poichÚ gli esperti di locomozione animale sono a conoscenza delle caratteristiche dell┤andatura dei quadrupedi dagli anni Ottanta del Xix Secolo, vale a dire da quando Ŕ stato pubblicato il famoso e pionieristico lavoro di Eadweard Muybridge. " Nei quadrupedi la prima zampa a muoversi Ŕ la sinistra posteriore, seguita dalla zampa sinistra anteriore. Lo stesso movimento viene poi ripetuto con la zampa destra. Tutti i quadrupedi camminano secondo questo schema e l┤unica variante Ŕ la velocitÓ con la quale viene eseguito. La ragione della diffusione universale di questo modo di camminare Ŕ da ricercare nella massima stabilitÓ fornita dallo schema. In altri termini, se l┤andatura Ŕ moderata, il corpo di un cane o di un cavallo Ŕ sostenuto costantemente da tre zampe appoggiate a terra, che formano un triangolo. La vicinanza della massa dell┤animale al centro di questi tre punti Ŕ direttamente proporzionale alla sua stabilitÓ. Il dott. Horv ha spiegato che l┤elevato tasso di errore riscontrabile nelle illustrazioni dell┤andatura dei quadrupedi Ŕ imputabile all┤imprecisione: spesso, infatti, le immagini sono copie di altre illustrazioni inesatte. Queste illustrazioni scorrette sono state riportate in libri, opere d┤arte e materiale anatomico di generazione in generazione. Nel caso dei giochi per i bambini, ha aggiunto, l┤errore non ha eccessiva gravitÓ, ma nei musei di storia naturale e nei libri di testo di anatomia la correttezza scientifica dovrebbe essere d┤obbligo. Per ulteriori informazioni, visitare: http://www. Current-biology. Com .  
   
 

<<BACK